Noi, pen­do­la­ri dell’Al­ta ve­lo­ci­tà

In viag­gio a 300 chi­lo­me­tri all’ora pen­san­do: tut­to sot­to con­trol­lo Da og­gi par­ti­re sa­rà più dif­fi­ci­le

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Ia­co­po Go­ri

Il pri­mo tuf­fo al cuo­re è per i due mac­chi­ni­sti. Pen­so a quan­te vol­te mi avran­no por­ta­to a ca­sa o al la­vo­ro in que­sti 10 an­ni che fac­cio il pen­do­la­re dell’Al­ta ve­lo­ci­tà tra Fi­ren­ze e Mi­la­no. Pro­vo a ca­pi­re dal­le fo­to se li ri­co­no­sco: li guar­do sem­pre in vol­to quan­do scendono dal­la car­roz­za di te­sta.

Il se­con­do pen­sie­ro, guar­dan­do le pri­me im­ma­gi­ni sul si­to del Cor­rie­re, è che an­che qui è sta­to co­me sul pon­te Mo­ran­di a Ge­no­va: po­te­va es­se­re una stra­ge an­co­ra più dram­ma­ti­ca, nu­me­ri­ca­men­te ben più gra­ve. Il Frec­cia­ros­sa del­le 6.55 che pren­do tan­te, tan­te mat­ti­ne da Fi­ren­ze a Mi­la­no è stra­pie­no. Co­me qua­lun­que al­tro tre­no su quel­la trat­ta. Il ca­so ha vo­lu­to che que­sto in­ci­den­te ter­ri­bi­le suc­ce­des­se al pri­mo tre­no del­la mat­ti­na­ta, quel­lo che par­te pre­stis­si­mo da Mi­la­no, se­mi­vuo­to. Se fos­se suc­ces­so a qua­lun­que al­tro dei tan­tis­si­mi tre­ni che sfrec­cia­no du­ran­te il gior­no ora sa­rem­mo a pian­ge­re al­me­no due­cen­to mor­ti, se non di più.

Il ter­zo pen­sie­ro a fred­do è quel­lo che fac­cia­mo tut­ti noi pen­do­la­ri (e non) quan­do viag­gia­mo su un tre­no che taglia l’Ita­lia a 300 all’ora e ci sem­bra nor­ma­le. «Tut­to sot­to con­trol­lo» pen­so sem­pre. Lì den­tro ci si sen­te al si­cu­ro. Pen­so che nel 2020, con le ec­cel­len­ze tec­no­lo­gi­che che ab­bia­mo, viag­gia­mo si­cu­ri. Che c’è ma­nu­ten­zio­ne e con­trol­li co­stan­ti e ro­bot in­tel­li­gen­ti pro­gram­ma­ti e set­ta­ti da per­so­ne ca­pa­ci. Al­tri­men­ti non viag­ge­re­sti a 300 all’ora su un tre­no...

Pen­so co­sì e par­to tran­quil­lo, da die­ci an­ni. Da do­ma­ni for­se sa­rà un po’ più dif­fi­ci­le.

Il quar­to pen­sie­ro in­ve­ce mi vie­ne in men­te ri­cor­dan­do­mi una del­le tan­te di­scus­sio­ni con uno dei tan­ti pen­do­la­ri /co­no­scen­ti con cui vai avan­ti e in­die­tro e con cui di­vi­di una fet­ta di vi­ta. Una mat­ti­na qual­che tem­po fa un in­ge­gne­re dei tra­spor­ti di Fi­ren­ze che in­se­gna a Bo­lo­gna mi dis­se, men­tre mi la­men­ta­vo dei ri­tar­di: «Que­sta non è più una li­nea ad al­ta ve­lo­ci­tà, è una li­nea ad al­ta den­si­tà». Ave­va ra­gio­ne. Tan­ti tre­ni, sem­pre di più. For­se trop­pi vi­sto che le sta­zio­ni so­no ri­ma­ste le stes­se (tran­ne la nuo­va pas­san­te di Bo­lo­gna). Die­ci an­ni fa per fa­re Mi­la­no-Fi­ren­ze oc­cor­re­va un’ora e 40 mi­nu­ti. Og­gi due ore. Il mo­ti­vo: due fer­ma­te in più sem­pre (Ro­go­re­do e Reg­gio Emi­lia) e tan­ti tre­ni in più sul­la stes­sa li­nea.

