Me­tro, ore di pun­ta e di as­sem­bra­men­ti

Tre­ni sold out, di­stan­zia­men­to ad­dio

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - Clau­dio Ri­nal­di

Sce­ne di or­di­na­rio as­sem­bra­men­to sui con­vo­gli del­la me­tro ca­pi­to­li­na. Con buo­na pa­ce del­le nor­me an­ti-Covid. Al­le ore di pun­ta, e ov­via­men­te nel­le trat­te più bat­tu­te, i pas­seg­ge­ri si ri­tro­va­no sti­pa­ti co­me sar­di­ne (con ma­sche­ri­na). Con­trol­li, ze­ro o qua­si. E se, so­prat­tut­to a Ter­mi­ni, la fol­la sui tre­ni un po’ al­len­ta, ec­co che il man­ca­to di­stan­zia­men­to si spo­sta nei tun­nel di pas­sag­gio e sulle scale mo­bi­li, mol­te del­le qua­li fuo­ri uso. Meno cri­ti­ca la si­tua­zio­ne sui bus.

«Che le de­vo di­re? Sia­mo ap­pic­ci­ca­ti, sem­bria­mo del­le sar­di­ne. È così tut­te le mat­ti­ne, or­mai so­no abi­tua­ta». Ore 7:45, fer­ma­ta del­la Me­tro B di Pi­ra­mi­de. An­na, 59 an­ni, ar­ri­va da Ostia, sta per scen­de­re al Co­los­seo. La­vo­ra per una dit­ta di pulizie ed è di­ret­ta a Piazza di Spa­gna. Si no­ta tra gli al­tri pen­do­la­ri per­ché in­dos­sa due ma­sche­ri­ne, una Ffp2 sot­to e una chi­rur­gi­ca so­pra: «Me­glio ab­bon­da­re. Lo so, sem­bro ri­di­co­la, ma ho pau­ra. D’al­tron­de - di­ce - co­me fac­cio a sta­re tran­quil­la con tut­ta questa gen­te? Ha vi­sto, è com­pli­ca­to per­si­no en­tra­re». Il tre­no è pie­no, tut­ti pe­rò co­pro­no boc­ca e na­so con il di­spo­si­ti­vo in­di­vi­dua­le di si­cu­rez­za. «I cit­ta­di­ni mi sem­bra­no mol­to re­spon­sa­bi­li, ri­spet­ta­no le re­go­le. Il pro­ble­ma non so­no lo­ro, ma chi ci go­ver­na. Ave­vo let­to che avreb­be­ro po­ten­zia­ti i tra­spor­ti, ma dove?», si chie­de pri­ma di scen­de­re. La per­ce­zio­ne di An­na, ma an­che di al­tri cit­ta­di­ni è che, so­prat­tut­to nel­le ore di pun­ta, ci vor­reb­be­ro più cor­se per evi­ta­re as­sem­bra­men­ti pe­ri­co­lo­si.

«Se la pren­do­no con noi per la mo­vi­da, ci hanno bol­la­to co­me de­gli un­to­ri - af­fer­ma un di­ciot­ten­ne che sta an­dan­do a scuo­la al li­ceo Vi­scon­ti -, pec­ca­to pe­rò che tro­vo sem­pre più caos nel­la me­tro ri­spet­to a quan­do esco con i miei ami­ci». «Ades­so vo­glio­no per­si­no con­trol­lar­ci den­no tro ca­sa. Per­ché non fan­no i con­trol­li sui tra­spor­ti pub­bli­ci? Qui ce ne sa­reb­be dav­ve­ro bi­so­gno», ri­bat­te un avvocato in giac­ca e cra­vat­ta che sta an­dan­do ver­so il tri­bu­na­le. Au­to­bus e me­tro­po­li­ta­ne non do­vreb­be­ro su­pe­ra­re l’80% di ca­pien­za mas­si­ma, ma a vi­gi­la­re gli ac­ces­si non c’è nes­su­no.

