I se­gre­ti del gar­zo­ne di bot­te­ga che fe­ce in­na­mo­ra­re Leo­nar­do

Fur­ti e ope­re di Gian Gia­co­mo Ca­prot­ti di Ore­no nel la­bo­ra­to­rio del mae­stro

Corriere della Sera (Milano) - - Monza E Brianza - Lei­la Co­de­ca­sa © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

VI­MER­CA­TE Lo an­no­tò nei suoi ap­pun­ti, Leo­nar­do da Vin­ci: «Ia­co­mo ven­ne a sta­re con me­co il dì del­la Mad­da­le­na nel mil­le 490, d’età d’an­ni 10». Il dì del­la Mad­da­le­na era il 22 lu­glio. Quel­lo «Ia­co­mo» era Gian Gia­co­mo Ca­prot­ti, gar­zo­ne di bot­te­ga. Ar­ri­va­va da Ore­no di Vi­mer­ca­te. Ia­co­mo, per vent’an­ni ri­ma­se ac­can­to al mae­stro, lo ac­com­pa­gnò nei suoi viag­gi, divise gior­ni, for­tu­na e de­sti­no.

Tan­to che al Mu­st, il Museo del ter­ri­to­rio di Vi­mer­ca­te, una sa­la è de­di­ca­ta in­te­ra­men­te a lo­ro due, in­sie­me: im­ma­gi­ni, di­pin­ti che scor­ro­no sul­lo scher­mo mul­ti­me­dia­le, ap­pun­ti tra­scrit­ti, che trac­cia­no mo­men­ti del­la sto­ria del brian­zo­lo che più di tut­ti fu l’om­bra del gran­de pit­to­re. Una re­la­zio­ne che dal la­vo­ro scon­fi­na­va an­che nell’af­fet­to, nel­la con­sue­tu­di­ne, nel­la pro­te­zio­ne. Sì per­ché Gian Gia­co­mo, scris­se Leo­nar­do, ar­ri­vò «la­dro, bu­giar­do, osti­na­to, ghiot­to». Da ra­gaz­zi­no ru­bò de­na­ro dal­la sua scar­sel­la e si gua­da­gnò il so­pran­no­me di «Sa­laì» (Sa­lai­no), da gran­de cu­rò gli af­fa­ri del mae­stro mi­schian­do­li ai suoi, im­pa­rò da lui a di­pin­ge­re, eb­be in ere­di­tà una vigna, mo­rì uc­ci­so da un col­po di schiop­po nel gen­na­io del 1524.

Po­che le in­for­ma­zio­ni su quell’al­lie­vo bel­lis­si­mo che spes­so fu scel­to da Leo­nar­do come mo­del­lo per i suoi qua­dri, ma ora un li­bro edi­to da Bel­la­vi­te rac­con­ta di Gian Gia­co­mo: un ro­man­zo sto­ri­co che sa­rà pre­sen­ta­to do­ma­ni, al­le 17.30 al Mu­st. «Sa­laì, l’al­tra me­tà di Leo­nar­do», il ti­to­lo. Mi­che­le Mau­ri, ap­pas­sio­na­to cul­to­re di sto­ria lo­ca­le, l’au­to­re. Stu­di e ri­cer­che du­ra­ti an­ni, per scri­ve­re un ro­man­zo sto­ri­co in cui «ci son fat­ti cer­ti, tan­te sug­ge­stio­ni, un po’ di fan­ta­sia». Con uno sco­po, pri­ma di tut­to: «So­ste­ne­re il la­vo­ro — spie­ga Mau­ri — di chi de­si­de­ra re­sti­tui­re al Ca­prot­ti di Ore­no il suo po­sto nel­la sto­ria, sot­traen­do­lo ad un de­sti­no ca­pric­cio­so che con­ti­nua a get­ta­re neb­bie sulla sua vi­ta. Il gar­zo­ne che si tra­sfor­mò in al­lie­vo fa­vo­ri­to fu l’uni­co a ri­ma­ner vi­ci­no al mae­stro per lun­go tem­po, l’uni­co a se­guir­ne il pe­re­gri­na­re tra le cor­ti ri­na­sci­men­ta­li. Il so­lo che co­nob­be la par­te più in­ti­ma e mi­nu­ta del mi­to. Sa­laì fu in­ter­pre­te di Leo­nar­do che pro­pa­gò le in­ven­zio­ni leo­nar­de­sche ad un’in­te­ra ge­ne­ra­zio­ne di pit­to­ri lom­bar­di. Ep­pu­re a lun­go lo si è igno­ra­to o lo si è di­pin­to so­lo come un ser­vi­to­re in­fe­de­le».

Il Mu­st per pri­mo ha da­to ri­lie­vo a Gian Gia­co­mo Ca­prot­ti, «ma mol­to an­co­ra si po­treb­be fa­re — pro­se­gue Mau­ri —. Si po­treb­be ad esem­pio ca­pi­re se quel­la Gio­con­da, ci­ta­ta in un in­ven­ta­rio dei be­ni di Gian Gia­co­mo nel 1525 sia dav­ve­ro la Gio­con­da che tut­ti co­no­scia­mo, op­pu­re una co­pia di pre­gio». O an­co­ra si po­treb­be far giu­sti­zia di fal­si sto­ri­ci: Pa­lo Mo­ri­gia, stu­dio­so cin­que­cen­te­sco, con­fu­se Sa­laì con An­drea Sa­lim­be­ni da Sa­ler­no, al­lie­vo di Ce­sa­re da Se­sto, dan­do vi­ta ad un ine­si­sten­te An­drea Sa­lai­no, al­lie­vo di Leo­nar­do. «E Mi­la­no — con­clu­de Mau­ri — con­ti­nua a de­di­ca­re ad An­drea Sa­lai­no una stra­da e ad in­di­car­lo tra i quat­tro al­lie­vi che for­ma­no co­ro­na al mae­stro nel mo­nu­men­to in piaz­za del­la Sca­la». Il Co­mu­ne di Vi­mer­ca­te chie­se for­mal­men­te an­ni fa al­la cit­tà di Mi­la­no di cor­reg­ge­re l’una e l’al­tro. In­va­no.

L’ope­ra L’im­ma­gi­ne di Cri­sto do­di­cen­ne, te­la del 1505 at­tri­bui­ta al «Sa­laì»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.