Per­ché i tre­ni van­no sì a 300 all’ora ma quan­do ar­ri­va­no nei pres­si del­le sta­zio­ni vec­chie e in­gol­fa­te ral­len­ta­no e aspet­ta­no il lo­ro tur­no. Per­ché Mi­la­no Cen­tra­le e Fi­ren­ze San­ta Ma­ria No­vel­la e Ro­ma Ter­mi­ni ad esem­pio so­no vec­chie sta­zio­ni di te­sta, non pas­san­ti. E il tre­no en­tra den­tro, si fer­ma ma per ri­par­ti­re il mac­chi­ni­sta de­ve an­da­re a pie­di dal­la par­te op­po­sta del con­vo­glio.

Ora pe­rò pen­so so­lo che do­mat­ti­na ri­pren­de­rò il mio so­li­to tre­no. Sto be­ne lì so­pra, de­vo di­re la ve­ri­tà. Mol­to. C’è chi pen­sa che sia un paz­zo a fa­re il pen­do­la­re «estre­mo». E ma­ga­ri non pen­sa a quan­te co­se si fan­no in quel tem­po, sen­za lo stress del­la mac­chi­na da gui­da­re ad esem­pio. Mi ri­las­so. Leg­go le mail, tut­ti i si­ti e i gior­na­li che mi ser­vo­no, or­ga­niz­zo co­se, rom­po le sca­to­le ai col­le­ghi, sen­to la mu­si­ca in cuf­fia, chia­mo un ami­co. Dall’ini­zio del nuo­vo an­no, su ogni Frec­cia­ros­sa è sta­ta crea­ta una car­roz­za si­len­zio. Bel­lis­si­ma: non si può te­le­fo­na­re, né par­la­re a vo­ce al­ta. I pen­do­la­ri lo fan­no già ma so­no an­co­ra tan­ti i non pen­do­la­ri ma­le­du­ca­ti che ur­la­no al te­le­fo­no e pen­sa­no di es­se­re so­li all’aper­to.

L’al­ta ve­lo­ci­tà ormai è par­te del­la no­stra vi­ta quo­ti­dia­na. Non ne pos­sia­mo fa­re a me­no. Non noi pen­do­la­ri, noi ita­lia­ni tut­ti.

L’al­ta ve­lo­ci­tà è una co­sa me­ra­vi­glio­sa, for­se l’uni­ca che ha ac­cor­cia­to e uni­to dav­ve­ro il Pae­se: la me­tro­po­li­ta­na d’Ita­lia, de­fi­ni­zio­ne qua­si per­fet­ta se non fos­se per le ta­rif­fe che so­no più da ta­xi di lus­so che da me­tro­po­li­ta­na.

Do­ma­ni si ri­par­te. Un po’ me­no tran­quil­li ma so­prat­tut­to con quel grop­po al­la go­la che non pas­sa per quei due mac­chi­ni­sti (ter­mi­ne an­ti­co per un la­vo­ro tan­to mo­der­no e im­por­tan­te) che non ci por­te­ran­no mai più avan­ti e in­die­tro.

Che la ter­ra vi sia lie­ve ca­ri Ma­rio e Giu­sep­pe, gra­zie dal cuo­re di tut­to. Era­va­te dei no­stri, pen­do­la­ri an­che voi.

Per­cor­so Sui va­go­ni dei Frec­cia­ros­sa, in­clu­si quel­li del­lo schianto (fo­to An­sa), si ri­cor­da il tra­guar­do dei 10 an­ni di at­ti­vi­tà. Nel cor­so del tem­po so­no sta­te ag­giun­te sta­zio­ni, co­me quel­la di Ro­go­re­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.