Bat­ti­sti e il 1979 di san­gue «È l’ora del­la giu­sti­zia»

Par­la il fra­tel­lo di Cam­pa­gna. Cac­cia ai la­ti­tan­ti

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Ce­sa­re Giuz­zi e Giam­pie­ro Ros­si

«Fin­ché non lo ve­do scen­de­re dall’ae­reo non do per con­clu­sa que­sta vi­cen­da»: Mau­ri­zio Cam­pa­gna, fra­tel­lo di An­drea, po­li­ziot­to uc­ci­so dai Pac in via Mo­di­ca nel 1979, com­men­ta l’ar­re­sto di Ce­sa­re Bat­ti­sti: «Ora è im­por­tan­te di­fen­de­re la me­mo­ria». La li­sta di «mi­la­ne­si» la­ti­tan­ti è nu­tri­ta: i kil­ler di via Adi­ge, Mau­ri­zio Bal­das­se­ro­ni, a Pao­lo Ce­ria­ni Se­bre­gon­di, che a Pa­ri­gi vi­ve­va co­me vi­ce pre­si­de.

Al te­le­fo­no di ca­sa ri­spon­de An­drea Cam­pa­gna. Ha di­cian­no­ve an­ni e por­ta il no­me del­lo zio po­li­ziot­to — fra­tel­lo di suo pa­dre — che non ha mai co­no­sciu­to per­ché fu uc­ci­so il 19 apri­le 1979 in via Mo­di­ca, al­la Ba­ro­na. Fred­da­to con cin­que col­pi di 765 ma­gnum. Ave­va 24 an­ni, An­drea Cam­pa­gna, la­vo­ra­va in po­li­zia, al­la Di­gos. Fa­ce­va l’au­ti­sta, ma nel­la ri­ven­di­ca­zio­ne fir­ma­ta Pac (Pro­le­ta­ri ar­ma­ti per il co­mu­ni­smo) ve­ni­va de­fi­ni­to «tor­tu­ra­to­re di pro­le­ta­ri». Per quel de­lit­to è sta­to con­dan­na­to all’er­ga­sto­lo Ce­sa­re Bat­ti­sti, in con­tu­ma­cia, quan­do era già eva­so dal car­ce­re di Fro­si­no­ne. Ma an­che da la­ti­tan­te non è mai usci­to dal­la vi­ta di que­sta fa­mi­glia di im­mi­gra­ti ca­la­bre­si.

Mau­ri­zio Cam­pa­gna ave­va di­ciot­to an­ni, più o me­no l’età di suo fi­glio og­gi. Quel po­me­rig­gio il fra­tel­lo gli ave­va ba­le­na­to la pos­si­bi­li­tà di far­gli pro­va­re l’Al­fa­sud di se­con­da ma­no ap­pe­na com­pra­ta con lo sti­pen­dio da po­li­ziot­to. Ma poi pre­val­se l’at­tra­zio­ne del pri­mo te­le­vi­so­re a co­lo­ri, che sta­va ar­ri­van­do a ca­sa pro­prio in quel mo­men­to. «So­lo per que­sto non mi tro­va­vo con lui in via Mo­di­ca, sot­to ca­sa del­la sua fi­dan­za­ta, dove gli spa­ra­ro­no», ri­cor­da an­che nel gior­no in cui dal­la Bo­li­via rim­bal­za la no­ti­zia dell’en­ne­si­ma cat­tu­ra di Ce­sa­re Bat­ti­sti. «Fin­ché non lo ve­do scen­de­re dall’ae­reo non do per con­clu­sa que­sta te­le­no­ve­la», di­ce. Ma si sen­te l’eu­fo­ria dei mo­men­ti in cui suc­ce­de qual­co­sa di im­por­tan­te.

