Il pop so­fi­sti­ca­to di Jain Ri­ve­la­zio­ne da To­lo­sa

La can­tan­te di ori­gi­ni mal­ga­sce, in di­vi­sa fir­ma­ta Agnès B, do­ma­ni al Fa­bri­que

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Raf­fael­la Oli­va

La sua mu­si­ca ce­le­bra la gio­ia del­la vi­ta. Le sue can­zo­ni suo­na­no co­me in­ni di spe­ran­za dal­le at­mo­sfe­re so­la­ri e dai rit­mi con­ta­gio­si, do­ve il pop si fon­de con l’elet­tro­ni­ca, il soul, il rap, il reg­gae, ol­tre che con sonorità ara­be, afro, su­da­me­ri­ca­ne. So­no le ar­mi di Jain, al se­co­lo Jean­ne Ga­li­ce, gio­va­ne stel­la fran­ce­se do­ma­ni al Fa­bri­que con il se­con­do di­sco «Soul­dier» (via Fan­to­li 9, ore

21, bi­gliet­ti 23 eu­ro). In sca­let­ta sia i nuo­vi bra­ni, sia «Co­me» e «Ma­ke­ba», hit dal pre­ce­den­te al­bum «Za­na­ka» che han­no tra­sfor­ma­to la 26en­ne di To­lo­sa in uno dei più in­te­res­san­ti fe­no­me­ni pop dell’ul­ti­mo de­cen­nio. È la sua ri­vo­lu­zio­ne, co­me can­ta nel re­cen­te sin­go­lo «Star».

«La Jain di og­gi è di­ver­sa da quel­la de­gli esor­di, so­no cre­sciu­ta, sen­to più for­te il bi­so­gno di af­fer­mar­mi co­me don­na», di­ce lei. Da qui il ti­to­lo del­la sua nuo­va pro­va, «Soul­dier»: «Mi pre­sen­to co­me una sol­da­tes­sa dell’ani­ma, il mio obiet­ti­vo è tra­smet­te­re ot­ti­mi­smo, po­si­ti­vi­tà, l’idea che ciò che con­ta nel­la vi­ta sia di­ven­ta­re ciò che si de­si­de­ra». Se la suc­ci­ta­ta «Ma­ke­ba» è un omag­gio al­la com­pian­ta Mi­riam, tra i suoi ido­li Jain ci­ta an­che Ni­na Si­mo­ne, i rap­per Ken­drick La­mar e Chil­di­sh Gam­bi­no. «E Beyon­cé, co­me per­for­mer è la mi­glio­re», af­fer­ma la can­tan­te e song­w­ri­ter, che per i suoi show ha idea­to un’uni­for­me: pri­ma sfog­gia­va sem­pre un abi­to col­le­gia­le, ora è pas­sa­ta a una tu­ta blu di­se­gna­ta con la sti­li­sta Agnès B, sua con­ter­ra­nea. «Ho fre­quen­ta­to una scuo­la d’ar­te, so quan­to con­ti crea­re un’este­ti­ca da af­fian­ca­re al­la mu­si­ca: aiu­ta l’iden­ti­fi­ca­zio­ne del pub­bli­co e ser­ve a me per sa­li­re sul pal­co con l’ener­gia giu­sta». Poi c’è la con­ta­mi­na­zio­ne, ele­men­to clou in en­tram­bi i suoi di­schi: «Me­sco­la­re suo­ni dif­fe­ren­ti mi vie­ne na­tu­ra­le, es­sen­do io di To­lo­sa, ma cre­sciu­ta tra Du­bai, il Con­go e Abu Dha­bi. Viag­gia­re apre la men­te, ho po­tu­to far­lo per­ché mio pa­dre la­vo­ra nell’in­du­stria del pe­tro­lio e al di là di quel che si di­ce di que­st’ul­ti­ma non pos­so che es­ser­ne gra­ta: ho im­pa­ra­to quan­to sia sba­glia­to giu­di­ca­re cul­tu­re di­stan­ti dal­la no­stra con i pa­ra­me­tri oc­ci­den­ta­li, ho toc­ca­to con ma­no la bel­lez­za del­la di­ver­si­tà».

So­la­re Jean­ne Ga­li­ce, in ar­te Jain, 26 an­ni, pre­sen­ta dal vi­vo il suo se­con­do di­sco «Soul­dier»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.