Il poe­ta Guc­ci­ni è riu­sci­to a far­ci im­pa­ra­re i ver­si a me­mo­ria

Corriere della Sera - Sette - - Passa Parola -

UM­BER­TO ECO CONSIDERAVA

Fran­ce­sco Guc­ci­ni il can­tan­te ita­lia­no più col­to e ne am­mi­ra­va, in par­ti­co­la­re, la fol­le im­pre­sa di far ri­ma­re «Scho­pe­n­hauer» con «ama­re». Suc­ce­de in una del­le can­zo­ni più fa­mo­se del can­tau­to­re, Il fra­te: «Do­po un bic­chie­re di vi­no, con fra­si un po’ iro­ni­che e ama­re / par­la­va in te­de­sco e in la­ti­no, par­la­va di Dio e Scho­pe­n­hauer». Se gli ri­cor­da­te l’elo­gio di Eco, Guc­ci­ni si scher­mi­sce di­cen­do che lui ha fat­to so­lo le ma­gi­stra­li e che il più col­to, ca­so mai, è Ro­ber­to Vec­chio­ni, che vie­ne dal clas­si­co e ci ha pu­re in­se­gna­to.

Ora un li­bro, Fran­ce­sco Guc­ci­ni. Can- zo­ni, dà ra­gio­ne a Eco. Si trat­ta di una qua­ran­ti­na di te­sti pun­ti­glio­sa­men­te com­men­ta­ti da Ga­briel­la Fe­noc­chio, spe­cia­li­sta di let­te­ra­tu­ra ita­lia­na (da Al­fie­ri a Fe­no­glio).

Qual­cu­no di­rà che è un’esa­ge­ra­zio­ne, che un can­tau­to­re non può es­se­re trat­ta­to co­me un poe­ta lau­rea­to. Obie­zio­ne fuo­ri tem­po mas­si­mo do­po il No­bel del­la let­te­ra­tu­ra a Bob Dy­lan (for­se l’ul­ti­ma co­sa buo­na del pre­mio sve­de­se).

A leg­ge­re i te­sti nu­di, sen­za mu­si­ca, ri­sal­ta il rag­guar­de­vo­le ar­ma­men­ta­rio tec­ni­co del can­tau­to­re: quar­ti­ne di ot­to­na­ri, en­de­ca­sil­la­bi o do­de­ca­sil­la­bi, va­ria­men­te ri­ma­ti o as­so­nan­za­ti, stro­fe esa­sti­che, di­sti­ci ba­cia­ti e al­tre po­si­zio­ni del ka­ma­su­tra poe­ti­co. Guc­ci­ni è un ver­seg­gia­to­re na­to. All’esa­me per di­ven­ta­re pa­ro­lie­re gli as­se­gna­ro­no il te­ma («Pas­sa tut­ti i gior­ni») e lui lo ri­sol­se al vo­lo: «Lei che pas­sa tut­ti i gior­ni lun­go la stra­da dei pen­sie­ri miei». Ha poi af­fi­na­to quel ta­len­to con la pas­sio­ne per le sfi­de in ot­ta­va ri­ma. Il suo av­ver­sa­rio più te­mi­bi­le è sta­to Ro­ber­to Be­ni­gni. Nel­le sfi­de in ot­ta­va ri­ma bi­so­gna la­scia­re all’al­tro con­cor­ren­te pa­ro­le che sia­no dif­fi­ci­li da far ri­ma­re. Una vol­ta Guc­ci­ni la­sciò a Be­ni­gni due ri­me im­pos­si­bi­li: mirra e bir­ra (a quel pun­to non c’era­no più al­tre pa­ro­le ita­lia­ne che fi­ni­sco­no

A si­ni­stra, il can­tau­to­re Fran­ce­sco Guc­ci­ni, na­to a Mo­de­na nel 1940

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.