Eleo­no­ra, me­di­co da ie­ri: la vo­lon­tà di aiu­ta­re è più for­te di ogni pau­ra

Lau­rea di­gi­ta­le, poi re­clu­ta­men­to sen­za esa­me di Sta­to «Il la­vo­ro sui tam­po­ni, rin­trac­cia­re i con­tat­ti dei po­si­ti­vi Fa­rò qual­sia­si co­sa sia uti­le, il per­so­na­le è al­lo stre­mo»

Corriere della Sera (Milano) - - Primo Piano - Di Fe­de­ri­ca Ca­va­di­ni

Lau­rea­ta a di­stan­za ie­ri mat­ti­na e per ef­fet­to del de­cre­to Cu­ra Ita­lia già abi­li­ta­ta e in­via­ta ne­gli ospe­da­li che aspet­ta­no rinforzi. Fra i neo­dot­to­ri con per­cor­so ab­bre­via­to per emer­gen­za Co­ro­na­vi­rus c’è Eleo­no­ra Sca­glio­ni, man­to­va­na, 26 an­ni, nel­la pri­ma ses­sio­ne di lau­ree on­li­ne in Me­di­ci­na dell’uni­ver­si­tà Sta­ta­le: «Pron­ta a fa­re la mia par­te, la vo­glia di da­re una ma­no è più for­te del­la pre­oc­cu­pa­zio­ne, che non può non es­ser­ci ades­so», di­ce ca­ri­ca ed emo­zio­na­ta, a po­che ore dal­la di­scus­sio­ne del­la te­si.

Re­clu­ta­ti su­bi­to, in un si­ste­ma sa­ni­ta­rio che al­tri­men­ti ri­schia il col­las­so. Ap­pe­na ie­ri la lau­rea (con 110 e lo­de), e ades­so? «Sap­pia­mo che c’è una gran­de ca­ren­za di me­di­ci e che sa­re­mo uti­liz­za­ti do­ve ser­ve, ma­ga­ri per fa­re i tam­po­ni, una col­le­ga spe­cia­liz­zan­da sta la­vo­ran­do sull’epi­de­mio­lo­gia, è sta­ta re­clu­ta­ta per rin­trac­cia­re i con­tat­ti dei ma­la­ti. Ser­ve aiu­to su più fron­ti. Ci han­no chia­ma­to nei gior­ni scor­si an­che co­me lau­rean­di, per ri­spon­de­re al­le chia­ma­te al 112».

Co­me cam­bia il vo­stro per­cor­so di neolaureat­i?

«Sia­mo già abi­li­ta­ti ma fa­re­mo co­mun­que la no­stra espe­rien­za. An­che se il pro­gram­ma non sa­rà quel­lo tra­di­zio­na­le che pre­ve­de­va un ti­ro­ci­nio con un me­se in un re­par­to di area me­di­ca, uno in area chi­rur­gi­ca e un al­tro pres­so un me­di­co di me­di­ci­na ge­ne­ra­le. Io poi pro­se­gui­rò con la spe­cia­liz­za­zio­ne, sa­rò un me­di­co di fa­mi­glia, co­me mio pa­dre».

In­tan­to ini­zi, in an­ti­ci­po e in pie­na emer­gen­za Co­vid.

«E la pre­oc­cu­pa­zio­ne c’è. Da set­ti­ma­ne ne par­la­vo con i col­le­ghi di stu­dio, sa­pe­va­mo che la si­tua­zio­ne sa­reb­be de­ge­ne­ra­ta, si mi­ni­miz­za­va trop­po e ades­so si ri­schia di ar­ri­va­re al col­las­so ne­gli ospe­da­li. D’al­tra par­te c’è la vo­glia for­te di da­re una ma­no, da­re il cam­bio a chi è stre­ma­to e da­re sol­lie­vo a chi sof­fre, per­ché è per que­sto che ho stu­dia­to tan­ti an­ni. Quan­do mi so­no iscrit­ta all’uni­ver­si­tà, do­po il li­ceo scien­ti­fi­co, pen­sa­vo di im­pe­gnar­mi nel­la ri­cer­ca, sul­la me­di­ci­na ri­ge­ne­ra­ti­va. Poi ho scel­to di di­ven­ta­re me­di­co di fa­mi­glia, per­ché so­no po­chi ed è giu­sto ri­spon­de­re a que­sto bi­so­gno, e per­ché i pa­zien­ti de­vo­no ave­re un dot­to­re che sia an­che una fi­gu­ra ami­ca, vi­ci­na ed è co­sì che vor­rei svol­ge­re la pro­fes­sio­ne».

In que­sti gior­ni hai pen­sa­to a do­ve po­treb­be es­se­re il tuo pri­mo in­ca­ri­co?

«Da ti­ro­ci­nan­te ero all’ospe­da­le San Giu­sep­pe a Mi­la­no ma ora vor­rei re­sta­re a Man­to­va, in que­sta si­tua­zio­ne pre­fe­ri­rei es­se­re vi­ci­na al­la mia fa­mi­glia. Per ave­re e da­re sup­por­to, avrò il lo­ro so­ste­gno e avrò an­che la mia mu­si­ca, il pia­no­for­te che ho stu­dia­to al Con­ser­va­to­rio e mi ha aiu­ta­to an­che ne­gli an­ni de­gli stu­di. Do­po, quan­do usci­re­mo da que­sta cri­si, sa­rà di­ver­so. Fa­rei il mio la­vo­ro di me­di­co an­che lon­ta­na da ca­sa».

In­tan­to a ca­sa, ie­ri mat­ti­na, ti sei lau­rea­ta. Mol­to di­ver­so da co­me lo ave­vi im­ma­gi­na­to?

«Una di­scus­sio­ne del­la te­si in col­le­ga­men­to da sa­lot­to a sa­lot­to con i pro­fes­so­ri e gli al­tri can­di­da­ti non era im­ma­gi­na­bi­le pri­ma del Co­ro­na­vi­rus, sia­mo sta­ti i pri­mi. Ho pre­sen­ta­to il mio la­vo­ro sul­la bio­in­for­ma­ti­ca nel­lo stu­dio dei tu­mo­ri del pol­mo­ne. Con ge­ni­to­ri e so­rel­la al­le mie spal­le,vi­ci­nis­si­mi, ed è sta­to emo­zio­nan­te, quan­do uno dei pro­fes­so­ri ha let­to il giu­ra­men­to di Ip­po­cra­te mi so­no vol­ta­ta, ave­va­mo tut­ti le la­cri­me».

In pri­ma li­nea Eleo­no­ra Sca­glio­ni, 26 an­ni, neo dot­to­res­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.