Le «cin­que gior­na­te di Mi­la­no» de­ci­si­ve per evi­ta­re il col­las­so

Nel wee­kend at­te­si gli ef­fet­ti del de­cre­to. «Con­te­ne­re i con­ta­gi qui è fon­da­men­ta­le»

Corriere della Sera (Milano) - - Primo Piano - Di Ce­sa­re Giuz­zi

Le bar­ri­ca­te, sta­vol­ta, do­vran­no es­se­re da­van­ti al­le por­te di ca­sa. Per evi­ta­re ogni usci­ta, ogni con­tat­to non in­di­spen­sa­bi­le. Per­ché se è ve­ro che è in cit­tà, con il suo mi­lio­ne e 300 mi­la abi­tan­ti, che si com­bat­te la bat­ta­glia del­le bat­ta­glie con­tro il co­ro­na­vi­rus, i pros­si­mi cin­que gior­ni sa­ran­no de­ci­si­vi per la vit­to­ria con­tro l'epidemia.

Tra sa­ba­to e do­me­ni­ca, in­fat­ti, so­no at­te­si i pri­mi ef­fet­ti del­le mi­su­re re­strit­ti­ve in­tro­dot­te l’8 mar­zo dal Go­ver­no. Ma en­tro quel­la da­ta l’in­di­ca­to­re più im­por­tan­te per gli epi­de­mio­lo­gi sa­rà quel­lo di Mi­la­no. Se il ca­po­luo­go e l’area me­tro­po­li­ta­na re­si­sto­no — par­lia­mo di 3,6 mi­lio­ni di abi­tan­ti — al­lo­ra sa­rà davvero pos­si­bi­le in­ver­ti­re nel vol­ge­re di bre­ve tem­po la cur­va dei con­ta­gi. E so­prat­tut­to sal­va­re dal col­las­so il si­ste­ma sa­ni­ta­rio lom­bar­do e quel­lo dell’in­te­ra na­zio­ne.

