VA­CAN­ZE SO­LI­TA­RIE O VA­CAN­ZE COL­LET­TI­VE?

Corriere della Sera - Sette - - Derby Estivo - DI LUI­GI RI­PA­MON­TI E IRE­NE SOA­VE

C’è chi ama l’iso­la­men­to e chi ado­ra l’eso­do esti­vo. Chi si im­ma­lin­co­ni­sce ad ago­sto in cit­tà, e chi ap­prez­za le stra­de de­ser­te. Chi cer­ca sem­pre com­pa­gni di viag­gio e chi è il mi­glior com­pa­gno di se stes­so. Due gior­na­li­sti di­scu­to­no. Qual è la va­can­za mi­glio­re?

LUI­GI RI­PA­MON­TI Buo­ne va­can­ze, Ire­ne. Sei già in par­ten­za? Con chi vai?

IRE­NE SOA­VE Ora con tre ami­ci, in un ri­fu­gio, per una set­ti­ma­na. Fac­cia­mo yo­ga e al­pi­ni­smo, ma an­che be­vu­te e chiac­chie­re. Ci sa­ran­no mol­ti sco­no­sciu­ti: è una set­ti­ma­na or­ga­niz­za­ta. Non ve­do l’ora!

LR Sco­no­sciu­ti? Pu­re? E co­me ti ri­po­si? Co­me ti ri­crei? Se pen­so che mi han­no pro­po­sto di an­da­re su un’iso­la. Che stress! Già mi ve­do in co­da all’im­bar­co. Per che co­sa? Per tro­var­mi in­sca­to­la­to co­me una sar­di­na sul tra­ghet­to, con il mi­rag­gio di sdra­iar­mi su un asciu­ga­ma­no a ca­stel­lo

lun­go una spiaggia dal­la sab­bia fi­nis­si­ma (a ve­der­la) da­van­ti a un ma­re cri­stal­li­no (non fos­se che non ci si ar­ri­va e quan­do ci si ar­ri­va non si fanno due brac­cia­te per­ché ti ti­ra­no una pal­la sul­la te­sta). No, gra­zie. In va­can­za pre­fe­ri­sco l’ozio, nel sen­so di otium la­ti­no: oc­cu­par­mi di ciò che mi pia­ce e mi in­te­res­sa. Nel mio ca­so so­prat­tut­to leg­ge­re e ascol­ta­re il si­len­zio. Non è per sno­bi­smo: se non aves­si un pol­li­ce killer po­trei fa­re giar­di­nag­gio, so­lo per fa­re un esem­pio. L’idea­le per leg­ge­re e ave­re tran­quil­li­tà so­no con­ven­ti o pie­vi che dan­no ospi­ta­li­tà per que­sto ti­po di (in) at­ti­vi­tà. I miei pre­fe­ri­ti so­no la Pie­ve di Ro­me­na in Ca­sen­ti­no e il mo­na­ste­ro di Bo­se in Pie­mon­te, ma l’Ita­lia è pie­na di po­sti del ge­ne­re, che uni­sco­no si­len­zio, cul­tu­ra e bel­lez­ze straor­di­na­rie, ar­ti­sti­che e pae­sag­gi­sti­che. Ma sai che ti di­co, Ire­ne? A me può an­che an­dar be­ne sta­re a casa mia e ap­pro­fit­tar­ne per met­ter­la be­ne in or­di­ne e but­ta­re via co­se che du­ran­te l’an­no si ac­cu­mu­la­no all’in­se­gna del “do­ma­ni guar­do”. Tut­to con una do­ve­ro­sa pre­mes­sa: nel­la vi­ta ho avu­to la pos­si­bi­li­tà di viag­gia­re mol­to, so­prat­tut­to per la­vo­ro, quin­di la mia è una po­si­zio­ne, per co­sì di­re, pri­vi­le­gia­ta.

