Sus­sur­ra che ti pas­sa, Vir­gi­nia Woolf e gli

Corriere della Sera - Sette - - Inclin Azioni - Dic­tio­na­ry:

«TI PIAC­CIO­NO GLI ASMR?»

Lì per lì non ho sa­pu­to ri­spon­de­re. Né sì, per­ché ma­ga­ri li ho ascol­ta­ti, se so­no un grup­po mu­si­ca­le. Né no, per­ché pos­so­no es­se­re for­ma­ti di­gi­ta­li che uso sen­za sa­per­lo. «So­no vi­deo in cui al­cu­ni ru­mo­ri su­sci­ta­no sen­sa­zio­ni di gran­de pia­ce­re», mi vie­ne spie­ga­to pri­ma di in­di­riz­zar­mi su vi­deo di don­ne che si spaz­zo­la­no i ca­pel­li, osteo­pa­ti che mas­sag­gia­no bi­sbi­glian­do a vo­ce bas­sa, ru­mo­ri pro­ve­nien­ti da mi­ne­ra­li, ve­ge­ta­li e og­get­ti suo­na­ti co­me stru­men­ti... Tro­vo de­ci­ne di pro­fi­li Asmr con mi­glia­ia di fol­lo­wer su In­sta­gram, do­ve spo­po­la­no i ru­mo­ri­sti del ci­bo, che man­gia­no co­se croc­can­ti, e mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni su You­Tu­be, per chi ha più tem­po e vo­glia di ascol­ta­re i sus­sur­ra­to­ri, ma­ga­ri ad­dor­men­tar­si (ero fer­mo al ru­mo­re di piog­gia di se­mi nei tron­chi dei cac­tus, al ron­zio nar­co­let­ti­co del phon). L’udi­to, l’ora­li­tà og­gi sta ri­con­qui­stan­do spa­zio tra edi­to­ria (au­dio­li­bri), cel­lu­la­ri (no­te vo­ca­li) e so­cial (vi­deo­sus­sur­ri). Ri­sol­vo l’acro­ni­mo con l’Ur­ban Asmr sta per Au­to­no­mous sen­so­ry me­ri­dian re­spon­se, in ita­lia­no “ri­spo­sta au­to­no­ma del me­ri­dia­no sen­so­ria­le”. Non si trat­ta di sem­pli­ce pel­le d’oca, e non tut­ti la pro­va­no. Pa­re.

LA SI­GLA

è na­ta su un grup­po Fa­ce­book nel 2010 e da an­ni sta su­sci­tan­do cu­rio­si­tà, an­che nel mon­do dei neu­ro­scien­zia­ti. Man­ca­no pe­rò stu­di scien­ti­fi­ci: per ora è la ver­sio­ne ce­re­bra­le del Pun­to G, fan­to­ma­ti­ca ori­gi­ne di un cer­to or­ga­smo fem­mi­ni­le. L’Asmr pe­rò è uni­sex, va­le sia per i ma­schi che per le don­ne. An­zi, pu­re per i ca­val­li, se pen­sa­te a L’uo­mo che sus­sur­ra­va ai ca­val­li, il film do­ve Ro­bert Re­d­ford è un co­w­boy sus­sur­ra­to­re che rie­sce a cu­ra­re le fe­ri­te di un ca­val­lo e di una ra­gaz­zi­na, una gio­va­nis­si­ma Scar­lett Jo­hans­son. Due at­to­ri da Oscar, an­zi da Asmr.

La pub­bli­ci­sti­ca di­gi­ta­le ab­bon­da di ci­ta­zio­ni. Per mol­ti una buo­na de­scri­zio­ne dell’Asmr è in La si­gno­ra Dal­lo­way (1925) di Vir­gi­nia Woolf: c’è una don­na che sus­sur­ra a un uo­mo con aspra dol­cez­za, pa­re il can­to di un gril­lo, che gli sol­le­ti­ca la spi­na dor­sa­le e sca­te­na nel cer­vel­lo on­de di suo­no che si in­fran­go­no. Tra i poe­ti, pen­so a Ga­brie­le D’An­nun­zio e al­la sua Piog­gia nel pi­ne­to. Trop­po ba­na­le? Mi gio­co Ti­bul­lo, poe­ta la­ti­no che ver­seg­gia­va sul pia­ce­re di ascol­ta­re il ru­mo­re del­la piog­gia, strin­gen­do a let­to la don­na ama­ta.

Nel­la fil­mo­gra­fia Asmr, non può man­ca­re Il fan­ta­sti­co mon­do di Amé­lie, con i suoi pia­ce­vo­li ri­ti si­ne­ste­ti­ci, co­me in­fi­la­re la ma­no nel sac­chet­to di le­gu­mi sec­chi o rom­pe­re con il cuc­chia­io la cro­sta del­la cre­me bru­lèe. Tra le can­zo­ni, è da bri­vi­di The sound of si­len­ce di Si­mon & Gar­fun­kel. Ma for­se è me­glio Dan­ce Me to the End of Lo­ve di Leo­nard Co­hen con la sua vi­bran­te vo­ce ro­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.