LE RI­CER­CHE DI NAT­TA E RONZONI E QUE­GLI ANNI IRRIPETIBI­LI

Corriere della Sera (Milano) - - Cronaca Di Milano - Via Sardegna Ales­san­dro Ca­scio­ne F.R. Gian­ni Lam­bru­go Lo­ren­teg­gio Car­lo R. Gae­ta­no Bian­chi

Buon­gior­no, so­no un ci­cli­sta a Mi­la­no. Ie­ri mat­ti­na per­cor­re­vo la so­li­ta stra­da per re­car­mi al la­vo­ro quan­do in via Sardegna all’al­tez­za dei vi­gi­li del fuo­co un vei­co­lo dell’Am­sa gui­da­to da un gio­va­nis­si­mo ope­ra­to­re per po­co non mi ha in­ve­sti­to a tut­ta ve­lo­ci­tà. Quan­do mi so­no av­vi­ci­na­to e gli ho fat­to no­ta­re la sua gui­da a dir po­co pe­ri­co­lo­sa, ha scrol­la­to le spal­le di­cen­do­mi che non mi ave­va vi­sto e che sa­rei do­vu­to sta­re più at­ten­to.

Que­sto è un epi­so­dio fra i tan­ti che mi sen­to di se­gna­la­re per tu­te­la­re chi co­me me, usa un mez­zo di lo­co­mo­zio­ne che oc­cu­pa po­co spa­zio e non in­qui­na.

Gli ora­ri del­la cit­tà

Mi do­man­do se esi­sta a Mi­la­no un re­go­la­men­to in me­ri­to al­la quie­te pub­bli­ca. So­no me­si che sot­to casa no­stra ci so­no la­vo­ri di ri­fa­ci­men­to di una piz­za. Re­go­lar­men­te tra le 7 e le 7.30 di mat­ti­na ven­go­no ru­mo­ro­sa­men­te sca­ri­ca­ti ma­te­ria­li pe­san­ti. Ca­mio­na­te di san­pie­tri­ni ri­bal­ta­ti in stra

Ca­ro Schia­vi, ho vi­si­ta­to la bel­la mo­stra «Mi­la­no anni 60» e mi com­pli­men­to con gli or­ga­niz­za­to­ri. De­vo pe­rò fa­re una precisazio­ne ri­guar­do il pre­mio No­bel as­se­gna­to a Nat­ta qua­le in­ven­to­re del po­li­me­ro poi chia­ma­to Mo­plen.

A Co­mo è ri­sa­pu­to che il co­ma­sco in­ge­gner Isi­do­ro Ronzoni, col­la­bo­ra­to­re del la­bo­ra­to­rio Nat­ta e pro­fes­so­re di «chi­mi­ca tin­to­ria» al Se­ti­fi­cio, era so­li­to vi­si­ta­re le fab­bri­che di co­lo­ran­ti te­de­sche per un suo ag­gior­na­men­to. Co­no­sce­va e vi­si­ta­va Karl Zie­gler per scam­bio di in­for­ma­zio­ni. Nel cor­so di una di que­ste vi­si­te Zie­gler lo in­for­mò che era in cor­so una ri­cer­ca per ar­ri­va­re al po­li­me­ro sen­za pe­rò riu­sci­re nell’in­ten­to. Isi­do­ro, con la sua espe­rien­za, ca­pì qua­le fos­se l’osta­co­lo e, tor­na­to in Ita­lia, chie­se al Nat­ta, suo su­pe­rio­re, il per­mes­so di con­ti­nua­re la ri­cer­ca e riu­scì nell’in­ten­to. Nat­ta eb­be tutti gli ono­ri del­la sco­per­ta, gli fu ag­giu­di­ca­to il bre­vet­to che si chia­mò «po­li­me­ro di Nat­ta» e si pre­se an­che il pre­mio No­bel per la chi­mi­ca. Il Ronzoni fu mes­so da par­te an­che per la sua na­tu­ra ri­ser­va­ta e mo­de­sta. I te­de­schi pe­rò si ri­sen­ti­ro­no e ten­ta­ro­no cau­sa as­se­ren­do giu­sta­men­te che una par­te del­la sco­per­ta era ini­zia­ta con lo­ro. Su­ben­trò la Mon­te­ca­ti­ni che ac­qui­stò il bre­vet­to e mi­se tutti a ta­ce­re. Co­sì eb­be da e noi re­si­den­ti ci sve­glia­mo con que­sto ru­mo­re. Ma se non so­no la­vo­ri ur­gen­ti non ci do­vreb­be es­se­re un ora­rio da ri­spet­ta­re? Non ab­bia­mo di­rit­to di ave­re una cer­ta tran­quil­li­tà al­me­no fi­no al­le 8 di mat­ti­na? Esten­do il di­scor­so an­che al­la rac­col­ta del ve­tro. Non si può pas­sa­re al­le 5 di mat­ti­na a rac­co­glie­re il ve­tro, lo sca­ri­co dei cas­so­net­ti sui ini­zio il gran­de suc­ces­so com­mer­cia­le con in­nu­me­re­vo­li pro­dot­ti de­sti­na­ti a tutti gli usi. Il no­me di Mo­plen lo die­de Ro­si­na, mo­glie di Nat­ta, du­ran­te un suo sog­gior­no a Ca­sna­te nel­la fio­ren­te casa di cam­pa­gna ma non è no­to da co­sa fos­se sug­ge­ri­to.

