«Mi chia­mo Non­no Pio, tra po­co ho 100 an­ni e sal­vo an­co­ra i ba­gnan­ti»

Sto­ria e re­cord di Non­no Pio, ma­ri­na­io da Guin­nes, na­to a Ostia e in ser­vi­zio a Tor­va­ia­ni­ca

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - Di Si­mo­na Can­ge­lo­si

Si chia­ma Pio Schia­no Mo­riel­lo: è na­to il 19 no­vem­bre 1919 a Ostia, in una ca­pan­na. E que­sto non gli im­pe­di­sce di con­ti­nua­re a fa­re a Tor­va­ia­ni­ca il ma­ri­na­io di sal­va­tag­gio (la pa­ro­la ba­gni­no non gli pia­ce). «E con­ti­nuo a sal­va­re in ma­re ba­gnan­ti in dif­fi­col­tà».

Era il 19 no­vem­bre 1919: a Ostia na­sce il pri­mo bam­bi­no in una ca­pan­na, si chia­ma Pio Schia­no Mo­riel­lo. Quel bam­bi­no tra due me­si com­pie ben 100 an­ni, ma que­sto non gli im­pe­di­sce di per­cor­re­re col suo pat­ti­no tut­ti i gior­ni dai 10 ai 20 chi­lo­me­tri lun­go il li­to­ra­le la­zia­le. Ha già re­gi­stra­to una se­rie di re­cord di vo­ga su pat­ti­no su tem­po e di­stan­za, rien­tran­do nel Guin­ness dei pri­ma­ti co­me il ba­gni­no più lon­ge­vo al mon­do. Ad ago­sto scor­so, so­no sta­te stap­pa­te 100 bot­ti­glie di spu­man­te con ami­ci, pa­ren­ti e clien­ti del suo sta­bi­li­men­to bal­nea­re, e di­stri­bui­te ma­gliet­te con raf­fi­gu­ra­to un pat­ti­no e la scrit­ta “clas­se 1919”, an­no di na­sci­ta di “non­no Pio”, per ce­le­bra­re que­sto im­por­tan­te tra­guar­do.

«La mia pri­ma tra­ver­sa­ta – rac­con­ta - ri­sa­le al 2003, quan­do ave­vo 84 an­ni, la se­con­da due an­ni do­po e la ter­za nel 2010 a 91 an­ni: mi or­ga­niz­za­ro­no una gran­de fe­sta per que­sto ter­zo re­cord. Ho per­cor­so la trat­ta da Tor­va­ia­ni­ca ad Ostia, di 23 km, in due ore e 30 mi­nu­ti. Per me, che mi al­le­no an­co­ra tut­te le mat­ti­ne, non fu co­sì dif­fi­col­to­so. Se sen­to che le gam­be fa­ti­ca­no a reg­ge­re il rit­mo al­lo­ra met­to an­co­ra più po­ten­za ed ener­gia!».

Non­no Pio, com’è af­fet­tuo­sa­men­te chia­ma­to nel li­to­ra­le pon­ti­no, da tut­ti è ri­co­no­sciu­to co­me una ve­ra for­za del­la na­tu­ra. Rac­con­ta un se­co­lo di sto­ria co­me se il tem­po si fos­se fer­ma­to: «La mia fa­mi­glia vi­ve­va in una ca­pan­na pro­prio sul­la spiag­gia di Ostia – rac­con­ta con quei suoi gran­di oc­chi az­zur­ri che scru­ta­no l’oriz­zon­te –. Quan­do so­no na­to mio pa­dre mi ha im­mer­so nell’ac­qua di ma­re per la­var­mi: quel­lo è sta­to il mio bat­te­si­mo, da quel mo­men­to io e il ma­re sia­mo una co­sa so­la».

Quan­ti sal­va­tag­gi ha con­ta­to nel­la sua vi­ta?

