Car­de­nas, l’ar­chi­tet­to del bam­bù «Una pian­ta stra­te­gi­ca che può ab­bat­te­re l’in­qui­na­men­to»

Dal suo stu­dio vi­ci­no al­la Fab­bri­ca del Va­po­re Mau­ri­cio Car­de­nas pro­get­ta in tut­to il mon­do co­stru­zio­ni che sfrut­ta­no le vir­tù di que­sta pian­ta

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - di Sil­via Icar­di

Co­lom­bia­no na­tu­ra­liz­za­to ita­lia­no, na­to a Bo­go­tà, Mau­ri­cio Car­de­nas La­ver­de è uno dei mas­si­mi esper­ti di co­stru­zio­ni in bam­bù al mon­do e vi­ve a Mi­la­no dal lon­ta­no 1995. Por­ta la sua fir­ma il Bam­boo Eye, il più gran­de edi­fi­cio con strut­tu­ra por­tan­te com­ple­ta­men­te in bam­bù del­la Ci­na rea­liz­za­to nel 2019. I suoi pro­get­ti so­no so­ste­ni­bi­li dal­la A al­la Z per­ché ogni so­lu­zio­ne è stu­dia­ta per ren­der­ne l’im­pat­to am­bien­ta­le il me­no gra­vo­so pos­si­bi­le per il pia­ne­ta. Ed è con­vin­to che al­cu­ni in­ter­ven­ti pun­tua­li po­treb­be­ro aiu­ta­re ad ab­bas­sa­re i li­vel­li di in­qui­na­men­to del­la nostra cit­tà. Sia­mo an­da­ti a tro­var­lo nel suo stu­dio vi­ci­no al­la Fab­bri­ca del Va­po­re, un gran­de spa­zio po­st-in­du­stria­le che con­di­vi­de con al­tri col­le­ghi, ex com­pa­gni dei tem­pi dell’uni­ver­si­tà.

Per­ché tan­ta pas­sio­ne per il bam­bù?

«I mo­ti­vi so­no mol­te­pli­ci. Il bam­bù è una gra­mi­na­cea non è un al­be­ro, cre­sce ovun­que, a una ve­lo­ci­tà in­cre­di­bi­le dai 5 ai 10 cen­ti­me­tri al gior­no. Que­sto si­gni­fi­ca che per es­se­re uti­liz­za­to co­me ma­te­ria­le da co­stru­zio­ne ha bi­so­gno di so­li tre an­ni con­tro i 20-30 di un al­be­ro. Ha lun­ghe ra­di­ci vi­go­ro­se che si espan­do­no la­te­ral­men­te e che gli per­met­to­no di cre­sce­re an­che in ter­re­ni po­ve­ri e ina­dat­ti all’agri­col­tu­ra. Le fo­glie fit­te e dal­la gran­de su­per­fi­cie as­sor­bo­no gran­de quan­ti­tà di CO2. Per que­sto è con­si­de­ra­to “pian­ta stra­te­gi­ca” dall’Onu per­ché adem­pie a 6 dei 17 obiet­ti­vi di svi­lup­po so­ste­ni­bi­le».

Co­me ha im­pa­ra­to a co­no­scer­lo?

«Da bam­bi­no an­da­vo a ca­sa di mio non­no a un’ora da Bo­go­tà. C’era­no bel­lis­si­me col­ti­va­zio­ni di caf­fè, aran­ce e can­na da zuc­che­ro che ha fu­sti co­me il bam­bù. Con que­ste can­ne co­strui­va­mo ca­pan­ne e lan­ce. È sta­to il pri­mo amo­re che non ho mai di­men­ti­ca­to».

Qual è sta­to il pri­mo edi­fi­cio che ha co­strui­to uti­liz­zan­do il bam­bù?

«Un pa­di­glio­ne al Fuo­ri­sa­lo­ne del 2006 al­la Fab­bri­ca del Va­po­re. In quell’oc­ca­sio­ne ho im­pa­ra­to ad ap­prez­zar­ne i mol­te­pli­ci aspet­ti po­si­ti­vi: dal co­sto con­te­nu­to al­la re­si­sten­za, al­la fles­si­bi­li­tà. Sa­pe­te co­me vie­ne chia­ma­to? Ac­cia­io ve­ge­ta­le».

