QUELLI DELLO SCALONE DI VIA SOLFERINO 28

As­sun­to co­me cor­ret­to­re di boz­ze al Cor­rie­re, ne di­ven­ne il po­ten­te di­ret­to­re am­mi­ni­stra­ti­vo. Si iden­ti­fi­cò col gior­na­le al punto da sta­re in re­da­zio­ne gior­no e not­te. Con­tri­buì a tra­sfor­mar­lo nel quo­ti­dia­no più let­to d’Ita­lia: on­ni­pre­sen­te e se­ve­ro, non

Corriere della Sera - Sette - - News - DI L ORENZO V IGANÒ

Eu­ge­nio Bal­zan. Il di­ret­to­re dor­mi­va die­tro la sa­la mac­chi­ne di Lo­ren­zo Vi­ga­nò

NEL 2003, NEL CINQUANTES­IMO an­ni­ver­sa­rio del­la mor­te, l’al­lo­ra sin­da­co di Milano Ga­brie­le Al­ber­ti­ni gli in­ti­to­lò una via. Una via bre­ve, ma im­por­tan­te. Con via Solferino, via San Mar­co e via Mo­sco­va è in­fat­ti una del­le quat­tro che se­gna­no il pe­ri­me­tro di quel­la che una vol­ta era la cit­ta­del­la del Cor­rie­re del­la

Se­ra. Un cen­ti­na­io di me­tri strap­pa­ti al­la sto­ri­ca via Mon­te­bel­lo su cui si af­fac­cia Ca­sa Me­di­ci, og­gi se­de del­la Sa­la Buz­za­ti. Sul mu­ro la tar­ga stra­da­le re­ci­ta sem­pli­ce­men­te: Via Eu­ge­nio Bal­zan, gior­na­li­sta. Ep­pu­re ho sem­pre pen­sa­to che non si sa­reb­be po­tu­to sce­glie­re un po­sto migliore per ri­cor­da­re la fi­gu­ra di un uo­mo fon­da­men­ta­le nel­la sto­ria del Cor­rie­re, cui de­di­cò gran par­te del­la pro­pria vi­ta.

PER­CHÉ EU­GE­NIO BAL­ZAN, da Ba­dia Po­le­si­ne (Ro­vi­go), non è sta­to sol­tan­to un gior­na­li­sta di ta­len­to, sen­si­bi­le e co­rag­gio­so, ma an­che e so­prat­tut­to uno dei pi­la­stri del­la sto­ria e del suc­ces­so del gior­na­le mi­la­ne­se, di cui ri­co­prì per trent’an­ni il ruo­lo chia­ve di di­ret­to­re am­mi­ni­stra­ti­vo. Na­tu­ra­le e im­pre­scin­di­bi­le, quin­di, la sua pre­sen­za sul­lo Scalone del­la me­mo­ria, in una fo­to che lo ri­trae pro­prio al gior­na­le nel 1926: il vi­so se­rio, lo sguar­do se­re­no, i ca­pel­li cor­tis­si­mi, l’ele­gan­za so­bria e im­pec­ca­bi­le dello “sti­le Cor­rie­re”. Uno scat­to che se da un la­to la­scia in om­bra me­tà del suo vol­to, qua­si a (di)mo­stra­re una per­so­na­li­tà mi­ste­rio­sa con an­co­ra al­cu­ni la­ti oscu­ri, dall’al­tro non tra­smet­te pie­na­men­te il suo ca­rat­te­re se­ve­ro e in­tran­si­gen­te.

BAL­ZAN ERA ENTRATO in via Solferino nel 1897, a 23 an­ni, pas­san­do da cor­ret­to­re di boz­ze a cro­ni­sta a in­via­to spe­cia­le. Il di­ret­to­re di al­lo­ra, Lui­gi Al­ber­ti­ni, col­pi­to dal­le ca­pa­ci­tà e dall’in­tra­pren­den­za di quel gio­va­ne dal ca­rat­te­re for­te e bril­lan­te, lo vol­le pri­ma se­gre­ta­rio di re­da­zio­ne e poi di­ret­to­re am­mi­ni­stra­ti­vo: com­pli­ce e brac­cio de­stro di

un’av­ven­tu­ra che avreb­be fat­to di quel fo­glio il più au­to­re­vo­le, let­to e dif­fu­so quo­ti­dia­no ita­lia­no. In me­no di sei an­ni Bal­zan pas­sò dal la­vo­ro gior­na­li­sti­co a quel­lo di ma­na­ger e re­gi­sta at­ten­to a tut­to. Il suo, ha scritto Fran­co Di Bel­la, era un «as­so­lu­ti­smo eli­sa­bet­tia­no», la cui giu­ri­sdi­zio­ne si esten­de­va sul­le va­rie se­zio­ni del gior­na­le, dal­la pub­bli­ci­tà al­le re­la­zio­ni sin­da­ca­li – creò un grup­po di cru­mi­ri pron­ti a la­vo­ra­re in ca­so di scio­pe­ro – dai rap­por­ti con la ma­no­va­lan­za a quelli con i gior­na­li­sti. Per Bal­zan il Cor­rie­re non era sol­tan­to un luo­go di la­vo­ro, era la sua ca­sa, la sua fa­mi­glia. Rac­con­ta­va Mon­ta­nel­li: «Lì si fa­ce­va cu­ci­na­re da una tut­to­fa­re i suoi piat­ti pre­fe­ri­ti, e lì dor­mi­va in una stan­za al pia­no in­ter­ra­to, con­ti­gua al­la sa­la mac­chi­ne il cui not­tur­no ron­zio gli fa­ce­va da son­ni­fe­ro».

