Giù la ma­sche­ra, Ar­lec­chi­no!

Na­ta­li­no Ba­las­so è il «ser­vi­to­re di due pa­dro­ni» di­ret­to da Bi­na­sco

Corriere della Sera (Milano) - - Tempo Libero - Da­nie­la Zac­co­ni

«Non è il ti­pi­co fu­nam­bo­lo por­ta­to in sce­na da Stre­hler ma una fi­gu­ra neo­rea­li­sta»

Nien­te cri­no­li­ne, bra­che e giub­be, ma­sche­re ne­re o co­stu­mi tri­co­lo­ri per l’«Ar­lec­chi­no ser­vi­to­re di due pa­dro­ni» che il re­gi­sta Va­le­rio Bi­na­sco ha ri­let­to per lo Sta­bi­le di To­ri­no, spet­ta­co­lo che ar­ri­va da sta­se­ra all’El­fo Puc­ci­ni ca­ri­co di suc­ces­si. In sce­na pren­do­no piut­to­sto vi­ta per­so­nag­gi e si­tua­zio­ni del Do­po­guer­ra, in un’am­bien­ta­zio­ne neo­rea­li­sta dal gu­sto ci­ne­ma­to­gra­fi­co. «Il la­vo­ro fat­to “spo­glia“un po’ l’Ar­lec­chi­no che sia­mo abi­tua­ti a ve­de­re, spe­cie se si pen­sa al­la ver­sio­ne stre­hle­ria­na», spie­ga con­vin­to Na­ta­li­no Ba­las­so che il re­gi­sta ha vo­lu­to nei pan­ni del pro­ta­go­ni­sta. «Il no­stro non è l’Ar­lec­chi­no del­la Com­me­dia dell’Ar­te: non ha la ma­sche­ra, è una per­so­na che pa­ti­sce, pren­de le bot­te e sof­fre dav­ve­ro. Bi­na­sco è par­ti­to dal pre­sup­po­sto che tut­to quel­lo che i per­so­nag­gi di­co­no e fan­no sia ve­ro. E ha chie­sto a noi at­to­ri di com­por­tar­ci di con­se­guen­za. Que­sto ha por­ta­to ve­ri­tà e sentimento sul pal­co, che poi so­no la ci­fra sti­li­sti­ca del­le sue re­gie».

In­sie­me, fra gli al­tri, a Mi­che­le Di Mau­ro, Fa­bri­zio Con­tri, Elisabetta Maz­zul­lo e Gian­ma­ria Mar­ti­ni, Ba­las­so di­ven­ta co­sì una del­le pe­di­ne di una vi­cen­da che fa ri­de­re, ma con un fon­do in­sop­pri­mi­bi­le di ma­lin­co­nia e più di una sfu­ma­tu­ra noir. «Non c’è un gio­co­lie­re-fu­nam­bo­lo in­tor­no a cui ruo­ta­no tut­ti, ma è uno spet­ta­co­lo co­ra­le», pro­se­gue Ba­las­so: «è una sto­ria rac­con­ta­ta da tan­ti per­so­nag­gi, in mez­zo ai qua­li Ar­lec­chi­no è suo mal­gra­do quel­lo prin­ci­pa­le, quel­lo che sen­za sa­per­lo e vo­ler­lo fa del ma­le… ma in mo­do innocente, co­me un bam­bi­no. Con un at­to­re co­me me, che ten­de a fa­re co­se co­mi­che, Bi­na­sco è an­da­to a toc­ca­re cor­de che non si ve­do­no di so­li­to. Co­sì è sta­to più dif­fi­ci­le da in­ter­pre­ta­re: ma­ga­ri aves­si do­vu­to fa­re sal­ti ed evo­lu­zio­ni, no­no­stan­te il mio fi­si­co! In­ve­ce si è trat­ta­to di un la­vo­ro più pro­fon­do sull’es­sen­za del per­so­nag­gio, sul­le sue mo­ti­va­zio­ni ul­ti­me: è uno che “ha fa­me“di la­vo­ro, che è de­pres­so, ma è an­che te­ne­ro, in­fan­ti­le… È sta­ta una for­tu­na la­vo­ra­re con Bi­na­sco che è an­che un ot­ti­mo at­to­re; sen­za di lui non sa­rei riu­sci­to a da­re al mio Ar­lec­chi­no lo spes­so­re con cui è usci­to, le tan­te sfac­cet­ta­tu­re che ne met­to­no in evi­den­za la pro­fon­di­tà del pen­sie­ro… È un la­vo­ro di tea­tro con­tem­po­ra­neo: Bi­na­sco ha ri­scrit­to al­cu­ne sce­ne, ma me­ti­co­lo­sa­men­te ha man­te­nu­to le pa­ro­le di Gol­do­ni. Co­sì c’è un lin­guag­gio set­te­cen­te­sco in un’am­bien­ta­zio­ne da com­me­dia all’ita­lia­na del Do­po­guer­ra do­ve le ma­sche­re so­no tut­te ca­du­te, co­me in fon­do vo­le­va lo stes­so Gol­do­ni».

Af­fa­ma­to Na­ta­li­no Ba­las­so nei pan­ni di Ar­lec­chi­no nel pe­rio­do del Do­po­guer­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.