No

Ales­san­dro Bian­chi

Corriere della Sera - Sette - - 10 - Zone Duello D’opinioni - Con­tro­ver­sie ci­vil­men­te sol­le­va­te da Ros­sel­la Ter­ca­tin

AL­ZA­RE I LI­MI­TI DI VE­LO­CI­TÀ

sul­le au­to­stra­de è una pes­si­ma idea per una ra­gio­ne mol­to sem­pli­ce: va con­tro la si­cu­rez­za. È ve­ro che già at­tual­men­te i con­ces­sio­na­ri han­no que­sta pos­si­bi­li­tà su al­cu­ne trat­te, ma il fat­to che fi­no­ra nes­su­no se ne sia av­val­so non è ca­sua­le:

le cir­co­stan­ze in cui a li­vel­lo teo­ri­co è pos­si­bi­le adot­ta­re i li­mi­ti più al­ti so­no pra­ti­ca­men­te im­pos­si­bi­li da rag­giun­ge­re nel con­cre­to.

Ca­rat­te­ri­sti­che pro­get­tua­li ed ef­fet­ti­ve ido­nee, traf­fi­co e si­tua­zio­ne me­teo­ro­lo­gi­ca con­so­ni: chi si met­te a con­trol­la­re in tem­po rea­le? Co­me si in­for­ma­no gli au­to­mo­bi­li­sti?

Al di là de­gli aspet­ti pra­ti­ci, l’in­ter­ro­ga­ti­vo di fon­do re­sta: per­ché pen­sa­re a un prov­ve­di­men­to si­mi­le? C’è dav­ve­ro co­sì tan­to bi­so­gno di an­da­re da un po­sto all’al­tro più ve­lo­ce­men­te? Ne­gli ul­ti­mi an­ni è sta­to fat­to mol­to, an­che a li­vel­lo eu­ro­peo, per ri­dur­re gli in­ci­den­ti stra­da­li, e mi pa­re che i ri­sul­ta­ti sia­no po­si­ti­vi. Non cre­do sa­reb­be sag­gio an­da­re nel­la di­re­zio­ne op­po­sta.

Gian Lu­ca Pel­le­gri­ni, 53 an­ni, è di­ret­to­re del­la ri­vi­sta au­to­mo­bi­li­sti­ca Quat­tro­ruo­te. Ales­san­dro Bian­chi, 73 an­ni, è ur­ba­ni­sta ed è sta­to mi­ni­stro dei Tra­spor­ti. At­tual­men­te è ret­to­re dell’Uni­ver­si­tà te­le­ma­ti­ca Pe­ga­so

Mol­ti ci­ta­no l’esem­pio del­la Ger­ma­nia, do­ve è ve­ro che cir­ca tre quar­ti del­le au­to­stra­de non han­no li­mi­ti. Ma non si tie­ne con­to di al­cu­ni det­ta­gli:

una ve­lo­ci­tà con­si­glia­ta esi­ste – ed è 130 chi­lo­me­tri ora­ri ap­pun­to – e su­pe­ran­do­la non c’è al­cu­na san­zio­ne, pe­rò se si cau­sa un in­ci­den­te si ri­schia di es­se­re per­se­gui­ti. E poi in Ger­ma­nia la so­cie­tà guar­da al­le re­go­le in mo­do di­ver­so: una rac­co­man­da­zio­ne del­le isti­tu­zio­ni è as­sai più fa­ci­le che ven­ga ri­spet­ta­ta lag­giù che da noi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.