I nuo­vi chef di Rai­due han­no ca­pi­to: la cat­ti­ve­ria è da­ta­ta

Corriere della Sera - Sette - - Video Crazia - GLACIALI

PIÙ GUARDAVO

la pri­ma pun­ta­ta di Il ri­sto­ran­te de­gli chef, nuo­vo ta­lent show di cu­ci­na del­la Rai (Rai­due), e più mi ren­de­vo con­to di due co­se: mi pia­ce­va, ma a Mau­ri­zio Croz­za non sa­reb­be pia­ciu­to. Per­ché Croz­za ha re­ga­la­to al pub­bli­co un’imi­ta­zio­ne esi­la­ran­te, quel­la di Joe Ba­stia­ni­ch in “Ba­star­d­chef”. Ma

sa­reb­be com­pli­ca­to per chiun­que, uo­mo o don­na, al di là del­la bra­vu­ra, fa­re un’imi­ta­zio­ne di­ver­ten­te di Phi­lip­pe Lé­veil­lé, An­drea Ber­ton e Isa­bel­la Po­tì, i tre chef-giu­di­ci de Il ri­sto­ran­te de­gli chef.

Per­ché nes­su­no dei tre si pre­sta al­la ri­du­zio­ne a mac­chiet­ta ne­ces­sa­ria per la riu­sci­ta di una imi­ta­zio­ne che fun­zio­na: Ber­ton, se­rio, al­tis­si­mo, si pre­oc­cu­pa più di giu­di­ca­re il ci­bo che di in­sul­ta­re i con­cor­ren­ti. Lé­veil­lé, fran­ce­se che da una vi­ta la­vo­ra in Ita­lia e che par­la la no­stra lin­gua più cor­ret­ta­men­te di una di­scre­ta par­te di ita­lia­ni, si ri­fiu­ta in­tel­li­gen­te­men­te di in­ter­pre­ta­re il ruo­lo del fran­ce­se ar­ro­gan­te e cat­ti­vo e sem­bra aver qua­si per­so, do­po 25 an­ni in Ita­lia, per­fi­no la er­re fran­ce­se (bel­lis­si­mo il mo­do asciut­to nel qua­le a un cer­to pun­to ha cor­ret­to Ber­ton, che ave­va sba­glia­to a leg­ge­re il bi­gliet­to scrit­to da un con­cor­ren­te, co­me se fos­se nor­ma­le per uno stra­nie­ro cor­reg­ge­re un ma­dre lin­gua). E nem­me­no una umo­ri­sta di as­so­lu­ta clas­se co­me Sa­bi­na Guz­zan­ti tro­ve­reb­be spun­ti per imi­ta­re Isa­bel­la Po­tì, an­che lei co­me i due col­le­ghi più in­te­res­sa­ta a par­la­re di ci­bo e di se­rie­tà I pro­ta­go­ni­sti di Il ri­sto­ran­te de­gli chef, in on­da il mar­te­dì su Rai­due. Da si­ni­stra: Phi­lip­pe Lé­veil­lé, Isa­bel­la Po­tì e An­drea Ber­ton nell’ap­proc­cio al­la cu­ci­na che a in­sul­tar­li da­van­ti al­le te­le­ca­me­re.

PER­CHÉ SE C’È UNA CO­SA

che il trio di Il ri­sto­ran­te de­gli chef ha ca­pi­to è che la for­mu­la del di­sprez­zo, del cli­ma di inu­ti­li abu­si ver­ba­li, è or­mai da­ta­ta. Ha re­ga­la­to il suc­ces­so a tan­ti chef stra­nie­ri nel­le edi­zio­ni in­ter­na­zio­na­li dei va­ri Ma­ster­chef e Hell’s Kit­chen, in Ita­lia ha crea­to mo­men­ti di tv in­te­res­san­te. Cer­to, c’era Ba­stia­ni­ch con «vuoi che muo­ro», sa­di­co ver­so i con­cor­ren­ti e ir­ri­den­te ver­so gli al­tri giu­di­ci (ce­le­bre l’in­ter­vi­sta in cui at­tac­ca­va Crac­co «pre­sun­tuo­so» e Can­na­vac­ciuo­lo reo di par­la­re con l’ac­cen­to na­po­le­ta­no), Bru­no Bar­bie­ri dal mood sar­ca­sti­co che rie­sce a suo­na­re va­ga­men­te of­fen­si­vo an­che quan­do pro­ba­bil­men­te cer­ca di non es­ser­lo, Crac­co che al­za la vo­ce ti­po ser­gen­te dal cat­ti­vo ca­rat­te­re dei film ame­ri­ca­ni.

PIÙ CHE AL­TRO

l’ele­men­to dram­ma­ti­co di Il ri­sto­ran­te de­gli chef, nel qua­le un grup­po di di­let­tan­ti che nel­la vi­ta fan­no al­tro cer­che­rà di far fun­zio­na­re la cu­ci­na di un ri­sto­ran­te con ospi­ti più o me­no fa­mo­si, è che

si sen­ti­va­no di­re, già du­ran­te la pri­ma pun­ta­ta, co­se scon­for­tan­ti.

«So­no sem­pre tan­to tan­to in­de­ci­sa su co­me im­piat­ta­re», di­ce­va una. Un al­tro si di­lun­ga­va nell’ese­ge­si del suo per­cor­so crea­ti­vo fin­ché al­la fi­ne Ber­ton si tro­va­va co­stret­to a chie­de­re «Mi fai as­sag­gia­re?». C’era quel­lo che ri­pen­sa il ce­vi­che la­ti­noa­me­ri­ca­no «ma con ma­te­rie pri­me si­ci­lia­ne», e poi ec­co piat­ti dai no­mi co­me “mais su te­la” nel qua­le pe­rò né io da ca­sa né i giu­di­ci in lo­co riu­sci­va­no a in­trav­ve­de­re il mais. In­som­ma un de­scen­sus aver­ni nell’Ita­lia de­gli aspi­ran­ti chef che han­no vi­sto trop­pi vi­deo su You­Tu­be e com­pul­sa­to trop­pi blog di cu­ci­na. Qua­si si pre­fe­ri­va il con­cor­ren­te -- eli­mi­na­to al­la pri­ma pro­va -- che ave­va pre­pa­ra­to quel­lo che do­ve­va es­se­re il suo piat­to più ef­fi­ca­ce e col­lau­da­to ma che sem­bra­va, a me co­me ai giu­di­ci, una mo­struo­sa­men­te ba­na­le in­sa­la­ta di ri­so. Al­me­no lui ci ha ri­spar­mia­to la mi­ni-con­fe­ren­za sul­la Bit­ter­sweet Sym­pho­ny dei sa­po­ri del suo piat­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.