IS In teo­ria hai pu­re ra­gio­ne. Io stes­sa ac­cu­mu­lo du­ran­te l’an­no le let­tu­re, le me­di­ta­zio­ni, i pen­sie­ri gran­dio­si a cui

ab­ban­do­nar­mi in va­can­za, quan­do di­spor­rò del tem­po e del si­len­zio ne­ces­sa­ri. Ep­pu­re poi quan­do so­no sta­ta via da so­la, con le mie pi­le di li­bri, i miei ap­pun­ti, le mie abi­tu­di­ni sa­ne…mi è sem­pre sem­bra­to di es­ser­mi re­le­ga­ta lon­ta­no dal­la vi­ta. Io ri­cor­do be­nis­si­mo tut­ti i viaggi fat­ti in com­pa­gnia, an­che con per­so­ne mol­to di­ver­se da me; me­no quel­li fat­ti da so­la, di cui ho sem­pre un ri­cor­do che a po­ste­rio­ri de­fi­ni­rei ma­lin­co­ni­co. Le co­se ti re­sta­no di più se le con­di­vi­di. In­fi­ne, per quan­to ri­guar­da la tua idea di sta­re a casa: non hai in­ven­ta­to nien­te, gli ame­ri­ca­ni la chia­ma­no stay­ca­tion, cra­si fra stay e va­ca­tion, co­me di­re “sta­can­za”. Bel­la idea, ma io fi­ni­rei co­me il Nan­ni Mo­ret­ti di Ec­ce Bom­bo, so­lo d’esta­te nel­la casa dei ge­ni­to­ri: a leg­ge­re vec­chie let­te­re, im­ma­lin­co­nir­mi, cion­do­la­re ri­di­col­men­te. Vuoi met­te­re in­ve­ce gli in­con­tri che fai in viag­gio?

«La va­can­za è il tem­po dell’ozio, nel sen­so la­ti­no: ser­ve per oc­cu­par­mi di ciò che mi pia­ce e mi in­te­res­sa, dai li­bri al giar­di­nag­gio» «Cer­to, ma vuoi met­te­re gli in­con­tri che si fanno in viag­gio? Io ri­cor­do be­nis­si­mo i viaggi fat­ti in com­pa­gnia, mol­to me­no quel­li so­li­ta­ri»

LR Obiet­to. Tut­te le vol­te che so­no par­ti­to (so­no sta­to gio­va­ne an­ch’io…) spe­ran­do in fol­go­ra­zio­ni o in­con­tri ec­ci­tan­ti (di co­se o per­so­ne) so­no tor­na­to stres­sa­to e con le pi­ve nel sac­co. Quan­do ero in pre­da al mio bi­so­gno di con­so­la­zio­ne an­che peg­gio. Ho im­pa­ra­to a non aspet­tar­mi nien­te da un viag­gio se non l’ina­spet­ta­to. Se par­to vo­glio far­lo sen­za at­te­se e sen­za pre­te­se. In que­sto mo­do so­no nel­la giu­sta di­spo­si­zio­ne per co­glie­re ciò che la vi­ta, at­tra­ver­so il viag­gio, mi può e mi vuo­le da­re.

IS Cer­to, in esta­te, in par­ti­co­la­re ad ago­sto, è più dif­fi­ci­le. Con­ven­go con te che il sol­leo­ne si por­ta die­tro un cli­ma di

al­le­gria for­za­ta, di aspet­ta­ti­va ec­ces­si­va, a par­ti­re da ter­mi­ni co­me “pro­va co­stu­me”. Ma par­ti­re ad ago­sto mi­ca è ob­bli­ga­to­rio. Non tut­ti i la­vo­ri ob­bli­ga­no a sce­glie­re le finestre tem­po­ra­li in cui i tra­ghet­ti so­mi­glia­no a sca­to­le di sar­di­ne e gli ae­ro­por­ti a pur­ga­to­ri.

LR Qui mi di­ven­ti tu un po’ snob: cer­to che po­ten­do si par­te quan­do gli al­tri so­no in cit­tà. Ma non ci so­no so­lo i la­vo­ri ad ob­bli­gar­ti al­le par­ten­ze “po­co in­tel­li­gen­ti”: ci so­no le scuo­le che chiu­do­no, i tur­ni da fa­re a casa se si ha qual­cu­no da as­si­ste­re e chi più ne ha più ne met­ta. Po­ten­do sce­glie­rei sem­pre di sta­re ad ago­sto a la­vo­ra­re. Si la­vo­ra be­nis­si­mo e Mi­la­no (nel mio ca­so) è me­ra­vi­glio­sa.

