SE FOSSI L’IMPERATRICE DEL MON­DO

(e in cit­tà niente mac­chi­ne, so­lo quel­la del tem­po)

Corriere della Sera - Sette - - Content - uto­pie fe­del­men­te tra­scrit­te da Ire­ne Soave

El­len Hid­ding: «Sgra­vi fi­sca­li a chi la­scia un caf­fè so­spe­so»

El­len Hid­ding, olan­de­se, 45 an­ni, con­du­ce Me­la­ver­de la do­me­ni­ca su Ca­na­le 5. È te­sti­mo­nial di Mis­sion Bam­bi­ni e ma­dri­na del pro­gram­ma #fat­tiGRANDE per l’in­fan­zia in dif­fi­col­tà in Ita­lia

SA­REI UN’IMPERATRICE a mi­su­ra di bam­bi­no. La mia prio­ri­tà di go­ver­no sa­reb­be l’in­fan­zia. So­no pro­prio i più pic­co­li, an­che in Ita­lia, a pa­ga­re più sa­la­to il prez­zo del­la cri­si: per mol­ti la pos­si­bi­li­tà di stu­dia­re e gio­ca­re (i lo­ro uni­ci do­ve­ri, se­con­do la mia Co­sti­tu­zio­ne ma an­che se­con­do il buon­sen­so) non sem­pre è ga­ran­ti­ta. Dun­que aiu­ti eco­no­mi­ci per le fa­mi­glie po­ve­re; scuo­le ac­co­glien­ti, bel­le, ge­ne­ro­se; in­ter­ven­ti an­che in de­na­ro per al­leg­ge­ri­re il far­del­lo sul­le spal­le dei ge­ni­to­ri in dif­fi­col­tà. Poi vor­rei una scuola più “olan­de­se”: cioè più at­ten­ta al ver­de, con le­zio­ni all’aper­to, gi­te nel­le fat­to­rie, bi­ci­clet­te, al­be­ri in cor­ti­le. A scuola, se non è ne­ces­sa­rio, non si va in mac­chi­na; an­zi, ci so­no due o tre ore al gior­no in cui l’uso del­la mac­chi­na è pro­prio vie­ta­to, e an­che nel re­sto del­la gior­na­ta, in cit­tà, si può usa­re se pro­prio ne­ces­sa­ria ma pa­gan­do un pe­dag­gio non pic­co­lo. Sud­di­ti, non pro­te­sta­te: so­no un’imperatrice olan­de­se, che vuol di­re che in­ve­sto tan­tis­si­mo nei mez­zi pub­bli­ci, ef­fi­cien­ti e pu­li­ti. Ho un ma­ri­to na­po­le­ta­no, in­tro­dur­rei sgra­vi fi­sca­li al­la ge­nia­le idea del caf­fè so­spe­so: tu vai al bar, la­sci un eu­ro, e chi vie­ne do­po ha il caf­fè pa­ga­to. Vor­rei esten­de­re que­sta pras­si a tut­ti i ne­go­zi: la­scia­re pa­ga­ta una ma­gliet­ta, una ce­na. C’è chi può per­met­ter­se­lo, e chi si gio­ve­reb­be di ri­ce­ve­re un re­ga­lo si­mi­le. In­tro­dur­rei mul­te per l’ipo­cri­sia: chi è sor­pre­so a di­re una co­sa e far­ne un’al­tra pa­ga una san­zio­ne sa­la­tis­si­ma. E poi esau­di­rei un mio ca­pric­cio: la mac­chi­na del tem­po. Viag­ge­rei nel pas­sa­to, e, con più cau­te­la, an­che nel fu­tu­ro, per ve­de­re co­me sa­rà la vi­ta di mia figlia. Lei non la por­te­rei con me, no. Ma guar­de­rei, mi fa­rei un’idea dei pro­ble­mi che ci sa­ran­no, del­le sfi­de che do­vrà af­fron­ta­re. E cer­che­rei di pre­pa­rar­le la stra­da, per­ché pos­sa cam­mi­na­re da so­la il me­glio pos­si­bi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.