Co­me il bam­bù po­treb­be aiu­ta­re a con­te­ne­re l’in­qui­na­men­to a Mi­la­no?

«Il bam­bù è la pian­ta che più as­sor­be CO2 nel suo ci­clo di vi­ta ol­tre ad es­se­re stra­te­gi­co per l’ab­bat­ti­men­to del­le pol­ve­ri sot­ti­li. Cre­sce ve­lo­ce­men­te e dun­que per ot­te­ne­re un bosco di bam­bù i tem­pi so­no in­fi­ni­ta­men­te più brevi ri­spet­to ad es­sen­ze ar­bo­ree clas­si­che. In più pe­sa po­co e lo si po­treb­be far cre­sce­re an­che sui tet­ti de­gli edi­fi­ci con co­per­tu­ra pia­na che so­no cir­ca l’80% di quel­li in cit­tà».

Il pa­di­glio­ne che ha co­strui­to in Ci­na non ne­ces­si­ta di im­pian­to di con­di­zio­na­men­to, com’è pos­si­bi­le?

«La co­per­tu­ra è cal­pe­sta­bi­le ed è un ve­ro e pro­prio giar­di­no so­prae­le­va­to. Lo stra­to di ter­ra umi­da, il ver­de e al­cu­ni ac­cor­gi­men­ti tec­ni­ci han­no fat­to sì che si creas­se una per­fet­ta ven­ti­la­zio­ne na­tu­ra­le». Co­sa pen­sa di Mi­la­no?

«È una cit­tà fan­ta­sti­ca per­ché è a mi­su­ra d’uo­mo con un’ani­ma in­ter­na­zio­na­le. Sa­reb­be bel­lo che ar­chi­tet­ti e am­mi­ni­stra­zio­ne fa­ces­se­ro un co­rag­gio­so sal­to di qua­li­tà sul­la que­stio­ne del­la so­ste­ni­bi­li­tà che non può esau­rir­si in me­ri pa­ra­me­tri di ri­spar­mio ener­ge­ti­co ma de­ve con­si­de­ra­re tut­to il pro­ces­so co­strut­ti­vo per im­pat­ta­re il me­no pos­si­bi­le su que­sto no­stro pia­ne­ta co­sì bi­so­gno­so di at­ten­zio­ne».

● Mau­ri­cio Car­de­nas La­ver­de na­sce a Bo­go­tà nel 1969. Si lau­rea in ar­chi­tet­tu­ra in Co­lom­bia. Nel 1994 bor­sa di stu­dio in Ita­lia. Dal 1999 al 2004 la­vo­ra da Ren­zo Pia­no a Pa­ri­gi. Nel 2011 vin­ce il pre­mio dell’Agen­zia per la dif­fu­sio­ne del­le tec­no­lo­gie per l’in­no­va­zio­ne. Nel 2016 co­strui­sce a Shan­ghai la pri­ma vil­la di tre pia­ni in­te­ra­men­te in bam­bù ● Per l’Ex­po di Mi­la­no ha pro­get­ta­to il pa­di­glio­ne del­la Co­lom­bia. Insegna «so­ste­ni­bi­li­tà» al ma­ster in­ter­na­zio­na­le del Po­li.design «Design Ma­na­ge­ment for In­no­va­ti­ve En­vi­ron­men­ts» . È cu­ra­to­re scien­ti­fi­co dell’even­to «Un­der the bam­boo tree» del La­bi­rin­to del­la Ma­so­ne, il par­co cul­tu­ra­le di Fon­ta­nel­la­to che com­pren­de il più gran­de la­bi­rin­to al mon­do di bam­bù

(Piag­ge­si/Fo­to­gram­ma)

A Shan­gai Qui so­pra, l’in­ter­no del Bam­boo Eye di Shan­gai. Nel­la fo­to gran­de, Mau­ri­cio Car­de­nas La­ver­de nel suo stu­dio mi­la­ne­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.