Madri «man­ca­te», quan­do il telefono aiu­ta

Pic­co di chia­ma­te all’en­te re­li­gio­so Fe­de e Te­ra­pia: «Età me­dia al­ta»

Corriere della Sera (Milano) - - Lombardia - P. F.

«Esci e ti di­ci: è fat­ta. Con­ti­nui la tua vi­ta. Poi, ma­ga­ri do­po an­ni, quel do­lo­re ti tor­na fuo­ri. E scopri che non l’hai su­pe­ra­to. E che ti ser­ve aiu­to». È una del­le 95 chia­ma­te ar­ri­va­te in po­chi me­si al nu­me­ro ver­de di Fe­de e Te­ra­pia (800969878): par­ti­to da Mi­la­no ma at­ti­va­to in tut­ta Ita­lia dall’as­so­cia­zio­ne «Di­fen­de­re la vi­ta con Ma­ria» per aiu­ta­re l’ela­bo­ra­zio­ne di un lutto le­ga­to a un abor­to spon­ta­neo o pro­cu­ra­to. E il 41 per cen­to del­le te­le­fo­na­te, tra l’al­tro, è fat­to da uo­mi­ni.

«Il di­lem­ma in­trin­se­co all’abor­to e cioè sce­glie­re tra vi­ta o mor­te — sin­te­tiz­za An­drea Capuano, gi­ne­co­lo­go dell’Ospe­da­le Mag­gio­re del­la Ca­ri­tà di No­va­ra — lo ren­de un even­to lut­tuo­so par­ti­co­lar­men­te gra­ve da con­di­vi­de­re, ge­sti­re, ela­bo­ra­re. Si fa­ti­ca a com­pren­de­re che que­sta scel­ta, pur es­sen­do «ra­zio­nal­men­te» vo­lon­ta­ria, è co­mun­que emo­ti­va­men­te sof­fer­ta. E nel­la mag­gior par­te dei ca­si que­sta sof­fe­ren­za re­sta ine­spres­sa, un lutto vis­su­to in sor­di­na». E co­sì può esplo­de­re an­che a de­cen­ni di di­stan­za: il 66 per cen­to di chi fi­no­ra si è ri­vol­to al ser­vi­zio — i da­ti so­no sta­ti pre­sen­ta­ti nel­la re­da­zio­ne di Av­ve­ni­re — ha dai 40 ai 60 an­ni e un 9 per cen­to ad­di­rit­tu­ra più di 70. Ol­tre me­tà del­le chia­ma­te rac­col­te dai 32 ope­ra­to­ri vo­lon­ta­ri che ascol­ta­no le sto­rie si è tra­sfor­ma­ta in al­tret­tan­ti per­cor­si di ac­com­pa­gna­men­to: chi ha bi­so­gno di uno psi­co­lo­go, chi di un te­ra­peu­ta, di un me­di­co, di un sa­cer­do­te. È la ri­chie­sta più fre­quen­te: 78 per cen­to dei ca­si.

Don Mau­ri­zio Ga­gliar­di­ni, idea­to­re del pro­get­to e pre­si- den­te dell’as­so­cia­zio­ne, sot­to­li­nea quan­to il do­lo­re sia tra­sver­sa­le: «L’abor­to non è un pro­ble­ma del­la don­na sol­tan­to. E i nu­me­ri con­fer­ma­no quan­to sia ne­ces­sa­rio riac­cen­de­re i ri­flet­to­ri an­che sul­la fi­gu­ra del pa­dre».

Tra le ope­ra­tri­ci non man­ca chi sa in pri­ma per­so­na di co­sa par­la per es­ser­ci pas­sa­ta, co­me Ch­ris che og­gi sta dall’al­tra par­te del telefono: «Il do­lo­re è co­me l’ocea­no, flus­so e ri­flus­so di on­de, a vol­te l’ac­qua è cal­ma e a vol­te ti tra­vol­ge. L’uni­ca co­sa che puoi fa­re è im­pa­ra­re a nuo­ta­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.