Can­zo­ni per la pre­ca­rie­tà

Dut­ch Na­za­ri chiu­de il tour ai Ma­gaz­zi­ni

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Raf­fael­la Oli­va

Un ul­ti­mo con­cer­to in una lo­ca­tion im­por­tan­te pri­ma tor­na­re in stu­dio per il di­sco nuo­vo: Dut­ch Na­za­ri chiu­de do­ma­ni ai Ma­gaz­zi­ni Ge­ne­ra­li un tour di ol­tre 70 da­te a ba­se di un «can­tau­to­rap» su beat elet­tro­ni­ci che a fi­ne 2018 è con­flui­to nell’al­bum «Ce lo chie­de l’Eu­ro­pa». Ora si guar­da avan­ti: que­st’esta­te il 30en­ne ha pub­bli­ca­to i nuo­vi sin­go­li «Di me i ba­ri­sti», «Bra­vi tut­ti», «Cam­bio di sta­gio­ne». «Can­zo­ni na­te men­tre ero in tour», di­ce lui, che in que­sti bra­ni non si esi­me dall’espri­me­re giu­di­zi an­che du­ri sul­la real­tà, sfio­ran­do quell’im­pe­gno so­cia­le snob­ba­to da tan­ti col­le­ghi del­la sua ge­ne­ra­zio­ne. «A me sem­bra ov­vio di­re ciò che pen­so di quel che mi ac­ca­de in­tor­no», di­ce. «Chi af­fer­ma che i mu­si­ci­sti de­vo­no pen­sa­re al­la mu­si­ca e la­scia­re la po­li­ti­ca a chi la fa di me­stie­re tra­vi­sa il si­gni­fi­ca­to dei ter­mi­ni “mu­si­ca” e “po­li­ti­ca”». Co­sì in «Cam­bio di sta­gio­ne» Edoar­do «Duc­cio» Na­za­ri par­la di «gen­te con la no­stal­gia di un re­gi­me che fu, che sta sem­pre in tv ed ha sem­pre di più». Ma già nel 2017 in «Proe­mio» toc­ca­va te­mi qua­li la li­ber­tà d’espres­sio­ne e le con­trad­di­zio­ni del pre­sen­te: «Che Gue­va­ra è un lo­go in un la­bo­ra­to­rio tes­si­le do­ve la pa­ga è di 20 cen­te­si­mi l’ora sen­za tre­di­ce­si­me», rap­pa

Dut­ch, lau­rea­to in Giu­ri­spru­den­za e fan di Lu­cio Bat­ti­sti («Da quan­do è su Spo­ti­fy io e i miei ami­ci fac­cia­mo a ga­ra a chi sa le sue can­zo­ni me­no no­te»). Fon­da­men­ta­li per il suo per­cor­so so­no sta­ti gli in­con­tri con il poe­ta Ales­san­dro Bur­bank e il pro­du­cer Sick et Sim­pli­ci­ter, con cui col­la­bo­ra tut­to­ra. «Ci tro­via­mo nel­lo stu­dio di Un­da­men­to, la mia eti­chet­ta, co­me gli al­tri ar­ti­sti del­la stes­sa, da Frah Quin­ta­le a Joan Thie­le. In pra­ti­ca fac­cia­mo i tur­ni, sia­mo co­me una fa­mi­glia». Il ri­fu­gio — con­fi­da in «Di me i ba­ri­sti» — so­no «i bar di quar­tie­re, do­ve gli av­ven­to­ri non cam­bia­no mai. Mi sie­do lì, ascol­to, os­ser­vo, en­tro nel­le lo­ro sto­rie. An­che una fra­se sen­ti­ta per ca­so può es­se­re d’ispi­ra­zio­ne».

Fan di Bat­ti­sti Edoar­do Duc­cio Na­za­ri, 30 an­ni: «Con gli ami­ci fac­cia­mo a ga­ra a in­do­vi­na­re i bra­ni ra­ri su Spo­ti­fy»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.