«Va ri­pen­sa­to il ser­vi­zio sa­ni­ta­rio E si in­ve­sta di più nel­la ri­cer­ca»

Ga­rat­ti­ni: la ri­pre­sa sia gra­dua­le

Corriere della Sera (Milano) - - Primo Piano - Di Ste­fa­no Lan­di

I col­le­ghi so­no qua­si tut­ti a ca­sa, a la­vo­ra­re in smart wor­king. «Io so­no an­co­ra qui che ave­vo del­le co­se ur­gen­ti da sbri­ga­re», di­ce Sil­vio Ga­rat­ti­ni, an­ni 91, ber­ga­ma­sco, fondatore e pi­la­stro dell’Isti­tu­to di ri­cer­che far­ma­co­lo­gi­che Ma­rio Ne­gri, a Mi­la­no. Co­me en­tra in quel­la che per mol­ti è la set­ti­ma­na de­ci­si­va per la cur­va dei con­ta­gi?

«Dub­bio­so: per­ché co­no­scia­mo trop­po po­co di que­sto vi­rus. E que­sto non con­sen­te di fa­re pre­vi­sio­ni, né in un sen­so né nell’altro».

Non sem­bra tra quel­li che ve­de vi­ci­na l’in­ver­sio­ne di ten­den­za...

«In Lom­bar­dia è pos­si­bi­le.

Dif­fi­ci­le fa­re i con­ti col re­sto del Pae­se. La si­tua­zio­ne ita­lia­na è mol­to ete­ro­ge­nea. A que­sto pun­to di­ven­ta davvero im­por­tan­te la re­spon­sa­bi­li­tà del­la gen­te. In Lom­bar­dia si con­vi­ve da di­ver­si gior­ni con numeri che met­to­no pau­ra. Al­tro­ve ve­do trop­pa gen­te di­strat­ta che non si sen­te par­te in cau­sa».

Da ber­ga­ma­sco che idea si è fat­to dell’emer­gen­za di quel­la zo­na?

«Il rim­pian­to è quel­lo di non aver iso­la­to pri­ma que­sta pro­vin­cia, co­me da su­bi­to chie­de­va­no i sin­da­ci. Ma l’at­ten­zio­ne era tut­ta su quel­lo che suc­ce­de­va nel Lo­di­gia­no».

Co­sa ha pen­sa­to la mat­ti­na del 21 feb­bra­io quan­do uscì la no­ti­zia del pri­mo ca­so a Co­do­gno? «One­sta­men­te non im­ma­gi­na­vo che il con­ta­gio par­tis­se in ma­nie­ra co­sì ve­lo­ce».

È pre­oc­cu­pa­to dei con­ta­gi som­mer­si a Mi­la­no cit­tà?

«Pen­so che sia es­sen­zia­le che ogni per­so­na che evi­den­zia i sin­to­mi po­ten­zial­men­te del co­ro­na­vi­rus stia a ca­sa per 14 gior­ni an­che se non gli vie­ne fat­to il tam­po­ne».

Se nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne la cur­va dei con­ta­gi do­ves­se ini­zia­re a ca­la­re, co­me ge­sti­reb­be la ri­par­ten­za? «Nel mo­do più gra­dua­le pos­si­bi­le. Ri­co­min­cian­do dal set­to­re pro­dut­ti­vo, che può sta­re fer­mo un me­se, ma di più è dif­fi­ci­le. An­che sul­la scuo­la pen­se­rei a un ap­proc­cio pro­gres­si­vo. Par­ten­do dai bam­bi­ni più pic­co­li che sem­bra­no me­no sen­si­bi­li al vi­rus. Uni­ver­si­tà e li­cei stan­no di­mo­stran­do di riu­sci­re ad an­da­re avan­ti a di­stan­za».

Che le­zio­ne ci la­scia que­sta epidemia?

«Che bi­so­gna ri­pen­sa­re se­ria­men­te

al fu­tu­ro del ser­vi­zio sa­ni­ta­rio na­zio­na­le, che sem­bra ri­ma­sto in­die­tro di 40 an­ni».

All’este­ro ci ve­do­no co­me un modello...

«Dob­bia­mo mi­su­rar­ci con la glo­ba­liz­za­zio­ne. Pen­sa­re che co­me cir­co­la­no le persone e le mer­ci, lo fan­no an­che i vi­rus. Non dob­bia­mo di­men­ti­ca­re che l’an­no scor­so in Ita­lia ci so­no sta­ti 10 mi­la mor­ti per in­fe­zio­ni non sen­si­bi­li agli an­ti­bio­ti­ci. Un ter­zo d’Eu­ro­pa: per­ché li ab­bia­mo usa­ti in mo­do scon­si­de­ra­to. E poi ac­cet­ta­re che sia­mo un pae­se an­zia­no. Quin­di ri­pen­sa­re il si­ste­ma in ter­mi­ni di pre­ven­zio­ne e di sti­li di vi­ta».

La gen­te ap­plau­de i suoi me­di­ci dal­le fi­ne­stre...

«Ri­sco­pri­re i me­di­ci so­lo nell’emer­gen­za è trop­po fa­ci­le. Ri­cor­dia­mo­ci in­ve­ce che sia­mo il Pae­se che spen­de me­no in Eu­ro­pa per la ri­cer­ca. Non vo­glio pen­sa­re che quan­do tut­to sa­rà fi­ni­to si pen­se­rà su­bi­to ad un’al­tra co­sa».

 Protagonis­ti Ri­sco­pri­re i me­di­ci so­lo nel­le emer­gen­ze è trop­po fa­ci­le Non vo­glio cre­de­re che quan­do sa­rà tut­to fi­ni­to si pen­se­rà su­bi­to ad altro

L’abu­so dei far­ma­ci Nel 2019 le in­fe­zio­ni di­ven­ta­te in­sen­si­bi­li agli an­ti­bio­ti­ci han­no fat­to 10 mi­la vit­ti­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.