I da­ti per ora so­no «mo­de­ra­ta­men­te con­for­tan­ti» in re­la­zio­ne al nu­me­ro de­gli abi­tan­ti. I ca­si in cit­tà so­no 813, con un in­cre­men­to di 233 ri­spet­to a do­me­ni­ca. Con­si­de­ra­ta an­che la pro­vin­cia si sa­le a 1.983: +233. Un da­to di cre­sci­ta che in que­ste set­ti­ma­ne è ri­ma­sto pres­so­ché iden­ti­co: «Gli ospe­da­li re­gi­stra­no un af­flus­so in leg­ge­ris­si­ma cre­sci­ta ma co­stan­te e per ora ge­sti­bi­le», spie­ga l’as­ses­so­re re­gio­na­le al Wel­fa­re Giu­lio Gal­le­ra. Que­sto an­da­men­to «co­stan­te» pe­rò non si­gni­fi­ca che Mi­la­no sia un’isola fe­li­ce. An­che per­ché, se­con­do le evi­den­ze del­la scien­za, non ci so­no aree ter­ri­to­ria­li im­mu­ni. Epi­de­mio­lo­gi e vi­ro­lo­gi han­no il ti­mo­re che an­che nell’area me­tro­po­li­ta­na pos­sa ac­ca­de­re quan­to si è os­ser­va­to nel­la Ber­ga­ma­sca: una cre­sci­ta len­ta nei pri­mi gior­ni, poi l’esplo­sio­ne dell’ul­ti­ma set­ti­ma­na (3.760 ca­si). L’epidemia — se non con­tra­sta­ta — ha que­sto evo­lu­zio­ne. Lo si è vi­sto an­che nel Bre­scia­no (2.918) do­ve l’im­pen­na­ta s’è ve­ri­fi­ca­ta in tre gior­ni. Nel Bas­so Lo­di­gia­no do­ve è sta­ta crea­ta la pri­ma zo­na ros­sa (e che ha un an­da­men­to con­for­tan­te nei da­ti), vi­vo­no 48 mi­la persone. Po­co più di un pa­io di quar­tie­ri di Mi­la­no. Ma per­ché nel ca­po­luo­go lom­bar­do i Co­vid-19 po­si­ti­vi so­no an­co­ra co­sì «limitati»? La spie­ga­zio­ne è sem­pli­ce. Da più di due set­ti­ma­ne in Lom­bar­dia non si ef­fet­tua­no tam­po­ni a pa­zien­ti asin­to­ma­ti­ci e ai ma­la­ti «ge­sti­bi­li a do­mi­ci­lio». Co­me rac­con­ta­to ie­ri sul Cor­rie­re da al­cu­ni me­di­ci di fa­mi­glia, è evi­den­te che die­tro agli 813 con­ta­gia­ti si na­scon­de un «som­mer­so» che po­treb­be es­se­re dieci o ven­ti vol­te tan­to. In cit­tà è già sta­ta su­pe­ra­ta quo­ta 20 de­ces­si, a con­fer­ma che quel­li evi­den­zia­ti dal­le sta­ti­sti­che so­no ca­si per­lo­più gra­vi che ven­go­no «te­sta­ti» una vol­ta ri­co­ve­ra­ti in ospe­da­le. Tut­ta­via è chia­ro che sia­mo an­co­ra lon­ta­ni dal pic­co. La stra­da del tam­po­ne di mas­sa, adottata a Vo’ Eu­ga­neo (Pa­do­va), è im­pra­ti­ca­bi­le su una po­po­la­zio­ne co­sì va­sta. Ne è con­vin­to an­che Mas­si­mo Gal­li, re­spon­sa­bi­le del di­par­ti­men­to di Ma­lat­tie in­fet­ti­ve del Sac­co se­con­do il qua­le «è fon­da­men­ta­le con­te­ne­re il nu­me­ro dei con­ta­gi nell’area me­tro­po­li­ta­na»: «Le av­vi­sa­glie di fo­co­lai qua e là so­no sem­pre più evi­den­ti — spie­ga il vi­ro­lo­go —. È inu­ti­le il­lu­der­ci: do­vre­mo cer­ca­re di con­te­ne­re il pro­ble­ma a Mi­la­no e di es­se­re mol­to pre­pa­ra­ti a com­bat­te­re que­sta bat­ta­glia con più ef­fi­cien­za, or­ga­niz­za­zio­ne e do­ta­zio­ni di pro­te­zio­ne per i me­di­ci sen­za man­dar­li al­lo sba­ra­glio. Ri­co­strui­re i con­tat­ti dei po­si­ti­vi, ga­ran­ti­re un al­to li­vel­lo di as­si­sten­za do­mi­ci­lia­re. La sfi­da si vin­ce sui ter­ri­to­ri».

Non a ca­so è sta­to pro­prio il pro­fes­sor Gal­li a co­nia­re l’espres­sio­ne «la bat­ta­glia di Mi­la­no». A con­di­vi­de­re la sua pre­oc­cu­pa­zio­ne ci so­no ora il go­ver­na­to­re At­ti­lio Fon­ta­na e il sindaco Bep­pe Sa­la: «Il vi­rus non sta sfon­dan­do, è fon­da­men­ta­le per­ché se lo fa­ces­se il si­ste­ma sa­ni­ta­rio sa­reb­be mes­so veramente in cri­si». Il 10 mar­zo i «po­si­ti­vi» in pro­vin­cia era­no 592, ora so­no quat­tro vol­te tan­to. In­ver­ti­re la ten­den­za è pos­si­bi­le re­stan­do a ca­sa, iso­lan­do­si in ca­so di feb­bre e do­lo­ri, ri­spet­tan­do le re­go­le in mo­do strin­gen­te. Mai co­me og­gi il ri­sor­gi­men­to dall’emer­gen­za pas­sa dal­le pros­si­me cin­que gior­na­te. A Mi­la­no e nel re­sto del Pae­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.