«Io, vo­lon­ta­ria in mis­sio­ne a Lo­di Vor­rei pian­ge­re e di­co ai pa­zien­ti: non sie­te so­li»

Chia­ra, 43 an­ni, è par­ti­ta die­ci gior­ni fa dal Be­sta «Ho tro­va­to tan­te col­le­ghe lon­ta­ne dal­le lo­ro fa­mi­glie Lot­ta­no con la stan­chez­za. Una for­za com­mo­ven­te»

Corriere della Sera (Milano) - - Primo Piano - di Gian­gia­co­mo Schia­vi gschia­[email protected]

«Ho det­to: va­do, mi of­fro co­me vo­lon­ta­ria, a Lo­di han­no bi­so­gno di ria­ni­ma­to­ri, pos­so es­se­re uti­le an­ch’io». La dot­to­res­sa Chia­ra è ap­pe­na usci­ta da una trin­cea. «È sta­ta una scel­ta istin­ti­va per aiu­ta­re chi ha bi­so­gno: sia­mo me­di­ci pro­prio per que­sto».

La sua sto­ria rias­su­me quel­la di al­tri col­le­ghi che da gior­ni vi­vo­no in ospe­da­le tra i ma­la­ti in at­te­sa al Pron­to soc­cor­so e quel­li da ven­ti­la­re o in­tu­ba­re in Te­ra­pia in­ten­si­va: vanno in­con­tro a un pe­ri­co­lo sen­za ve­der­lo, san­no che quel che fan­no per pro­teg­ger­si po­treb­be non ba­sta­re, non si ve­do­no in tv ma ci so­no, ci si può con­ta­re, so­no stra­vol­ti dal­la fa­ti­ca ma non si ar­ren­do­no.

Chia­ra ha 43 an­ni, la­vo­ra all’isti­tu­to Be­sta, è par­ti­ta die­ci gior­ni fa per l’ospe­da­le di Lo­di con la col­le­ga Bea­tri­ce e og­gi si por­ta ad­dos­so la gran­de uma­ni­tà che ha tro­va­to in cor­sia. «Not­te e gior­no ope­ra­ti­vi al cen­to per cen­to, can­cel­la­ti i re­par­ti per far po­sto ai ma­la­ti Co­vid, de­ci­sio­ni pra­ti­che da pren­de­re in ba­se al­la gra­vi­tà, la pau­ra di es­se­re con­ta­gia­ti e la dif­fi­col­tà a ge­sti­re il la­vo­ro e le emo­zio­ni. Die­tro tan­ti sguar­di che stra­zia­va­no il cuo­re c’era sem­pre qual­cu­no in gra­do di in­fon­de­re co­rag­gio e spe­ran­za».

È par­ti­ta da Mi­la­no die­ci gior­ni fa, do­po una not­te in­son­ne e un tar­di­vo ri­pen­sa­men­to. «Ho la­scia­to mio fi­glio pian­gen­do e il mio com­pa­gno pre­oc­cu­pa­to. Ma a Lo­di tut­ti i dub­bi so­no spariti. In quel­la bol­gia ho vi­sto una quie­te che mi ha in­di­riz­za­to: tan­te col­le­ghe, tan­te don­ne co­me me, tut­te che ave­va­no la­scia­to ca­sa e fa­mi­glia e nes­su­na che di­ces­se “so­no stan­ca”. La lo­ro for­za mi ha com­mos­so».

