Da Cher­no­byl la sto­ria di Pé­tro e Na­dia

Tea­tro La Cu­ci­na

Corriere della Sera (Milano) - - Tempo Libero -

Zviz­dal è il no­me di un vil­lag­gio fan­ta­sma, che do­po il di­sa­stro di Cher­no­byl dell’apri­le del 1986 ven­ne di­chia­ra­to «non ido­neo per l’uo­mo». Qui, nel 2009, la gior­na­li­sta Ca­thy Blis­son in­con­tra una cop­pia or­mai ot­tan­ten­ne che dal quel luo­go non se ne è mai vo­lu­ta an­da­re, a dif­fe­ren­za dei «sa­mo­siols», co­lo­ro che han­no la­scia­to le aree con­ta­mi­na­te per fa­re ri­tor­no so­lo tem­po do­po. Per 25 an­ni

Pé­tro e Na­dia so­no ri­ma­sti lì, cir­con­da­ti da una fo­re­sta e in com­pa­gnia di un cane. A rac­con­ta­re la lo­ro sto­ria (in ucrai­no, sot­to­ti­to­li in ita­lia­no) al tea­tro La Cu­ci­na (via Ip­po­cra­te 45, ore 20, in­gr. 15-10 eu­ro, re­pli­ca do­ma­ni ore 17) è il col­let­ti­vo bel­ga Ber­lin Zo­na K con la per­for­man­ce «Zviz­dal [Cher­no­byl, So Far-So Clo­se]» a cu­ra di Zo­na K per il ci­clo Fo­cus Eco­lo­gy. (C. C.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.