ERA PUNTIGLIOS­O, at­ten­to, po­ten­te. Sol­le­vò Di­no Buz­za­ti dall’in­ca­ri­co di cro­ni­sta sca­li­ge­ro per aver sba­glia­to il no­me di una bal­le­ri­na di fi­la. E ri­te­ne­va che un gior­na­li­sta del Cor­rie­re rap­pre­sen­tas­se il gior­na­le sem­pre, so­prat­tut­to fuo­ri dal­le mu­ra re­da­zio­na­li. Quan­do sep­pe che Sil­vio Ne­gro e Ce­sa­re Afel­tra al­le quat­tro del mat­ti­no, do­po la chiu­su­ra del gior­na­le, an­da­va­no a man­gia­re al­la Pen­na d’Oca, un lo­ca­le aper­to ap­po­sta per chi la­vo­ra­va fi­no a not­te fon­da, Bal­zan, ri­te­nen­do­lo ina­dat­to a un Cor­rie­ri­sta, non esi­tò ad au­men­ta­re lo sti­pen­dio a en­tram­bi co­sì che po­tes­se­ro pa­gar­si una go­ver­nan­te che cu­ci­nas­se per lo­ro a quell’ora. Par­si­mo­nio­so con se stes­so, sa­pe­va all’oc­cor­ren­za es­se­re sor­pren­den­te­men­te com­pren­si­vo, co­me quan­do ac­cet­tò che ve­nis­se­ro rim­bor­sa­ti al re­dat­to­re viag­gian­te Guel­fo Ci­vi­ni­ni i co­sti del­le com­pa­gnie fem­mi­ni­li, pur­ché in­se­ri­te in no­ta spe­se a «ra­gio­ne­vo­li sca­den­ze tem­po­ra­li».

FU DO­PO L’USCI­TA DI AL­BER­TI­NI dal gior­na­le, co­stret­to dal fa­sci­smo a ven­de­re le pro­prie quo­te e ad an­dar­se­ne, che la con­dot­ta di Bal­zan su­sci­tò cri­ti­che e in­ter­ro­ga­ti­vi. An­zi­ché se­guir­lo, egli re­stò al suo po­sto, fa­cen­do da in­ter­me­dia­rio nel­la trat­ta­ti­va per la ces­sio­ne del­le quo­te ai fra­tel­li Cre­spi. Una scel­ta che gli pro­cu­rò da par­te dell’ex di­ret­to­re ac­cu­se di in­gra­ti­tu­di­ne e tra­di­men­to, ma che egli di­fe­se sem­pre so­ste­nen­do di es­se­re ri­ma­sto al so­lo sco­po di pro­teg­ge­re il gior­na­le da un re­gi­me che avreb­be vo­lu­to as­sog­get­tar­lo. Dall’al­tra par­te, non fu ben vi­sto nem­me­no dai ge­rar­chi in quan­to com­pli­ce del­la vec­chia ge­stio­ne li­be­ra­le. Fa­sci­sta, an­ti­fa­sci­sta, sem­pli­ce­men­te op­por­tu­ni­sta? Quel che è cer­to è che Bal­zan, do­po trent’an­ni di ono­ra­to ser­vi­zio e fe­del­tà all’azien­da, ab­ban­do­nò in sor­di­na il Cor­rie­re. Era il 1933. Si tra­sfe­rì in Sviz­ze­ra, do­ve mo­rì vent’an­ni do­po, sen­za più es­se­re tor­na­to in Ita­lia e la­scian­do un’ere­di­tà (36 mi­liar­di di li­re del 1953) all’uni­ca fi­glia, Li­na, og­gi ge­sti­ta dal­la Fon­da­zio­ne che por­ta il suo no­me.

MA L’ERE­DI­TÀ DI EU­GE­NIO BAL­ZAN non si esau­ri­sce nel pa­tri­mo­nio. La sua vi­ta tra­smet­te l’im­por­tan­za di cre­de­re in un pro­get­to e di de­di­car­vi ogni ener­gia an­che a co­sto di pe­san­ti cri­ti­che; in­se­gna che la ri­ser­va­tez­za è un va­lo­re – sol­tan­to al suo fu­ne­ra­le mol­ti sco­pri­ro­no che ave­va una fi­glia – e che non oc­cor­re sban­die­ra­re i pro­pri suc­ces­si per­ché ri­sul­ti­no ta­li; di­mo­stra che lu­ci, om­bre e mi­ste­ri fan­no par­te di ogni uo­mo e che quan­do si muo­re non si muo­re mai com­ple­ta­men­te. E che ba­sta an­che una pic­co­la via, cor­ta e de­fi­la­ta, per con­ti­nua­re a pre­si­dia­re ciò che si è crea­to.

Eu­ge­nio Bal­zan (1874-1953): al Cor­rie­re en­trò ven­ten­ne

Lo “Scalone del­la me­mo­ria”, al Cor­rie­re, con i ri­trat­ti del­le gran­di fir­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.