«Mi­glia­ia: ave­vo 13 an­ni quan­do fe­ci il mio pri­mo sal­va­tag­gio. Fui in­si­gni­to del­la me­da­glia al va­lor ci­vi­le per aver sal­va­to l’avia­tri­ce mar­che­sa Ca­ri­na Mas­so­ne Ne­gro­ne, ami­ca di Mus­so­li­ni: fu la pri­ma don­na ita­lia­na a con­se­gui­re nel 1933 il bre­vet­to da pi­lo­ta ri­la­scia­to dal­la Rea­le Unio­ne Na­zio­na­le Ae­ro­nau­ti­ca. Co­sì, gra­zie a lei, riu­scii a pren­de­re l’abi­li­ta­zio­ne da ma­ri­na­io di sal­va­tag­gio pri­ma dei 16 an­ni. Poi an­dai a fa­re il mi­li­ta­re a La Spe­zia, ma nel frat­tem­po scop­piò la Se­con­da guer­ra mon­dia­le e co­sì ven­ni ar­ruo­la­to nel­la Re­gia ma­ri­na co­me no­stro­mo som­mer­gi­bi­li­sta. A Ro­di, in Gre­cia, riu­scii a sal­var­mi quan­do la mia uni­tà ven­ne col­pi­ta e af­fon­da­ta, e do­po aver vis­su­to sva­ria­te pe­ri­pe­zie tra im­mer­sio­ni, nau­fra­gi, pri­gio­nie ed eva­sio­ni so­no tor­na­to ad Ostia».

E fu qui che incontrò quel­la che poi è di­ven­ta­ta sua mo­glie, non­ché ma­dre dei vo­stri sei fi­gli?

«Co­no­sce­vo Io­le da bam­bi­no. Lei fa­ce­va le va­can­ze nel no­stro sto­ri­co sta­bi­li­men­to “Ro­ma” con la sua fa­mi­glia, i co­strut­to­ri Car­li­ni: suo pa­dre era un in­ge­gne­re, ma io non mi fe­ci in­ti­mo­ri­re e mi di­chia­rai. Co­sì il 15 ot­to­bre del 1944 ci spo­sam­mo, po­co do­po nac­que il no­stro pri­mo fi­glio, Et­to­re, e poi Lu­cia­no, Car­lo, Ri­ta, Mar­co, Pi­no. Og­gi ho 12 ni­po­ti e al­tri 10 pro­ni­po­ti».

La inor­go­gli­sce es­se­re de­fi­ni­to il ba­gni­no più lon­ge­vo al mon­do?

«Pre­fe­ri­sco es­se­re chia­ma­to ma­ri­na­io di sal­va­tag­gio, per­ché il ba­gni­no rac­co­glie om­brel­lo­ni e let­ti­ni e con­trol­la che tut­to sia in or­di­ne. Noi, quel­la del­la mia ge­ne­ra­zio­ne, sia­mo gen­te di ma­re e non pos­sia­mo di­strar­ci con que­ste in­com­ben­ze: dob­bia­mo guar­da­re il ma­re, os­ser­var­lo per ore, an­che per gior­ni in­te­ri, per ca­pi­re i mes­sag­gi che ci lan­cia. So­lo in que­sto mo­do si an­ti­ci­pa­no i pe­ri­co­li: og­gi, per esem­pio, men­tre vo­ga­vo sul pat­ti­no, mi so­no ac­cor­to del­la cor­ren­te che cam­bia­va col ven­to di li­bec­cio che spi­ra da Su­dO­ve­st, vuol di­re che fra po­co il tem­po cam­bie­rà e pio­ve­rà».

Nel 1959, ben 60 an­ni fa, vi sie­te tra­sfe­ri­ti dal bor­go dei pe­sca­to­ri di Ostia a Tor­va­ia­ni­ca do­ve ave­te fon­da­to il vo­stro at­tua­le sta­bi­li­men­to...

«An­co­ra og­gi non pos­so fa­re a me­no di tra­scor­re­re in spiag­gia le mie gior­na­te, e nes­su­no può to­glier­mi la vo­glia di sta­re a con­tat­to con la na­tu­ra e con l’ac­qua: a vol­te i miei fi­gli si pre­oc­cu­pa­no quan­do mi ve­do­no vo­ga­re sul pat­ti­no per ore, ma io gli ri­spon­do che so­no pur sem­pre un ma­ri­na­io. E se do­ves­si mo­ri­re nel mio ma­re, do­ve so­no na­to, sa­rei l’uo­mo più fe­li­ce al mon­do».

❞ A 13 an­ni il mio pri­mo sal­va­tag­gio. Fui in­si­gni­to del­la me­da­glia al va­lo­re ci­vi­le

Guin­ness Ec­co Pio Schia­no Mo­rel­lo che per­cor­re­re col suo pat­ti­no tut­ti i gior­ni dai 10 ai 20 chi­lo­me­tri

Il pri­ma­to Mo­riel­lo, qua­si 100 an­ni: per­cor­re col suo pat­ti­no tut­ti i gior­ni dai 10 ai 20 chi­lo­me­tri lun­go il li­to­ra­le la­zia­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.