Van De Sfroos por­ta a tea­tro la sua mu­si­ca dialettale

Corriere della Sera - Sette - - Black Rock - IN­CON­TRI LOM­BAR­DI

UNA SE­RA DI TAN­TO TEM­PO FA

un bam­bi­no guar­da­va la lu­na da un bal­co­ne e ascol­ta­va una can­zo­ne. Avrà avu­to 4-5 an­ni. Il suo sguar­do pla­nò sul la­go di Co­mo che era lì a un pas­so, lui rien­trò in ca­sa e dis­se al­la non­na: «È sta­ta una se­ra­ta ro­man­ti­ca». Vai a sa­pe­re, poi, che dia­vo­lo vo­les­se di­re quel­la pa­ro­la: ro­man­ti­ca. «Non­na si è fat­ta una ri­sa­ta» ri­cor­da lui che og­gi è un uo­mo di 53 an­ni. «Io quel­la se­ra, con quel­la me­lo­dia che ar­ri­va­va dal man­gia­di­schi, ho sco­per­to la mu­si­ca e non l’ho mai più ab­ban­do­na­ta».

SI CHIA­MA­VA DA­VI­DE BERNASCONI,

quel bam­bi­no. Op­pu­re, per chi lo co­no­sce da adul­to, Da­vi­de Van De Sfroos, no­me d’ar­te che ha scel­to quan­do la mu­si­ca, le can­zo­ni, i li­bri, so­no di­ven­ta­ti la sua vi­ta.

Il 29 di­cem­bre lui e il suo dia­let­to par­ti­ran­no per il Tour de nocc che poi sa­reb­be una tour­née “di not­te” nei tea­tri di no­ve cit­tà fra Lom­bar­dia e Sviz­ze­ra:

un ti­to­lo scel­to in omag­gio all’at­mo­sfe­ra in­ti­ma e si­len­zio­sa di ogni not­te, di ogni tea­tro. Lec­co, Bor­mio, Gor­gon­zo­la, Vi­ge­va­no, Cas­sa­no Ma­gna­go, Lu­ga­no, Ber­ga­mo, Mi­la­no, Va­re­se, Co­mo: i suoi luo­ghi e i suoi ap­pun­ta­men­ti tea­tra­li per pre­sen­ta­re i bra­ni più fa­mo­si del suo re­per­to­rio (ri­vi­si­ta­ti) e bal­la­te ine­di­te.

SA­RAN­NO SE­RA­TE

53 an­ni, na­to a Mon­za, Da­vi­de Van De Sfroos ha pub­bli­ca­to 12 al­bum in­tri­si di pa­ro­le in dia­let­to lombardo

«un po’ con­fi­den­zia­li», di­ce lui. «Mi so­no re­so con­to che in un tem­po che vi­ve di ve­lo­ci­tà pe­ri­co­lo­se e nel qua­le il ri­po­so e la quie­te di quel che si pe­sa so­no di­ven­ta­ti ter­ri­to­ri dif­fi­ci­li da con­qui­sta­re, può es­se­re ca­tar­ti­co an­che la­sciar­si an­da­re. Van­no be­ne San Si­ro, i gran­di even­ti, i ca­si­ni, io c’ero o non c’ero...ma il pub­bli­co ogni tan­to ha bi­so­gno an­che di la­sciar­si an­da­re, ap­pun­to, di apri­re por­te mi­ste­rio­se». Per uno che a 16 an­ni sa­li­va sui suoi pri­mi pal­chi, che ha suo­na­to nel­le piaz­ze, ne­gli al­peg­gi, ne­gli spa­zi aper­ti quan­to il cie­lo, la di­men­sio­ne tea­tra­le ha tin­te in­ver­na­li, lu­ci e om­bre o – per usa­re le sue pa­ro­le – è «un viag­gio not­tur­no al­la ri­cer­ca dei bra­ni nei cas­set­ti di­men­ti­ca­ti: una mu­si­ca che cer­che­rà di rin­trac­cia­re om­bre fa­mi­lia­ri con tin­te nuo­ve».

In dia­let­to lombardo, ov­via­men­te. Per­ché il dia­let­to, mol­to par­la­to e po­chis­si­mo scrit­to, «è fa­ci­le da usa­re co­me vei­co­lo di co­mu­ni­ca­zio­ne per­ché ha una ve­lo­ci­tà in­cre­di­bi­le».

IL TOUR DE NOCC

avrà qual­co­sa di can­ta­to e qual­co­sa di rac­con­ta­to. Un ten­ta­ti­vo di «ar­ri­va­re do­ve abi­ta la poe­sia di tut­ti i gior­ni» con una sor­ta di tea­tro can­zo­ne al­la Ga­ber. Le pa­ro­le non so­no mai sta­te un pro­ble­ma per Da­vi­de. Han­no sem­pre tro­va­to la via giu­sta per ar­ri­va­re esat­ta­men­te do­ve por­ta il lo­ro si­gni­fi­ca­to. Nel­le can­zo­ni e nei ro­man­zi che ha scrit­to. Si cor­ri­spon­do­no. «Non so di­re co­me fac­cio», rac­con­ta lui. «È co­me se fos­si na­to con una pre­di­spo­si­zio­ne ad as­sor­bi­re le co­se del mon­do. So­no una car­ta as­sor­ben­te sen­si­bi­le a tut­to quel che mi at­tra­ver­sa e for­se è pro­prio met­ten­do as­sie­me quel tut­to che le pa­ro­le ven­go­no spon­ta­nee, fa­ci­li, co­me un pal­leg­gio per un cal­cia­to­re».

An­che qui: la non­na (quel­la del­la “se­ra­ta ro­man­ti­ca”) sor­ri­de­va quan­do Da­vi­de di­ce­va fra­si sur­rea­li ep­pu­re per­fet­te. Gli uc­cel­li im­pa­glia­ti, per esem­pio. Li chia­ma­va «mor­ti in pie­di». Esi­ste una de­fi­ni­zio­ne che ren­da me­glio l’idea?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.