Gian Lu­ca Pel­le­gri­ni

Corriere della Sera - Sette - - 10 - Zone Duello D’opinioni -

DAL PUN­TO DI VI­STA TEC­NI­CO,

con­si­de­ran­do le mac­chi­ne di og­gi, non c’è al­cu­na dif­fe­ren­za si­gni­fi­ca­ti­va tra il viag­gia­re a 130 o a 150 chi­lo­me­tri ora­ri: bi­so­gna sem­pli­ce­men­te pre­sta­re at­ten­zio­ne a uno spa­zio di fre­na­ta mag­gio­re. An­che dal pun­to di vi­sta del­le in­fra­strut­tu­re, pur es­sen­do in ge­ne­ra­le non nuo­vis­si­me, le no­stre au­to­stra­de non avreb­be­ro pro­ble­mi a reg­ge­re un traf­fi­co di au­to a 150 all’ora, sen­za con­ta­re che si pre­ve­de di far­lo so­lo nel­le trat­te che ga­ran­ti­sca­no mag­gio­re si­cu­rez­za. I da­ti di­mo­stra­no che le au­to­stra­de re­gi­stra­no già as­sai me­no in­ci­den­ti ri­spet­to al­le stra­de cit­ta­di­ne o pro­vin­cia­li e che la ve­lo­ci­tà non ne è più da tem­po la prin­ci­pa­le cau­sa. A di­re il ve­ro

non è nep­pu­re det­to che pur al­zan­do i li­mi­ti gli au­to­mo­bi­li­sti sa­reb­be­ro co­sì pro­pen­si ad an­da­re più ra­pi­di, per­ché que­sto com­por­ta un au­men­to dei con­su­mi di car­bu­ran­te.

Le sta­ti­sti­che de­gli ul­ti­mi an­ni ci di­co­no che gli ita­lia­ni so­no mol­to più di­sci­pli­na­ti al vo­lan­te che in pas­sa­to, fe­no­me­no da at­tri­bui­re a va­ri fat­to­ri, dal co­sto del car­bu­ran­te all’in­stal­la­zio­ne dei tu­tor.

L’uni­co no­do da scio­glie­re sa­reb­be l’im­pian­to san­zio­na­to­rio, che ora pre­ve­de una so­glia di tol­le­ran­za del 5% ol­tre il li­mi­te: si ar­ri­ve­reb­be quin­di a una pos­si­bi­li­tà ef­fet­ti­va di rag­giun­ge­re i 157 all’ora sen­za con­trav­ven­zio­ni, e di an­da­re an­co­ra più ve­lo­ce ri­schian­do so­lo una mul­ta bas­sa. Nel prov­ve­di­men­to bi­so­gne­reb­be dun­que in­ter­ve­ni­re su que­sto aspet­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.