LA SCOM­MES­SA VINTA DI VIA MOSCOVA MO­DEL­LO PER UNO SPORT VIR­TUO­SO

Corriere della Sera (Milano) - - Lombardia - Pier­lui­gi M. Mi­le­na Sal­ta­rel­li Clau­dio Mid­larz

Don Gi­no è l’ac­co­glien­za fat­ta per­so­na, un pa­dre che ha da­to a tan­ti l’op­por­tu­ni­tà di ri­scat­tar­si: co­me cap­pel­la­no del car­ce­re mi­no­ri­le Bec­ca­ria e con Co­mu­ni­tà Nuo­va. Uno che di­ce «l’im­pos­si­bi­le non esi­ste» co­me lui o è un mat­to o è un san­to o è un pre­te che ap­pli­ca il Van­ge­lo. Don Gi­no ap­pli­ca il mes­sag­gio di Ge­sù, di­ce che in ognu­no di noi c’è una par­te buo­na e bi­so­gna cer­car­la. Lui la cer­ca an­che do­ve gli al­tri non la ve­do­no. È un rab­do­man­te del­la bon­tà.

Al­le­na­men­ti

Ca­ro Schia­vi, si par­la di San Si­ro ma c’è un al­tro cam­po di cal­cio, qua­si na­sco­sto in cen­tro cit­tà. È quel­lo di via Moscova e la sua im­por­tan­za an­dreb­be se­gna­la­ta ai let­to­ri per­ché il 29 set­tem­bre al Dal Ver­me due­mi­la per­so­ne han­no ap­plau­di­to il suc­ces­so di un’av­ven­tu­ra che va ol­tre lo sport, crean­do in­te­gra­zio­ne e par­te­ci­pa­zio­ne.

Ca­ra Mi­le­na, il cam­pet­to di via Moscova 26 è una sfi­da vinta, un ca­se hi­sto­ry per i cor­si di eco­no­mia so­cia­le: do­vreb­be di­ven­ta­re una sto­ria con­ta­gio­sa non so­lo per Mi­la­no, an­che per l’Ita­lia. Lì c’era uno spa­zio co­per­to dal­le ma­ce­rie del­la guer­ra. Nel 1979 il sin­da­co To­gno­li fa un re­ga­lo al quar­tie­re e ai ra­gaz­zi: un cam­pet­to per il cal­cio e uno da ba­sket. Ne­gli an­ni No­van­ta la na­sci­ta di un par­cheg­gio ob­bli­ga al­la di­smis­sio­ne. Ma i cit­ta­di­ni del­la coo­pe­ra­ti­va ver­de di via Moscova im­ma­gi­na­no che il cam­pet­to pos­sa ri­na­sce­re. L’at­te­sa du­ra fi­no al 2013, quan­do il Co­mu­ne lan­cia un ban­do per la ge­stio­ne. Un gio­va­ne boc­co­nia­no, Lui­gi De Mic­co, ri­spon­de all’as­ses­so­re Bi­scon­ti ac­cet­tan­do di «crea­re un’area spor­ti­va mo­del­lo ge­sti­ta se­con­do cri­te­ri eti­ci e in­no­va­ti­vi, per pro­muo­ve­re sport, be­nes­se­re e sa­lu­te fa­vo­ren­do la par­te­ci­pa­zio­ne e l’in­te­gra­zio­ne ol­tre ogni dif­fe­ren­za e pre­giu­di­zio». De Mic­co la­scia la con­su­len­za azien­da­le e si but­ta nel­la nuo­va im­pre­sa. Ri­na­sco­no il cam­po da cal­cet­to e da ba­sket, si in­ven­ta il bea­ch volley, la pi­sta di atle­ti­ca, una pa­le­stra co­per­ta. È il pro­get­to Play mo­re, gio­ca an­che tu. Ar­ri­va­no istrut­to­ri, al­le­na­to­ri, stu­den­ti, ra­gaz­zi con di­sa­bi­li­tà: un suc­ces­so che va in sce­na 7 gior­ni su 7. Via Moscova 26 è og­gi un’im­pre­sa con bud­get, com­pe­ten­ze e cuo­re. Se si vuo­le si può fa­re. An­che con San Si­ro.

ZO­NA SAN SIRO­vo­to

Il pa­lo se­gna­le­ti­co che ho fo­to­gra­fa­to mi ha col­pi­to non cer­to per la sua ori­gi­na­li­tà (cre­do che a Mi­la­no pa­li più o me­no stor­ti ce ne sia­no a mi­glia­ia) quan­to per la sua «per­ma­nen­za» in quel­la po­si­zio­ne: qua­si 10 an­ni. E di­re che si tro­va in una stra­da lar­ga, vi­ci­nis­si­ma al­lo sta­dio di San Si­ro e per­cor­sa ogni gior­no da vi­gi­li ur­ba­ni, ope­rai Am­sa che pu­li­sco­no stra­de/aiuo­le/pra­ti, per­so­na­le del­le re­ti lu­ce e gas che da an­ni con­ti­nua­no a bu­ca­re la stra­da, in­se­gnan­ti del­le vi­ci­ne scuo­le e chis­sà quan­ti al­tri di­pen­den­ti co­mu­na­li. De­vo de­dur­re che nes­su­no s’è fat­to ca­ri­co del pro­ble­ma (io l’ho se­gna­la­to inu­til­men­te ai vi­gi­li ur­ba­ni). Il «pa­lo stor­to» evi­den­zia la pe­ren­ne in­dif­fe­ren­za del Co­mu­ne ver­so quei nu­me­ro­si in­ter­ven­ti ma­nu­ten­ti­vi che ren­de­reb­be­ro la Mi­la­no pe­ri­fe­ri­ca (il cen­tro, mol­to più cu­ra­to, non ne ha bi­so­gno) più pia­ce­vo­le e più vi­vi­bi­le.

La le­zio­ne del pa­lo stor­to in­di­ca una ma­lat­tia ri­co­no­sci­bi­le in cit­tà e in par­ti­co­la­re nel­le pe­ri­fe­rie: la non­cu­ran­za. È la man­can­za di ma­nu­ten­zio­ne a crea­re de­gra­do e/o di­sa­gio. An­che nel­le pic­co­le co­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.