Una vol­ta ar­ri­va­ti poi al­la sta­zio­ne Ter­mi­ni, il tre­no si svuo­ta, ma se­guen­do il flus­so di gen­te è pos­si­bi­le os­ser­va­re co­me gli as­sem­bra­men­ti si spo­sti­no so­lo di qual­che me­tro, nei cor­ri­doi e nei pas­sag­gi di ac­ces­so all’al­tra li­nea del­la me­tro. E il mo­ti­vo è sem­pli­ce: al­me­no la me­tà del­le scale mo­bi­li non fun­zio­na­no. «Soor­mai me­si che so­no tran­sen­na­te. Pen­sa­vo che al­me­no in questa si­tua­zio­ne si sbri­gas­se­ro con la ma­nu­ten­zio­ne e in­ve­ce nul­la», com­men­ta un con­trol­lo­re dell’Atac. Il tre­no in di­re­zio­ne Bat­ti­sti­ni è, se è pos­si­bi­le, an­co­ra più af­fol­la­to. En­tra­re diventa un’im­pre­sa, tan­to che al­cu­ne co­mi­ti­ve di ra­gaz­zi so­no co­stret­te a di­vi­der­si. «A scuo­la pro­fes­so­ri e bi­del­li so­no tut­ti così at­ten­ti, qui in­ve­ce non ve­do af­fat­to la stes­sa at­ten­zio­ne», fa no­ta­re al­lar­gan­do le brac­cia una quin­di­cen­ne. «È un de­li­rio ovun­que, ma for­se la si­tua­zio­ne più cri­ti­ca l’ho vi­sta sul re­gio­na­le da Fiu­mi­ci­no», si spin­ge a di­re un si­gno­re di­ret­to ai Pa­rio­li.

Non sem­bra cri­ti­ca in­ve­ce la con­di­zio­ne de­gli au­to­bus, dove in mol­ti ca­si si ri­spet­ta an­che la di­stan­za di un me­tro tra le per­so­ne. «Non c’è al­cun pro­ble­ma», è il com­men­to sec­co dell’au­ti­sta del­la li­nea 40. Non la pen­sa esat­ta­men­te così una ba­dan­te ru­me­na: «Ar­ri­vo dal­la No­men­ta­na e sul 90 c’era un sac­co di gen­te. C’è an­co­ra mol­to da fa­re. For­se devono an­co­ra pren­de­re le mi­su­re».

Mol­to co­mun­que di­pen­de da­gli ora­ri. Il tram per esem­pio che si fer­ma su piazza dei Cin­que­cen­to si ini­zia a riem­pie­re so­lo ver­so le 9 di mat­ti­na. «Sulle me­tro si ve­do­no più as­sem­bra­men­ti tra le 7 e le 8, men­tre su­gli al­tri mez­zi pub­bli­ci un po’ di con­fu­sio­ne si crea do­po», spie­ga uno dei re­spon­sa­bi­li del ca­po­li­nea di Ter­mi­ni che tie­ne a spe­ci­fi­ca­re co­me i la­vo­ra­to­ri, dal lo­ro, ce la stan­no met­ten­do dav­ve­ro tut­ta. «Noi au­ti­sti e mac­chi­ni­sti ci stia­mo fa­cen­do in quat­tro per da­re un ser­vi­zio più ef­fi­cien­te e si­cu­ro. Cer­to pe­rò - con­clu­de -, qual­che mez­zo in più in al­cu­ni par­ti­co­la­ri mo­men­ti del­la gior­na­ta for­se po­treb­be aiu­ta­re. Ma que­sto non di­pen­de da noi».

Sia­mo ap­pic­ci­ca­ti, ed è così pro­prio tut­te le mat­ti­ne, pur­trop­po or­mai so­no abi­tua­ta An­na, 59 an­ni

❞ Se la pren­do­no per la mo­vi­da ma c’è sem­pre più caos nel­la me­tro di quan­do esco con gli ami­ci... Stu­den­te del Vi­scon­ti

Ca­pien­za Non do­vreb­be­ro su­pe­ra­re l’80 per cen­to di ca­pien­za ma non ci so­no ve­ri­fi­che

Ban­chi­na Nel­le fo­to Ansa (di Mas­si­mo Per­cos­si) scat­ta­te ie­ri mat­ti­na, la fol­la sul­la ban­chi­na del­la li­nea A del­la me­tro ro­ma­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.