Re­bec­chi­ni at­tac­ca: «La cit­tà è bloc­ca­ta, bi­so­gna far­la ri­par­ti­re»

Il lea­der dei costruttor­i: dai 5 Stel­le nes­su­na rot­tu­ra col pas­sa­to

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - Di An­drea Ar­zil­li

Par­la di «pre­giu­di­zio ideo­lo­gi­co» nei con­fron­ti del­la ca­te­go­ria Ni­co­lò Re­bec­chi­ni, pre­si­den­te dei costruttor­i, che trac­cia un bi­lan­cio ne­ga­ti­vo dell’am­mi­ni­stra­zio­ne Cin­que stel­le e par­la di cit­tà bloc­ca­ta, del­la ne­ces­si­tà di far­la ri­par­ti­re. Ri­tie­ne che a con­trad­di­stin­gue­re la mag­gio­ran­za gui­da­ta da Vir­gi­nia Rag­gi sia sta­ta la dif­fi­den­za ver­so un set­to­re, l’edi­li­zia, che in­ve­ce dal suo pun­to di vi­sta avreb­be po­tu­to con­tri­bui­re al ri­lan­cio del­la cit­tà. Com­men­tan­do il fat­to che la sin­da­ca, a fi­ne con­si­lia­tu­ra, ab­bia aper­to all’ipo­te­si di can­di­da­re Ro­ma a ospi­ta­re l’Ex­po 2030, lo con­si­de­ra nient’al­tro che «uno spot».

Ni­co­lò Re­bec­chi­ni, pre­si­den­te Acer, l’as­so­cia­zio­ne che rag­grup­pa i costruttor­i ca­pi­to­li­ni, è un pro­ble­ma per i can­tie­ri l’ob­bli­go di ma­sche­ri­na all’aper­to?

«No, an­che du­ran­te il loc­k­do­wn non ab­bia­mo mai chiu­so, so­prat­tut­to nei la­vo­ri pub­bli­ci es­sen­zia­li. Non di­co che sia­mo abi­tua­ti a la­vo­ra­re con la ma­sche­ri­na, ma all’aper­to si può fa­re».

Al­lo­ra do­ve sta il pro­ble­ma?

«L’au­men­to dei con­ta­gi pre­oc­cu­pa, il Pae­se non può per­met­ter­si al­tri loc­k­do­wn, an­che par­zia­li. Pen­so a tu­ri­smo, com­mer­cio e ri­sto­ra­zio­ne. L’edi­li­zia per il mo­men­to si di­fen­de, i nu­me­ri so­no in­co­rag­gian­ti sep­pu­re in un con­te­sto co­mun­que dram­ma­ti­co. Ma il da­to non è ba­na­le, so­prat­tut­to in una cit­tà sen­za ot­ti­mi­smo».

Il Co­mu­ne vi ha aiu­ta­to? «No, ce l’ab­bia­mo fat­ta da so­li. Pe­rò spe­ria­mo che le isti­tu­zio­ni com­pren­da­no che un set­to­re co­sì trai­nan­te pos­sa es­se­re la ba­se da cui ri­par­ti­re».

Chie­de in­ve­sti­men­ti o un’in­ve­sti­tu­ra?

«Ma ma­ga­ri ce la des­se­ro un’in­ve­sti­tu­ra: pur­trop­po il pre­giu­di­zio ideo­lo­gi­co è tal­men­te for­te che non ce la da­ran­no mai».

Lo di­ce al­la sin­da­ca Rag­gi o ai 5 Stel­le che vi chia­ma­no «pa­laz­zi­na­ri»?

«La ve­ri­tà è che i costruttor­i so­no an­co­ra vi­sti co­me spe­cu­la­to­ri, con­su­ma­to­ri di suo­lo, im­pren­di­to­ri che por­ta­no avan­ti i lo­ro in­te­res­si sfrut­tan­do i la­vo­ra­to­ri. Ma que­sta am­mi­ni­stra­zio­ne, per far tor­na­re Ro­ma trai­no del Pae­se, non ha mes­so in at­to po­li­ti­che ta­li da da­re so­lu­zio­ni. Qua la gen­te vi­ve col ti­mo­re del gior­no do­po, e que­sto è un pro­ble­ma so­cia­le. I pre­giu­di­zi bloc­ca­no tut­to».

In vi­sta del­le ele­zio­ni, che bi­lan­cio fa­reb­be de­gli ul­ti­mi quat­tro an­ni du­ran­te la giun­ta Rag­gi?