Me­di­ci eroi, ab­bia­mo scrit­to in que­sti gior­ni. Non è esa­ge­ra­to. Ne­gli ospe­da­li del­la Lom­bar­dia si stan­no schian­tan­do da set­ti­ma­ne, fan­no di tut­to per sal­va­re le vi­te de­gli al­tri: dan­no un gran­de esem­pio, una le­zio­ne di uma­ni­tà e pro­fes­sio­na­li­tà. I ma­la­ti Co­vid so­no in al­ta­le­na con­ti­nua, at­tra­ver­sa­no un cam­po mi­na­to: sem­bra­no mi­glio­ra­re, poi im­prov­vi­sa­men­te peg­gio­ra­no. «Quan­do ti av­vi­ci­ni a uno di lo­ro e gli pren­di la ma­no, ti vie­ne da pian­ge­re. Ma non puoi far­lo, gli fai ca­pi­re che non è so­lo, che pre­sto ma­ga­ri si pas­se­rà all’os­si­ge­no­te­ra­pia, e che for­se que­sto pas­sag­gio avrà suc­ces­so…». E se non fos­se co­sì? «Do­vre­mo ad­dor­men­tar­lo e pas­sa­re al­la te­ra­pia in­ten­si­va. Un pa­zien­te mi ha guar­da­to ne­gli oc­chi e mi det­to: “A ca­sa qual­cu­no mi aspet­ta, chi av­ver­te?”. Gli ho ri­spo­sto: “Noi sia­mo qui, ci ri­ve­dre­mo fra una set­ti­ma­na. Vo­glio che si sve­gli be­ne”». È una lot­ta, spie­ga Chia­ra, «il vi­rus è co­me una pio­vra che si im­pos­ses­sa di te, ed è la pol­mo­ni­te che de­ci­de se fra una, due, tre set­ti­ma­ne sa­rai gua­ri­to op­pu­re no». I me­di­ci so­no po­chi, rac­con­ta Chia­ra, e so­no po­che le te­ra­pie in­ten­si­ve. Que­sta è la rab­bia di tan­ti ria­ni­ma­to­ri. Mol­ti dei ma­la­ti che ar­ri­va­va­no al Pron­to soc­cor­so so­no gra­va­ti da al­tre pa­to­lo­gie, e que­sto com­pli­ca ma­le­det­ta­men­te il re­cu­pe­ro. «Ma sa­rem­mo in gra­do di sal­va­re più per­so­ne con più po­sti e con più me­di­ci, con la ven­ti­la­zio­ne pre­co­ce spes­so se ne esce, i ma­la­ti spes­so ce la fan­no. Io non mi ar­ren­do, co­me i col­le­ghi di Lo­di. Ri­pe­to a tut­ti: dob­bia­mo far­ce­la».

Da que­sto viag­gio tra do­lo­re e spe­ran­za, ades­so che è sta­ta ri­chia­ma­ta nel suo ospe­da­le a Mi­la­no, Chia­ra si por­ta den­tro an­che il sen­so di una squa­dra uni­ta, com­pat­ta, for­ma­ta da me­di­ci e in­fer­mie­ri: «Tut­ti im­pe­gna­ti a da­re il lo­ro me­glio. So­no ar­ri­va­ti an­che i col­le­ghi del San Raf­fae­le, con le lo­ro com­pe­ten­ze. Ha fun­zio­na­to il col­le­ga­men­to con la ca­bi­na di re­gia del­la Re­gio­ne. In un mo­men­to co­sì dif­fi­ci­le que­sta uni­tà è qual­co­sa che ci raf­for­za, in un dram­ma im­men­so ci fa sen­ti­re una gran­de so­li­da­rie­tà. È co­me se par­las­si­mo tut­ti la stes­sa lin­gua, pub­bli­co e pri­va­to, me­di­ci e in­fer­mie­ri. Tra per­so­ne che non si co­no­sce­va­no è na­ta spon­ta­nea­men­te una co­mu­ni­tà di cu­ra». Nien­te per me sa­rà più co­me pri­ma, di­ce Chia­ra. «Do­po espe­rien­ze di que­sto ti­po non si può più es­se­re nor­ma­li». Pri­ma dei di­rit­ti e dei do­ve­ri, lei e al­tri me­di­ci han­no mes­so il bi­so­gno, il bi­so­gno di aiu­to con­tro un’in­giu­sti­zia. Og­gi si chia­ma Co­ro­na­vi­rus.

Il mo­ni­to­rag­gio

I ma­la­ti so­no in al­ta­le­na con­ti­nua: sem­bra­no mi­glio­ra­re, poi a un trat­to peg­gio­ra­no

 Squa­dra È co­me se par­las­si­mo tut­ti la stes­sa lin­gua, pub­bli­co e pri­va­to, me­di­ci e in­fer­mie­ri È co­mu­ni­tà

Il fu­tu­ro Do­po espe­rien­ze di que­sto ti­po non si può più tor­na­re a es­se­re nor­ma­li, cam­bia tut­to

IL COL­LO­QUIO LA RIA­NI­MA­TRI­CE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.