Oc­ca­sio­ne per­sa il no al cda Rai in cor­so Sem­pio­ne

Corriere della Sera (Milano) - - Primo Piano - di Igor De Bia­sio Cons. amministra­zione Rai

So­no con­vin­to che con la de­ci­sio­ne di mer­co­le­dì se­ra di spo­sta­re in ex­tre­mis a Ro­ma la se­de del­la se­du­ta di gio­ve­dì del cda Rai già fis­sa­ta a Mi­la­no si sia per­sa una oc­ca­sio­ne. Ab­bia­mo per­so l’op­por­tu­ni­tà di far­ci tro­va­re com­pat­ti da­van­ti ai cit­ta­di­ni, nel­le cui ca­se en­tria­mo ogni gior­no e ai di­pen­den­ti Rai che ci vor­reb­be­ro al lo­ro fian­co nei mo­men­ti di in­cer­tez­za. Avrem­mo avu­to l’ad e il pre­si­den­te Rai in­sie­me ai la­vo­ra­to­ri mi­la­ne­si (nel ri­spet­to del­le or­di­nan­ze) a da­re fi­du­cia e spe­ran­za al­le zo­ne col­pi­te e a tut­to il Pae­se. Ave­vo pro­po­sto di svol­ge­re il cda a Mi­la­no e il suc­ces­si­vo a Ve­ne­zia per da­re un se­gna­le di vi­ci­nan­za ed em­pa­tia ver­so dei ter­ri­to­ri colpiti dall’emer­gen­za sa­ni­ta­ria. Un ge­sto straor­di­na­rio in un mo­men­to straor­di­na­rio. La Rai è pa­tri­mo­nio di tut­to il Pae­se; per me è giu­sto e do­ve­ro­so essere a fian­co di tut­ti i la­vo­ra­to­ri Rai spe­cie nei mo­men­ti cri­ti­ci. Vo­glio sot­to­li­nea­re che il de­cre­to del go­ver­no so­spen­de mee­ting di per­so­na­le sa­ni­ta­rio o di chi svol­ge ser­vi­zi pub­bli­ci es­sen­zia­li o di pub­bli­ca uti­li­tà. Far ri­ca­de­re il cda Rai in que­ste due ca­si­sti­che è sta­ta un’in­ter­pre­ta­zio­ne mol­to forzata che non con­di­vi­do. Da par­te mia ho par­te­ci­pa­to al Con­si­glio col­le­ga­to da cor­so Sem­pio­ne. E mi so­no sen­ti­to si­cu­ro. Mi ram­ma­ri­ca pe­rò che il mio in­ten­to di unione e par­te­ci­pa­zio­ne sia sva­ni­to per pau­ra, di­vi­sio­ni par­ti­ti­che e po­le­mi­che.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.