«Par­ti­re ad ago­sto, nel­la fol­la, non è mi­ca ob­bli­ga­to­rio: mol­ti la­vo­ri per­met­to­no di as­sen­tar­si in al­tri pe­rio­di dell’an­no, quan­do viag­gia­re è più ri­po­san­te» «E le scuo­le che chiu­do­no, i tur­ni dell’as­si­sten­za ai pa­ren­ti, gli ora­ri del­le cit­tà? Ago­sto è spes­so una scel­ta ob­bli­ga­ta»

IS Non è sno­bi­smo. È non ac­con­ten­tar­si del­la so­lu­zio­ne più co­mo­da: una ri­cet­ta per la vi­ta, mi­ca so­lo per le va­can­ze. Che vuol di­re an­che sce­glier­si be­ne le me­te: non è af­fat­to det­to che si deb­ba per for­za an­da­re nei luo­ghi più main­stream, a con­ten­der­si un fran­co­bol­lo di spiaggia col vi­ci­no di om­brel­lo­ne. Un mio ami­co, gran­de viag­gia­to­re, ha scrit­to an­che – in­sie­me a uno psi­co­lo­go – una gui­da ai be­ne­fi­ci psi­co­lo­gi­ci dei viaggi: si in­ti­to­la Gui­da per sal­var­si la vi­ta viag­gian­do (di Lui­gi Far­rau­to e Re­mo Ca­rul­li, Edt/Lo­ne­ly Pla­net, 269 pa­gi­ne, 26,50 eu­ro) e rac­co­glie 500 de­sti­na­zio­ni co­me an­ti­do­ti a de­ci­ne di ma­li del­lo spi­ri­to, dall’ava­ri­zia al­la no­ia. C’è scrit­to che la bel­lez­za di Isfa­han, in Iran, può gua­ri­re dal­lo stress; e i gran­di mer­ca­ti ci­ne­si dal­la so­li­tu­di­ne. Al­tro che la tua va­can­za se­den­ta­ria! In pic­co­lo, pos­so di­re che

quan­do tre an­ni fa mi si spez­zò il cuo­re per la fi­ne di un amo­re, un prov­vi­do viag­gio in Au­stra­lia (per la­vo­ro an­che io, con sco­no­sciu­ti, ven­ti­sei tap­pe in 15 gior­ni) me lo re­sti­tuì un po’ ram­men­da­to, col­mo di gra­ti­tu­di­ne per la va­rie­tà del mon­do e del­le sue pos­si­bi­li­tà e di fi­du­cia ne­gli in­con­tri che la vi­ta può por­ta­re. A casa so­la, cer­to, avrei ela­bo­ra­to il lut­to in mo­do più in­tro­spet­ti­vo; ma non sem­pre le me­di­ci­ne per l’ani­ma so­no omeo­pa­ti­che. E in­fi­ne cre­do che viag­gia­re un po’ – e qui mi ac­cu­se­rai nuo­va­men­te di sno­bi­smo – sia fon­da­men­ta­le per chi ha fi­gli. Fa­ci­le, in età adul­ta, dir­si «mi rin­chiu­do in mo­na­ste­ro a leg­ge­re». Le tue espe­rien­ze le hai già avu­te. In­ve­ce ve­de­re – ma­ga­ri coi ge­ni­to­ri, di cui si sco­pre co­sì an­che un la­to me­no ca­sa­lin­go – le di­ver­si­tà che il mon­do of­fre, man­gia­re ci­bi non di casa, tro­va­re bel­le

«Per­ché cer­ca­re me­te eso­ti­che quan­do a po­chi chi­lo­me­tri da casa ab­bia­mo la Val D’Or­cia o la Vol­ter­ra­na?» «Ve­de­re le di­ver­si­tà che il mon­do of­fre, an­che in mo­do un po’ spar­ta­no (per­ché viag­gia­re co­sta) è un pre­zio­so eser­ci­zio d’ela­sti­ci­tà»

an­che per­so­ne con cor­po­ra­tu­re e ve­stia­ri tan­to di­ver­si dai no­stri, fa­re una vi­ta an­che un po’ spar­ta­na (per­ché viag­gia­re co­sta) è un pre­zio­so eser­ci­zio di ela­sti­ci­tà. No?