Tut­to quan­to ho ri­cor­da­to e ri­pe­to, co­me è ri­sa­pu­to a Co­mo, va­le per un omag­gio po­stu­mo a Isi­do­ro Ronzoni sen­za smi­nui­re l’ope­ra­to del gran­de scien­zia­to e ri­cer­ca­to­re che fu Giu­lio Nat­ta.

Ca­ro Lam­bru­go, nel 1963, quan­do Nat­ta ri­ce­vet­te l’ono­ri­fi­cen­za a Stoc­col­ma, mi­lio­ni di italiani era­no già con­qui­sta­ti dal­la sua sco­per­ta e dal­le pa­ro­le di Gi­no Bra­mie­ri a Ca­ro­sel­lo: «E mo e mo… mo­plen». Quel ma­te­ria­le fe­ce la for­tu­na del­la Mon­te­ca­ti­ni e ri­vo­lu­zio­nò le abi­tu­di­ni del­le ca­sa­lin­ghe: era ini­zia­ta l’era del­la pla­sti­ca. Og­gi il pa­ra­dos­so è che ne sia­mo in­va­si e stia­mo cer­can­do di li­mi­tar­ne l’uso, ma nien­te to­glie va­lo­re al ge­nio di Nat­ta e del suo va­li­do col­la­bo­ra­to­re. Il primo No­bel ita­lia­no per la Chi­mi­ca si era di­plo­ma­to a 16 anni, lau­rea­to a 21 e a so­li 24 di­ven­tò li­be­ro do­cen­te all’uni­ver­si­tà. «Mi­la­no anni 60»è una bel­la mo­stra: il de­cen­nio ir­ri­pe­ti­bi­le di­ce il sot­to­ti­to­lo. Noi spe­ria­mo in un bis. ca­mion pro­du­ce un ru­mo­re for­tis­si­mo.

Call cen­ter «mu­to»

Can­tie­ri e rac­col­ta ve­tro

Ci so­no del­le pre­sta­zio­ni sa­ni­ta­rie per cui il call cen­ter non pre­ve­de la pre­no­ta­zio­ne. La ri­spo­sta è: si de­ve ri­vol­ge­re di­ret­ta­men­te agli spor­tel­li de­gli ospe­da­li. Stan­te la bril­lan­te idea, si­cu­ra­men­te eco­no­mi­ca, di eli­mi­na­re i sin­go­li Cup non re­sta che pre­sen­tar­si per­so­nal­men­te agli spor­tel­li. Se non che non tutti gli ospe­da­li ero­ga­no quel­la pre­sta­zio­ne; che fa­re? Il pa­zien­te, di no­me e di fat­to, de­ve ar­mar­si di san­ta pa­zien­za e mez­zi di spo­sta­men­to, an­che l’au­to per­ché for­se do­vrà gi­ra­re an­che la pro­vin­cia e ol­tre, e an­da­re di­ret­ta­men­te a do­man­da­re. So­ven­te, de­ve fa­re an­che 2 ore di fi­la per sen­tir­si ri­spon­de­re che quel­la pre­sta­zio­ne non vie­ne ero­ga­ta ov­ve­ro vie­ne da­to un ap­pun­ta­men­to ad un an­no. Quin­di si de­ve gi­ra­re mez­za Lom­bar­dia per cer­ca­re do­ve es­se­re cu­ra­ti/vi­si­ta­ti/ esa­mi­na­ti. I cen­tri cli­ni­ci con­ven­zio­na­ti non ri­spon­do­no al

Gra­zie per l’at­ten­zio­ne di­mo­stra­ta per la no­stra Chie­set­ta al Lo­ren­teg­gio. De­vo pe­ro, pre­ci­sa­re che i fon­di per la ri­strut­tu­ra­zio­ne av­ve­nu­ta nel 1985 (e io c’ero) so­no sta­ti of­fer­ti sia dai Lyons che dal­la Ban­ca Agri­co­la Mi­la­ne­se e, pur nel no­stro pic­co­lo. dall’Asco­lo­ren, che an­co­ra og­gi si oc­cu­pa del­la con­ser­va­zio­ne in ca­ri­co dal Co­mu­ne di Mi­la­no. Da cir­ca cin­que anni con un grup­po di cit­ta­di­ni ab­bia­mo co­sti­tui­to un’al­tra as­so­cia­zio­ne, «Ami­ci del­la Chie­set­ta di San Pro­ta­so», per da­re con­ti­nui­tà nel tem­po al ri­cor­do e al­la cura del­la stes­sa.

Pre­no­ta­zio­ni im­pos­si­bi­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.