I MA­LE­DU­CA­TI DEL ME­TRÒ CHIU­DO­NO LE POR­TE DI MI­LA­NO

Corriere della Sera (Milano) - - Lombardia - Ar­tu­ro Do­net­ti Cin­zia Si­ro­ni An­drea Giun­ti Lui­sa Vil­la­ni gschia­[email protected]

Ca­ro Schia­vi, ap­prez­zo la ri­spo­sta da lei da­ta al­le giu­ste ri­mo­stran­ze del pro­fes­sor Pe­rot­ti per il trat­ta­men­to su­bi­to da­gli ad­det­ti Atm al me­trò Cai­ro­li. An­che a me è ca­pi­ta­to all’usci­ta del Tea­tro Dal Ver­me al­le 23 di tro­var chiu­se le en­tra­te sen­za al­cu­na in­di­ca­zio­ne su do­ve an­da­re per ac­ce­der­vi. Pen­so, pe­rò, che sul­la ba­se del­le in­di­ca­zio­ni da­te sia fa­ci­le in­di­vi­dua­re i due ma­le­du­ca­ti ad­det­ti e pro­ce­de­re con i do­vu­ti prov­ve­di­men­ti. Al­tri­men­ti con­ti­nue­ran­no nei lo­ro com­por­ta­men­ti, a sca­pi­to di tut­ti gli al­tri che com­pio­no be­ne il lo­ro la­vo­ro.

Ho ap­pe­na fi­ni­to di leg­ge­re la let­te­ra del pro­fes­sor Pe­rot­ti, so­no an­ch’io fra­stor­na­ta e av­vi­li­ta. Il la­to oscu­ro di Mi­la­no mi rat­tri­sta, co­me la maleducazione e la ras­se­gna­zio­ne che si re­spi­ra nell’aria mi­la­ne­se: non può es­se­re que­sto il bi­gliet­to da vi­si­ta del­la cit­tà do­ve so­no na­ta nel d‘65 e do­ve ho vis­su­to per an­ni.

È ve­ro, man­co da tan­ti an­ni, ho abi­ta­to e abi­to in real­tà più pic­co­le e for­se non è giu­sto fa­re pa­ra­go­ni, ma so­no die­ci an­ni che ol­tre­pas­so le Al­pi ogni tre set­ti­ma­ne e vi­vo da mi­la­ne­se due/tre gior­ni e du­ran­te que­sti po­chi gior­ni il la­to oscu­ro lo «sen­to» sul­la pel­le, en­tra co­sì in pro­fon­di­tà che nean­che le quat­tro ore di tre­no del ri­tor­no a ca­sa rie­sco­no a far usci­re. Ri­ma­ne den­tro, e al­la fi­ne frul­la in te­sta sem­pre la stes­sa do­man­da: «Ma se ri­tor­nas­si a vi­ve­re in Ita­lia, Mi­la­no la mia Mi­la­no, po­treb­be es­se­re an­co­ra la scel­ta?». Mi con­vin­ca, con­vin­ca quel­la par­te di me re­stia a sce­glie­re Mi­la­no.

So­no ba­si­to dal rac­con­to sul­la di­sav­ven­tu­ra con gli ad­det­ti Atm. Per fa­vo­re, fac­cia sa­pe­re ai re­spon­sa­bi­li del ser­vi­zio, che i di­pen­den­ti so­no lo spec­chio del­le azien­de. E quel che si ve­de in Atm, non è un bel ve­de­re. Pa­re che an­co­ra non se ne ren­da­no con­to.

Uni­ca so­lu­zio­ne: ina­spri­men­to san­zio­ni. A que­sti due fi­gu­ri 15 gior­ni sen­za sti­pen­dio e poi si ve­de.

So­no ar­ri­va­te le scu­se, è sta­ta pro­mes­sa un’in­da­gi­ne in­ter­na, il ser­vi­zio clien­ti Atm ha esple­ta­to la sua fun­zio­ne con un pro for­ma: at­to do­vu­to. Re­sta­no le do­man­de del pro­fes­sor Pe­rot­ti su che co­sa si in­ten­de per ser­vi­zio in una cit­tà in­ter­na­zio­na­le: fa­ci­le ac­ces­si­bi­li­tà, ri­spo­ste al­le do­man­de de­gli uten­ti e non vaf­fa… Quan­to a Mi­la­no, ve­dre­mo di con­vin­ce­re la si­gno­ra Cin­zia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.