Ri­vo­glio il mon­do de­gli an­ni No­van­ta

(com­pre­si po­sto fis­so e tv di qua­li­tà)

Corriere della Sera - Sette - - Se Fossi L’imperatrice Del Mondo Lorella Cuccarini - Uto­pie fe­del­men­te tra­scrit­te da Irene Soa­ve

A RO­MA SO­NO NA­TA,

da Ro­ma go­ver­no: so­no l’im­pe­ra­tri­ce del mon­do, ma lo di­ri­go se­con­do un prin­ci­pio ita­lia­no fon­da­men­ta­le, che de­si­de­ro espor­ta­re a ogni la­ti­tu­di­ne. Cioè Lo­rel­la Cuc­ca­ri­ni (Ro­ma, 1965) è fra i vol­ti più no­ti del­la tv ita­lia­na. È in sce­na con Non mi hai più det­to ti amo, al Tea­tro Olim­pi­co di Ro­ma fi­no al 20 di­cem­bre, poi in tour in Ita­lia fi­no a feb­bra­io (le da­te so­no su: lo­rel­la­cuc­ca­ri­ni.it)

la bel­lez­za, il no­stro es­se­re esper­ti in bel­lez­za, dall’aso­la di un bot­to­ne a un mo­nu­men­to, dai mo­di al­la cu­ci­na.

A par­te que­sto, vor­rei tor­na­re a un mon­do do­ve la glo­ba­liz­za­zio­ne c’è, ma non ha stra­vin­to su tut­to. Scon­ta­to, di­re­te, è la gran­de sfi­da dei pen­sa­to­ri di que­sto se­co­lo: lo so, ma è la sfi­da più ne­ces­sa­ria. Nel mon­do, gra­zie al­la glo­ba­liz­za­zio­ne, si sta an­che me­glio, sia­mo tut­ti cit­ta­di­ni co­smo­po­li­ti, per ca­ri­tà. Pe­rò que­sti flus­si di de­na­ro, di cul­tu­ra, di per­so­ne, van­no re­go­la­men­ta­ti. Se no si va nel­la so­cie­tà uni­ca, e io a que­sta so­no con­tra­ria. Va­le an­che per l’Eu­ro­pa: la vo­glio coe­sa e aper­ta, ma vor­rei che i sin­go­li Sta­ti mem­bri aves­se­ro più au­to­no­mia in ter­mi­ni, ad esem­pio, di po­li­ti­ca eco­no­mi­ca. Poi vo­glio chiu­de­re con l’au­ste­ri­tà che sta do­mi­nan­do que­sti an­ni: au­men­te­rei gli sti­pen­di, lot­te­rei con­tro il pre­ca­ria­to, vor­rei che tut­ti aves­se­ro pa­ghe eque per i la­vo­ri che fan­no. E vor­rei che il ter­mi­ne “po­sto fis­so” non fos­se più una mac­chiet­ta al­la Chec­co Za­lo­ne che ci fa sor­ri­de­re, ma an­co­ra una cer­tez­za, per chi la vuo­le. In­som­ma io vo­glio il mon­do di quan­do ero più gio­va­ne, vo­glio il mon­do de­gli an­ni No­van­ta. An­che in tv: c’era un’ar­ti­gia­na­li­tà, una crea­ti­vi­tà nel­la crea­zio­ne dei pro­gram­mi, che og­gi non ab­bia­mo più, per­ché im­por­tia­mo for­mat dall’este­ro e riem­pia­mo la sce­na di im­prov­vi­sa­ti. Vor­rei in­ve­ce tor­na­re al­la tv dei gran­di au­to­ri, re­gi­sti e pro­dut­to­ri.

E in­fi­ne vor­rei che il co­di­ce del­la stra­da fos­se si­mi­le al co­di­ce pe­na­le: via la pa­ten­te su­bi­to a chi sor­pas­sa a de­stra o fa il fur­bo sul­la cor­sia d’emer­gen­za.

Go­ver­no da Ro­ma, e pro­prio per que­sto par­tia­mo di qui: dal traf­fi­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.