Killer per ven­det­ta, pre­so do­po sei an­ni

De­lit­to Deia­na, in cel­la l’im­pren­di­to­re Pla­ci­do. Il pm: sce­na­rio di as­so­lu­ta omer­tà

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Ce­sa­re Giuz­zi

Un im­pren­di­to­re dal­la dop­pia vi­ta. Nel­lo Pla­ci­do, 44 an­ni, non è so­lo l’uo­mo ab­bron­za­to e fa­col­to­so che si ve­de sui so­cial. Lui, ti­to­la­re di una so­cie­tà di se­cu­ri­ty sem­pre in vo­lo tra Mi­la­no e Du­bai. Nel suo pas­sa­to, in­fat­ti, na­scon­de il se­gre­to di un omi­ci­dio. Quel­lo di An­to­nio Deia­na, uc­ci­so nel 2012 e se­pol­to in ca­sa di Lu­ca San­fi­lip­po, a Ci­ni­sel­lo Bal­sa­mo. A uc­ci­der­lo una ven­det­ta per la dro­ga.

L’uo­mo con il si­ga­ro è un qua­ran­ten­ne ab­bron­za­to, dal fi­si­co ti­ra­to e dal­la vi­ta agia­ta e go­de­rec­cia. Le im­ma­gi­ni che rim­bal­za­no sui so­cial rac­con­ta­no so­lo me­tà di que­sta sto­ria. Per­ché è ve­ro che og­gi Nel­lo Pla­ci­do, 44 an­ni, da Cu­sa­no Mi­la­ni­no, è un im­pren­di­to­re di suc­ces­so (sua la so­cie­tà di se­cu­ri­ty «Tu­te­la 360» di Bias­so­no) sem­pre in vo­lo tra Mi­la­no, l’Ara­bia Sau­di­ta e Du­bai. Ma nel­la vi­ta di Nel­lo Pla­ci­do, un no­me de­gno di un ro­man­zo di Scer­ba­nen­co, non ci so­no so­lo bar­che, ce­ne in lus­suo­si ri­sto­ran­ti e re­sort a cin­que stel­le.

C’è in­ve­ce un pas­sa­to buio, scu­ris­si­mo. Co­me quel se­min­ter­ra­to do­ve il 20 lu­glio di sei an­ni fa Pla­ci­do at­te­se nel­la pe­nom­bra — no­no­stan­te fos­se­ro le due del po­me­rig­gio — l’ar­ri­vo di An­to­nio Deia­na, 36 an­ni, giun­to in via Lan­fran­co del­la Pi­la a Ci­ni­sel­lo Bal­sa­mo con la sua mo­to Ka­wa­sa­ki da Vil­la Guar­dia (Co­mo) e mai tor­na­to a ca­sa.

Deia­na ave­va uno zaino con 4 chi­li di co­cai­na. Ma nel se­min­ter­ra­to di Lu­ca San­fi­lip­po — 47 an­ni, ori­gi­ni si­ci­lia­ne, ar­re­sta­to a fi­ne lu­glio — non do­ve­va svol­ger­si la so­li­ta con­se­gna di dro­ga. Fu una ven­det­ta, stu­dia­ta e or­di­ta da Nel­lo Pla­ci­do che ri­te­ne­va Deia­na col­pe­vo­le del fur­to di un bor­so­ne con 20 mi­la eu­ro av­ve­nu­to due me­si pri­ma. Una vi­cen­da da pa­ga­re con il san­gue. Co­me im­pon­go­no le re­go­le del­la ma­la­vi­ta e co­me pre­ten­de chi, in quell’am­bien­te, vuo­le es­se­re te­mu­to e ri­spet­ta­to. Per­ché Nel­lo Pla­ci­do — ar­re­sta­to ve­ner­dì dal­la squa­dra Mo­bi­le per omi­ci­dio pre­me­di­ta­to e sop­pres­sio­ne di ca­da­ve­re — pri­ma di es­se­re un im­pren­di­to­re di suc­ces­so è sta­to un no­me pe­san­te del­la ma­la­vi­ta del Nord Mi­la­no. Ba­sti pen­sa­re che mo­vi­men­ta­va gran­di quan­ti­tà di co­cai­na (Deia­na do­ve­va con­se­gnar­gli 4 chi­li, 150 mi­la eu­ro di va­lo­re) e che la vit­ti­ma «la­vo­ra­va» nel Co­ma­sco per con­to di uo­mi­ni del­la ‘ndran­ghe­ta co­me Lu­cia­no No­ce­ra (og­gi pen­ti­to). Quin­di non pro­prio un traf­fi­can­te da due sol­di.

A con­fer­ma di tut­to que­sto ad in­ca­stra­re Nel­lo Pla­ci­do non so­no sta­te le con­fes­sio­ni del com­pli­ce San­fi­lip­po. An­zi. Nel suo in­ter­ro­ga­to­rio fiu­me do­po l’ar­re­sto di lu­glio, San­fi­lip­po ha fat­to di tut­to con­vin­ce­re i ma­gi­stra­ti d’aver fat­to tut­to da so­lo. Ha det­to di aver uc­ci­so Deia­na men­tre era dro­ga­to e ubria­co per un ba­na­le li­ti­gio e di aver­ne sep­pel­li­to il cor­po in una bu­ca nel pa­vi­men­to del se­min­ter­ra­to. Poi di aver co­per­to tut­to con una get­ta­ta di ce­men­to.

Una ver­sio­ne che da su­bi­to non ha con­vin­to gli in­ve­sti­ga­to­ri. Re­sa an­co­ra più in­ve­ro­si­mi­le dal­la per­vi­ca­cia con la qua­le San­fi­lip­po ha ne­ga­to, da­van­ti ai pm di Mon­za e agli in­ve­sti­ga­to­ri del­le Mo­bi­li di Co­mo e Mi­la­no, di aver mai co­no­sciu­to Pla­ci­do. Il 44en­ne, pe­ral­tro, era già sta­to in­da­ga­to — e ar­chi­via­to — a Co­mo nel 2015 quan­do gli in­ve­sti­ga­to­ri ave­va­no re­gi­stra­to una con­ver­sa­zio­ne tra la ex mo­glie e un’ami­ca nel­la qua­le lei ave­va ri­fe­ri­to di es­se­re sta­ta mi­nac­cia­ta («Ti fac­cio spa­ri­re co­me ho fat­to spa­ri­re a quel­lo») e per­fi­no il mo­ven­te del de­lit­to (il fur­to dei sol­di).

Il re­sto lo han­no fat­to le pa­ro­le cap­ta­te in car­ce­re du­ran­te un col­lo­quio tra San­fi­lip­po e una ni­po­te: «Non l’ho uc­ci­so io, l’ha uc­ci­so quel­lo. Ho sba­glia­to, era in ca­sa mia e mi son do­vu­to pi­glia­re le lo­ro col­pe. Non pos­so fa­re no­mi, non pos­so es­se­re in­fa­me!». Un cli­ma di «as­so­lu­ta omer­tà» ha det­to il pro­cu­ra­to­re di Mon­za, Lui­sa Za­net­ti. Uno sce­na­rio di ma­la­vi­ta, ri­spet­to e re­go­le di mor­te.

La so­rel­la An­to­nel­la Deia­na con le fo­to dei fra­tel­li Sal­va­to­re e An­to­nio. So­no sta­ti en­tram­bi uc­ci­si in ven­det­te di dro­ga. Sal­va­to­re nel 2009

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.