LR Per i gio­va­nis­si­mi e i gio­va­ni viag­gia­re è un gran­de ar­ric­chi­men­to. Su que­sto non pos­so che dar­ti ra­gio­ne. Pe­rò bi­so­gna po­ter­se­lo per­met­te­re e non è da tut­ti. Quan­to a me ho am­mes­so di es­se­re un pri­vi­le­gia­to e in­cas­so… In ogni ca­so è chia­ro che an­che a me pia­ce viag­gia­re ed è sta­to bel­lis­si­mo e im­por­tan­te far­lo. Quan­to al­la scel­ta di lo­ca­li­tà me­no bat­tu­te so­no d’ac­cor­do con te: an­che sen­za cer­ca­re me­te eso­ti­che se ne tro­va­no di bel­lis­si­me a po­chi chi­lo­me­tri da casa in que­sto Pae­se d’inar­ri­va­bi­le bel­lez­za. E c’è mo­do qua­si dap­per­tut­to di nu­trir­si d’ar­te, di cul­tu­ra e di sto­ria. Vi­sto che tu ne

hai ci­ta­ta qual­cu­na lo fac­cio an­ch’io. Quan­ti co­no­sco­no la Vol­ter­ra­na? O la fan­ta­sti­ca Val d’Or­cia? (Beh, que­sta ma­ga­ri sì). Oops, lo sa­pe­vo, mi è scap­pa­to: so­no po­sti che piac­cio­no a chi non ama ba­gni di fol­la. Ma ci si può an­da­re in com­pa­gnia: vuoi met­te­re con­di­vi­de­re l’in­cre­di­bi­le ro­ma­ni­co di San Pie­ro a Gra­do (Pi­sa) o la per­fe­zio­ne di Sant’An­ti­mo (Mon­tal­ci­no) op­pu­re la piaz­za di Pien­za? Si man­gia pu­re be­nis­si­mo…

IS Sen­ti: sul “bi­so­gna po­ter­se­lo per­met­te­re” ce­do le ar­mi. Ma per­ché è ov­vio. Ognu­no ha i suoi bud­get, le sue prio­ri­tà. Quel che io so­sten­go è che viag­gia­re è co­me leg­ge­re: un pia­ce­re, ma an­che un po­chi­no un do­ve­re, o al­me­no una tap­pa in una for­ma­zio­ne. Se fai lo chef, viag­gian­do im­pa­ri nuo­ve ri­cet­te. Se fai l’in­ge­gne­re, os­ser­vi co­stru­zio­ni e me­to­di a vol­te di­ver­si. Se ti sen­ti un brut­to ana­troc­co­lo, ci so­no po­sti do­ve la tua bel­lez­za è quel­la ca­no­ni­ca. E co­sì via. Non si può vi­ve­re sem­pre con le stes­se idee, con le stes­se abi­tu­di­ni, con gli stes­si ca­no­ni. Si di­ven­ta pro­vin­cia­li e co­mo­di. Un dan­no ine­sti­ma­bi­le – e che ci co­sta cer­ta­men­te di più, nell’eco­no­mia di una vi­ta, di un vo­lo pre­no­ta­to per tem­po, di una piaz­zo­la in campeggio, di una not­te in ostel­lo… Ma ora ti sa­lu­to. Va­do a riem­pi­re lo zai­no, che do­po la mon­ta­gna ri­par­to. Per un po­sto lon­ta­no, do­ve ci so­no per­so­ne ca­re. Le avrei mai in­con­tra­te se fos­si sta­ta sem­pre den­tro casa a leg­ge­re? Pen­sa­ci. Io in­tan­to ti man­do una car­to­li­na!

COM­PA­GNI DI VIAG­GIO Nel 2017 il gi­ro d’af­fa­ri dei viaggi per sin­gle è cre­sciu­to del 9%. So­no co­mun­que in au­men­to le of­fer­te per chi non ha un com­pa­gno e vuo­le unir­si a un grup­po, an­che per­ché so­lo un ita­lia­no su tre di­chia­ra di non ave­re pro­ble­mi a fa­re un viag­gio in so­li­ta­ria

DE­STI­NA­ZIO­NI POP Se­con­do l’Istat, l’81% dei viaggi che gli ita­lia­ni han­no fat­to nel 2017 so­no av­ve­nu­ti in Ita­lia. Le re­gio­ni più get­to­na­te per le va­can­ze esti­ve? Emi­lia-Ro­ma­gna (14%) e Pu­glia (13%). Tra giu­gno e set­tem­bre par­te, se­con­do la sta­ti­sti­ca, il 41% de­gli ita­lia­ni

Lui­gi Ri­pa­mon­ti, mi­la­ne­se, clas­se 1960, è un me­di­co e di­ri­ge Cor­rie­re Sa­lu­te. Ire­ne Soa­ve, pie­mon­te­se, clas­se 1984, è al Cor­rie­re dal 2012 e a 7 da po­co più di un an­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.