Il di­ret­to­re del­la Reg­gia di Ca­ser­ta de­ve vi­ver­ci den­tro (co­me Fe­li­co­ri)

Corriere della Sera - Sette - - Mano Libera -

«SO­NO UN DI­RET­TO­RE

che ha vis­su­to a Ca­ser­ta, ne ha re­spi­ra­to l’aria, ne ha con­di­vi­so mo­di di vi­ve­re, ha dor­mi­to qui: non si può fa­re il di­ret­to­re del­la Reg­gia se non co­sì». Nel­la chiac­chie­ra­ta fi­na­le con Fran­ce­sco Va­sta­rel­la e i col­le­ghi del Mat­ti­no, l’or­mai ex di­ret­to­re del­la Reg­gia di Ca­ser­ta Mau­ro Fe­li­co­ri ha vo­lu­to to­glier­si quel sas­so­li­no dal­la scar­pa: nei tre an­ni («trop­po po­chi») in cui ha cam­bia­to fac­cia al­la re­si­den­za rea­le di Bor­bo­ne «ha dor­mi­to qui».

Un det­ta­glio che non po­te­va sfug­gi­re a chi ne­gli an­ni ha ama­to il ma­gni­fi­co com­ples­so mo­nu­men­ta­le e si è fat­to il san­gue ama­ro a ve­de­re il suo de­gra­do. Co­me la no­stra Ales­san­dra Ara­chi che nell’apri­le 2013 scri­ve­va sul Cor­rie­re di an­di­ri­vie­ni per i via­li di au­to e mo­to, pon­teg­gi mon­ta­ti con enor­me ri­tar­do do­po trop­pi crol­li, tuf­fi nel­la fon­ta­na di Dia­na e At­teo­ne. Per non di­re de­gli abu­si­vi che si in­fi­la­va­no «per­si­no den­tro le stan­ze de­gli ap­par­ta­men­ti» per ven­de­re «gui­de ta­roc­ca­te e ta­roc­chi del­la fe­li­ci­tà, om­brel­li, pal­lon­ci­ni, bi­gliet­ti per i ri­sto­ran­ti, per­si­no nu­me­ri da gio­ca­re al lot­to». Non ha fat­to no­mi, il di­ret­to­re uscen­te che si era tra­sfe­ri­to a Ca­ser­ta «in mo­do da non do­ver fa­re il pen­do­la­re e po­ter ar­ri­va­re fa­cil­men­te in uf­fi­cio al­le 7.30 e re­sta­re fi­no al­le 20.00/21.00», co­me scris­se Il Fat­to ,e du­ran­te i wee­kend in­ve­ce di tor­na- Ve­du­ta del­la Reg­gia di Ca­ser­ta. Dal 2015 al 31 ot­to­bre 2018 è sta­ta di­ret­ta da Mau­ro Fe­li­co­ri

re in fa­mi­glia a Bo­lo­gna si fa­ce­va rag­giun­ge­re dal­la mo­glie per re­sta­re sul po­sto e sem­mai vi­si­ta­re i din­tor­ni. Non ha fat­to no­mi ma ai ca­ser­ta­ni è tor­na­ta in men­te una po­le­mi­ca scop­pia­ta nel 2013 tra l’al­lo­ra sin­da­co Pio Del Gau­dio, fi­ni­to sul­le pri­me pa­gi­ne per aver spe­so 70.000 eu­ro (set­tan­ta­mi­la!) per piaz­za­re da­van­ti al­la Reg­gia un cor­no «rus­so, tuo­sto, stuor­to» al­to 13 me­tri, e l’al­lo­ra so­vrin­ten­den­te Pao­la Da­vid: «Qua­lun­que co­sa chie­dia­mo non ci ascol­ta. Vi­ve a Ro­ma, la si­gno­ra. Vie­ne giù un pa­io di vol­te la set­ti­ma­na. Non ve­de nes­su­no. Non par­la con nes­su­no». «Mi ri­fiu­to di ri­spon­de­re ad ac­cu­se co­sì as­sur­de, in­fa­man­ti, me­schi­ne», ri­spo­se lei. Che fa­ces­se la pen­do­la­re, co­me del re­sto al­tri suoi col­le­ghi, era pe­rò dif­fi­ci­le da ne­ga­re.

Ec­co, do­po aver an­ti­ci­pa­to di un an­no l’ad­dio di Fe­ni­co­ri se­gan­do­gli il con­trat­to («scel­ta inat­te­sa: un di­spia­ce­re pro­fes­sio­na­le ma an­che un dan­no per tut­ti. Per il be­ne del­la Reg­gia sa­reb­be sta­to me­glio in­via­re già un an­no fa chi avreb­be do­vu­to so­sti­tuir­mi per im­pa­dro­nir­si del me­stie­re») sa­reb­be be­ne che ora il mi­ni­stro dei Be­ni Cul­tu­ra­li Al­ber­to Bo­ni­so­li mo­stras­se d’aver ca­pi­to al­me­no que­sta le­zio­ne: chiun­que scel­ga (spe­ria­mo be­ne…) lo man­di con l’im­pe­gno a vi­ve­re lì. Sul po­sto.

SE MAU­RO FE­LI­CO­RI

se n’è an­da­to tra mil­le ap­plau­si, rin­gra­zia­men­ti e ono­ri è sta­to in­fat­ti, di­ce lui, «per­ché per tre an­ni so­no sta­to pre­sen­te. Lì.».

È co­sì che ha avu­to mo­do di ve­de­re le co­se che non an­da­va­no, sco­pri­re i fur­bet­ti del car­tel­li­no, al­lon­ta­na­re gli abu­si­vi, av­via­re nuo­vi pro­get­ti, vin­ce­re la bat­ta­glia con quel­la par­te del sin­da­ca­to che gli rim­pro­ve­rò di la­vo­ra­re trop­po…

Po­chi da­ti di­co­no tut­to: pri­ma del suo ar­ri­vo la Reg­gia, usci­ta dal­la clas­si­fi­ca dei mu­sei e dei si­ti più vi­si­ta­ti d’Ita­lia, fe­ce se­gna­re nel 2014 428mi­la vi­si­ta­to­ri di cui so­lo 217mi­la pa­gan­ti. Nel 2017, tor­na­ta nel­la «Top Ten», ave­va già rad­dop­pia­to le vi­si­te (839mi­la vi­si­te com­ples­si­ve, di cui 498.690 pa­gan­ti) e più che rad­dop­pia­to gli in­cas­si. Il tut­to in li­nea con un vec­chio ada­gio: l’oc­chio del pa­dro­ne in­gras­sa il ca­val­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.