Ma per­ché è im­por­tan­te che Bat­ti­sti tor­ni in Ita­lia? «Ci so­no sta­ti dei pro­ces­si, del­le sen­ten­ze che lo han­no con­dan­na­to co­me as­sas­si­no, quin­di tut­to quel­lo che vo­glia­mo è che ades­so il cer­chio giu­di­zia­rio si chiu­da. Non im­por­ta quan­to tem­po sta­rà in car­ce­re, quel­lo che con­ta è che mio fi­glio e tut­ti i cit­ta­di­ni ita­lia­ni pos­sa­no ve­de­re com­pier­si il per­cor­so del­la giu­sti­zia ita­lia­na». Pe­rò non è sol­tan­to a be­ne­fi­cio del fi­glio che Mau­ri­zio Cam­pa­gna si è im­pe­gna­to con l’As­so­cia­zio­ne dei fa­mi­lia­ri del­le vit­ti­me di ter­ro­ri­smo e la ca­sa del­la me­mo­ria per nu­tri­re la co­no­scen­za su quan­to ac­cad­de in quei ma­le­det­ti an­ni di piom­bo. «I no­stri ra­gaz­zi, e per­si­no i qua­ran­ten­ni, san­no dav­ve­ro po­co di quel­la sto­ria. Ep­pu­re Mi­la­no è pie­na di la­pi­di, par­chi e via de­di­ca­te al­le vit­ti­me di tut­te le for­me di ter­ro­ri­smo di que­sta cit­tà». E fa dav­ve­ro ef­fet­to scor­re­re la do­lo­ro­sa li­sta dei ca­du­ti di que­gli an­ni: il 1979, quan­do i Pro­le­ta­ri ar­ma­ti per il co­mu­ni­smo di Ce­sa­re Bat­ti­sti col­pi­ro­no a mor­te l’agen­te Cam­pa­gna e il gio­iel­lie­re Pier­lui­gi Tor­re­gia­ni, si era aper­to con l’as­sas­si­nio del giu­di­ce Emilio Ales­san­dri­ni da par­te di un com­man­do di Pri­ma Li­nea. Ma il cli­ma era già mol­to pe­san­te. Du­ran­te l’an­no pre­ce­den­te, quel­lo del se­que­stro e dell’as­sas­si­nio di Al­do Mo­ro, i pro­iet­ti­li dei ter­ro­ri­sti ave­va­no la­scia­to sul sel­cia­to di Mi­la­no set­te cor­pi sen­za vi­ta: da Fau­sto e Ia­io al ma­re­scial­lo de­gli agen­ti di cu­sto­dia Fran­ce­sco Di Ca­tal­do, dal di­ciot­ten­ne Ro­ber­to Gi­ron­di al com­mer­cian­ti Do­me­ni­co Bor­naz­zi­ni, dal tap­pez­zie­re Pie­ro An­to­nio Ma­gri al ma­cel­la­io Car­lo Lom­bar­di. E nel 1980 il ma­ca­bro bi­lan­cio è an­co­ra più pe­san­te: die­ci mor­ti am­maz­za­ti, tra i qua­li il gior­na­li­sta Walter To­ba­gi e il giu­di­ce Gui­do Gal­li. L’an­no do­po al­tri sei lut­ti. La cit­tà, che ave­va ini­zia­to a su­bi­re la vio­len­za po­li­ti­ca con la stra­ge di piaz­za Fon­ta­na nel 1969 e poi era ri­ma­sta scos­sa dall’omi­ci­dio del com­mis­sa­rio Lui­gi Ca­la­bre­si nel 1972 e do­di­ci me­si più tar­di dal­la stra­ge di via Fa­te­be­ne­fra­tel­li, era dav­ve­ro fe­ri­ta. «Ag­gua­ti, gam­biz­za­zio­ni, mi­nac­ce. C’era tan­ta ten­sio­ne — ri­cor­da An­to­nio Io­sa, 85 an­ni, sto­ri­co ani­ma­to­re del Cir­co­lo Pe­ri­ni di Quar­to Og­gia­ro —. Io la­vo­ra­vo in via Lar­ga, dove qua­si ogni gior­no pas­sa­va­no cor­tei non sem­pre pa­ci­fi­ci». Io­sa fu gam­biz­za­to nel 1980 e an­ni fa ha in­con­tra­to la ter­ro­ri­sta che gli spa­rò. «Non cer­chia­mo ven­det­ta, ma è im­por­tan­te chiu­de­re que­ste fe­ri­te. Per que­sto an­che Ce­sa­re Bat­ti­sti de­ve sal­da­re il suo con­to con la giu­sti­zia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.