«Fur­to di Na­ta­le, un gra­zie agli agen­ti»

L’im­pren­di­to­re dei bi­scot­ti, Et­to­re Gen­ti­li­ni: ac­ciuf­fa­to il la­dro

Corriere della Sera (Roma) - - CRONACA DI ROMA -

al que­sto­re Gui­do Ma­ri­no per rin­gra­zia­re chi ha ope­ra­to quel­la not­te: «All’al­ba del 25 di­cem­bre la chia­ma­ta che non vor­re­sti mai ri­ce­ve­re: l’al­lar­me in­tru­sio­ne. Il tuo Na­ta­le è ro­vi­na­to, ma quan­do ar­ri­vi in ne­go­zio ci so­no lo­ro, gli agen­ti del Re­par­to vo­lan­ti, che ti ac­col­go­no in­ve­ce con la no­ti­zia più bel­la che vor­re­sti sen­ti­re: uno dei la­dri è sta­to pre­so. Due lo­ro col­le­ghi del com­mis­sa­ria­to Ve­sco­vio, do­po la se­gna­la­zio­ne di un cit­ta­di­no, lo han­no pre­so ma uno dei po­li­ziot­ti si è rot­to una ma­no. Co­sì que­sti agen­ti so­no di­ven­ta­ti i miei an­ge­li del Na­ta­le. Ci ri­tro­via­mo in com­mis­sa­ria­to, Et­to­re Gen­ti­li­ni, dell’omo­ni­ma fa­mi­glia pro­dut­tri­ce dei fa­mo­si bi­scot­ti, nel la­bo­ra­to­rio del ne­go­zio sim­bo­lo del Sa­la­rio-Trie­ste (Pro­to/ Bar­soum) an­che per lo­ro è fe­sta, ma so­no tut­ti al la­vo­ro. E se do­po aver fir­ma­to il ver­ba­le io pos­so tor­na­re a ca­sa a fe­steg­gia­re, lo­ro in­ve­ce ri­man­go­no in uf­fi­cio, do­po aver già sal­ta­to il pran­zo in fa­mi­glia. Que­sti ra­gaz­zi me­ri­ta­no un elo­gio. Fan­no so­lo il lo­ro la­vo­ro, po­treb­be di­re qual­cu­no, ma cre­do che in ogni la­vo­ro ci vo­glia pas­sio­ne, pro­fes­sio­na­li­tà e uma­ni­tà. È sta­to un Na­ta­le mo­vi­men­ta­to, ma gra­zie a lo­ro è an­da­to tut­to per il me­glio. Mi au­gu­ro che il ri­schio che han­no cor­so non sia sta­to va­no, as­si­cu­ran­do al la­dro una più che giu­sta pe­na». (R. Fr.)

Via Ta­glia­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.