L’uo­mo nuovo che ver­rà Dia­lo­go con don Maz­zi

Corriere della Sera (Milano) - - Da Prima Pagina - Di Gian­gia­co­mo Schia­vi

Ca­ro Gian­gia­co­mo,

sono an­ch’io blindato, per­ché, se­con­do i miei ra­gaz­zi, quel­lo più in­di­sci­pli­na­to e dif­fi­ci­le da rin­chiu­de­re sa­rei sta­to io.

Pe­rò la te­sta non la rin­chiu­di e bolle. Per­ciò con qual­cu­no mi do­ve­vo sfo­ga­re. Ascol­ta­mi. Co­lui che noi chia­mia­mo Pa­dre­ter­no, an­co­ra una vol­ta, al­la sua ma­nie­ra, cioè sen­za tan­te li­tur­gie, vi­sto che no­no­stan­te un Pa­pa ri­vo­lu­zio­na­rio e no­no­stan­te le vi­cen­de tra­gi­che che stan­no at­tra­ver­san­do i Pae­si po­ve­ri, non sono ser­vi­te a nien­te, ha da­to una sof­fia­ti­na par­ti­co­la­re a due ali di un pi­pi­strel­lo e ha ri­bal­ta­to il mon­do. Noi, co­me il ca­te­chi­smo sug­ge­ri­va e la so­cio­lo­gia lai­ca in­ter­pre­ta­va, l’ave­va­mo la­scia­to in cie­lo e nei ta­ber­na­co­li. E in que­sti gior­ni pan­de­mi­ci, lo in­vo­ca­va­mo spa­ven­ta­ti e qua­si di­spe­ra­ti. Ma Lui, es­sen­do sia il cu­sto­de del­le for­mi­che co­me quel­lo del­le stel­le e di tutte le al­tre co­se che van­no ol­tre la no­stra cul­tu­ra, in­ve­ce di ar­ri­va­re con mo­da­li­tà che noi pen­sa­va­mo mi­ra­co­lo­se, di­vi­ne, teo­lo­gi­che, è «pre­ci­pi­ta­to» tra noi, co­glien­do­ci in to­ta­le con­tro­pie­de.

Ai tem­pi, con una man­cia­ta di sabbia, ha fat­to l’Uo­mo; con il di­lu­vio ha la­va­to la ter­ra; con un pez­zo di pa­ne ha in­ven­ta­to la «Cena» co­me mo­men­to più dol­ce di ogni gior­na­ta; con do­di­ci ebrei di stra­da ha fat­to più ca­si­no di Marx, di Mao, di Ga­li­leo e di Co­lom­bo, e con ot­to ri­ghe ha lan­cia­to la po­li­ti­ca più ef­fi­ca­ce del­la sto­ria. Fi­no a ie­ri era roba vec­chia, cat­to­li­ca, e l’uni­ca spe­ran­za dei po­ve­ret­ti.

Ades­so, sen­ti­re i lai­ci par­la­re di fra­ter­ni­tà, sen­ti­re i gran­di eco­no­mi­sti am­met­te­re che le stra­te­gie am­mi­ni­stra­ti­ve sono so­stan­zial­men­te sba­glia­te, e ve­de­re che de­ci­ne e de­ci­ne di

Cen­tri di Ri­cer­ca sono lì a ma­ni vuote, mi fa un po’ sen­so. Per­fi­no i Car­di­na­li, mentre sta­va­no li­ti­gan­do sui pre­ti spo­sa­ti, sono do­vu­ti cor­re­re a chiu­de­re tutte le chiese, com­pre­so San Pie­tro, tra­la­scia­re le mes­se do­me­ni­ca­li, per­fi­no il tri­duo pa­squa­le, se non ad­di­rit­tu­ra la Pa­squa e fi­nal­men­te ri­spon­de­re all’uni­ca do­man­da-verità: la re­li­gio­ne co­sa c’en­tra con il Van­ge­lo? Se Dio si è fat­to car­ne e ha vis­su­to den­tro le vi­cen­de quo­ti­dia­ne per te­sti­mo­nia­re il pri­mo ed uni­co co­man­da­men­to: «Ama­te­vi gli uni gli al­tri quag­giù», per­ché lo an­dia­mo a cer­ca­re las­sù, bar­da­ti co­me vec­chi mar­che­si in pensione?

Ca­ro Gian­gia­co­mo, quel­lo che ie­ri puz­za­va di muf­fa, al­me­no per gli in­tel­li­gen­ti, è di­ven­ta­to lie­vi­to fre­sco e te­ne­rez­za in­di­ci­bi­le. Que­sta vi­cen­da ha portato al cen­tro ogni uo­mo che vi­ve in que­sto mon­do. Ha ri­por­ta­to or­di­ne e prio­ri­tà. L’ul­ti­mo uo­mo va­le più di tut­ti i tem­pli.

La di­ver­si­tà è di­ven­ta­ta so­li­da­rie­tà e ogni leg­ge è di­ven­ta­ta carta strac­cia.

Ma do­ma­ni sor­ge­rà un gior­no con due al­be: una quel­la so­li­ta e la se­con­da, po­ten­te, pu­li­ta, il­lu­mi­nan­te, così for­te da far­ci ri­na­sce­re nuo­vi.

Sì! Io cre­do nell’Uo­mo nuovo di do­ma­ni.

Ciao a tut­ti!

Tem­po di so­li­da­rie­tà

Il Pa­dre­ter­no ci ha pre­si in con­tro­pie­de, ma ades­so an­che i lai­ci par­la­no di fra­ter­ni­tà

Sen­za ca­ne­stro Nei cam­pet­ti da ba­sket dei par­chi, sono sta­te tol­te le re­ti­cel­le: un al­tro mo­do per in­dur­re a ri­spet­ta­re i di­vie­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.