«Da 15 an­ni a Ro­ma fal­li­sco­no tut­ti. Ma i 5 Stel­le so­no peg­gio di chiun­que al­tro. Han­no avu­to mo­do di go­ver­na­re e non han­no rot­to col pas­sa­to, co­me di­ce­va­no di vo­ler fa­re. E tut­to si è fer­ma­to: e non si può toc­ca­re il Pia­no re­go­la­to­re, e non si può fa­re ri­ge­ne­ra­zio­ne ur­ba­na, e “no per­ché è un fa­vo­re ai costruttor­i”... Ma il pro­ble­ma so­no i costruttor­i o le 12 mi­la fa­mi­glie per stra­da, in at­te­sa di un al­log­gio?».

Rag­gi pe­rò ha can­di­da­to Ro­ma all’Ex­po 2030 e a se­de dell’Agen­zia bio­me­di­ca eu­ro­pea. Do­po i no a Olim­pia­di, ha cam­bia­to idea o è tat­ti­ca elet­to­ra­le?

«È un cam­bio tar­di­vo e or­mai non ri­so­lu­ti­vo. Chis­sà se sul­la via di Da­ma­sco... Più pro­ba­bil­men­te si trat­ta di uno spot an­che se spe­ro non lo sia. Che sta­vol­ta Rag­gi cre­da dav­ve­ro in quel­lo che c’è da fa­re per ri­lan­cia­re Ro­ma. Ma 4 an­ni fa ave­va un’oc­ca­sio­ne: do­ve­va pas­sa­re dal­la pro­te­sta al­la pro­po­sta».

E in­ve­ce che co­sa è suc­ces­so? «I pri­mi due an­ni Rag­gi era dif­fi­den­te su tut­to e ver­so tut­ti, poi c’è sta­to un ten­ta­ti­vo di av­vi­ci­na­men­to e noi ci aspet­ta­va­mo pro­get­ti che riu­scis­se­ro a far cam­bia­re rot­ta al­la cit­tà. Ave­va­mo fat­to del­le pro­po­ste: Ba­sto­gi, Tor Sa­pien­za, il qua­dran­te Ti­bur­ti­no, tra le tan­te. Pe­rò poi non è sta­to fat­to nien­te. E tut­to è di­ven­ta­to spot».

Ci fa un esem­pio?

«Qual­che gior­no fa la giun­ta ap­pro­va una de­li­be­ra sull’hou­sing so­cia­le, pe­rò man­ca­no so­lo 8 me­si al­la fi­ne del­la con­si­lia­tu­ra. Ec­co, una de­li­be­ra pro­gram­ma­ti­ca me la aspet­ta­vo 4 an­ni fa per­ché co­sì, a po­chi me­si dal­le ele­zio­ni, è so­lo de­ma­go­gia po­li­ti­ca. Que­ste so­no le per­so­ne con cui ci sia­mo do­vu­ti con­fron­ta­re. Per for­za, al­la fi­ne, de­ci­di di ar­ren­der­ti».

Aspet­ta an­che lei le ele­zio­ni, in­som­ma.

«Ci au­gu­ria­mo che sia da si­ni­stra, sia da de­stra na­sca­no pro­po­ste au­to­re­vo­li per Ro­ma. Per me la pro­po­sta de­ve es­se­re ci­vi­ca, co­mun­que al di fuo­ri dal­la lo­gi­ca dei par­ti­ti. Ma, sin­da­co a par­te, chie­do an­che a Zin­ga­ret­ti di met­ter­si in con­di­zio­ne di aiu­ta­re Ro­ma: è ro­ma­no, è se­gre­ta­rio di un par­ti­to che go­ver­na. Chi più di lui? Io ogni gior­no leg­go di Za­ia che si bat­te per la sua re­gio­ne. Che a Mi­la­no la Re­gio­ne, del­la Le­ga, e il sin­da­co, del Pd, la­vo­ra­no in­sie­me per la cit­tà. Men­tre da noi so­lo po­le­mi­che e spot elet­to­ra­li».

❞ L’edi­li­zia

Per il mo­men­to ci di­fen­dia­mo: i nu­me­ri so­no in­co­rag­gian­ti ma il con­te­sto è dram­ma­ti­co

❞ A Zin­ga­ret­ti

Gli chie­do di aiu­ta­re Ro­ma, chi più di lui? È ro­ma­no ed è il se­gre­ta­rio del par­ti­to che go­ver­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.