Corriere della Sera (Roma)

Ostia, nuova Rianimazio­ne Ecco nove letti hi-tech ma personale solo per 3 posti

- Bianca Michelange­li © RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Taglio del nastro per la nuova terapia intensiva dell’ospedale Grassi di Ostia. Reduce da un’importante ristruttur­azione durata mesi, ospiterà 9 posti letto in più, per un totale di 19. Il personale per coprirli tutti, però, non c’è ancora. Al reparto, che sarà davvero operativo tra una decina di giorni - il tempo di sanificare gli ambienti e trasferire i pazienti -, mancano infatti circa 10 anestesist­i e una ventina di infermieri, che sarebbero in fase di reclutamen­to: «Siamo già a buon punto assicura Francesca Milito, direttrice generale dell’Asl Roma 3 -. Stiamo attingendo alle graduatori­e regionali, e abbiamo già iniziato a contattare i profession­isti». Per finalizzar­ne l’assunzione potrebbero però volerci dei mesi: «Solitament­e - spiega Milito - si tratta di lavoratori che sono già dipendenti di altre aziende sanitarie, e per alcuni di loro il preavviso richiesto è anche di due o tre mesi. Da parte nostra ce la stiamo mettendo tutta perché i tempi siano più stretti possibile, ma è un iter che potrebbe richiedere 15 giorni come alcuni mesi». I nuovi posti letto, insomma, potrebbero non essere attivi prima dell’autunno e, per il momento, saranno assicurati solo i 10 originaria­mente presenti nel reparto. D’altronde, il personale attuale basta a malapena a coprire persino questi: come il resto del nosocomio, gravemente sotto organico da anni, anche la terapia intensiva del Grassi risente seppur in maniera minore della mancanza di medici, infermieri e operatori sanitari. «Qui il personale è al minimo - conferma un dipendente - Non si tiene conto di ferie o giorni di malattia, col risultato che dobbiamo coprirceli da soli». Una criticità già denunciata da Cesare Morra, esponente dei Cobas Asl Roma 3, che aveva sottolinea­to come la difficoltà da parte dei dipendenti del Grassi nel godere delle ferie influisca sul loro stato di salute e sul lavoro. Ma per i vertici della Asl la situazione nella terapia intensiva è da considerar­si fisiologic­a.

Milito (Asl Roma 3) «Abbiamo già iniziato a contattare i profession­isti ma servono alcuni mesi»

 ?? ?? Ristruttur­ato Ecco come si presenta il nuovo reparto di rianimazio­ne dell’ospedale Grassi di Ostia
Ristruttur­ato Ecco come si presenta il nuovo reparto di rianimazio­ne dell’ospedale Grassi di Ostia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy