Il mi­glio­re del­la set­ti­ma­na: Ales­san­dro Ri­va, 18 an­ni

Corriere della Sera - Sette - - Scrivete Per Noi Settebello - I ve­ri gio­va­ni sia­mo noi Con­tri­bu­to giu­di­zio­sa­men­te scel­to da Mi­col Sar­fat­ti

HO 18 AN­NI E VA­DO AL LI­CEO,

ma de­vo fa­re un di­scor­so da vec­chio, e lo de­vo fa­re per­ché non mi sen­to a mio agio nel­la mia ge­ne­ra­zio­ne.

Mi sen­to cir­con­da­to da trop­pi ra­gaz­zi sen­za pas­sio­ni, sen­za idea­li, sen­za eroi.

Ra­gaz­zi che pur aven­do tut­ta la vi­ta da­van­ti non han­no un so­gno, un qual­co­sa in cui spe­ra­re. Ra­gaz­zi che si ver­go­gna­no a espri­me­re i pro­pri gu­sti e le pro­prie opi­nio­ni, e que­sto ac­ca­de in un mo­men­to sto­ri­co in cui po­treb­be­ro far­lo li­be­ra­men­te. Il pro­ble­ma è che po­chi miei coe­ta­nei sem­bra­no ave­re un’opi­nio­ne. Mi rac­con­ta­no i miei ge­ni­to­ri, i miei non­ni, che fi­no al se­co­lo scor­so si sta­va da una par­te o dall’al­tra. Il che non si­gni­fi­ca­va ne­ces­sa­ria­men­te ve­de­re il mon­do in bian­co e ne­ro, es­se­re de­gli estre­mi­sti.

RI­TEN­GO PE­RÒ

che fos­se più stimolante ave­re del­le po­si­zio­ni con­tra­stan­ti ri­spet­to all’at­tua­le mag­ma po­li­ti­co, do­ve sem­bra­no non esi­ste­re più si­ni­stra e de­stra: per­ché,

co­me la sto­ria ci in­se­gna, è dal con­fron­to che na­sco­no nuo­ve idee, è da es­so che ha ori­gi­ne il pro­gres­so, men­tre dal nul­la non può na­sce­re nul­la.

Una so­cie­tà di in­de­ci­si non può pro­gre­di­re: e se c’è un mo­men­to del­la vi­ta in cui si può es­se­re ra­di­ca­li, in cui è con­sen­ti­to sba­glia­re, in cui si può im­pa­ra­re è pro­prio la gio­vi­nez­za.

HO CO­MIN­CIA­TO A CA­PI­RE

che qual­co­sa non qua­dra­va quan­do ho sen­ti­to pro­fes­so­ri che ci di­ce­va­no di ri­bel­lar­ci, di oc­cu­pa­re la scuo­la. Sia­mo tal­men­te vec­chi den­tro che i pro­fes­so­ri so­no più ri­vo­lu­zio­na­ri di noi: e con que­sto non vo­glio in­vo­ca­re un ri­tor­no cie­co al ’68 o a que­gli an­ni che, pur aven­do vi­sto giu­ste bat­ta­glie han­no vi­sto an­che la ri­vo­lu­zio­ne, l’es­se­re di­ver­so, di­ven­ta­re una mo­da, e che so­no pian pia­no sci­vo­la­ti in una lot­ta sem­pre più in­sen­sa­ta, cul­mi­na­ta poi con i ter­ri­bi­li an­ni del ter­ro­ri­smo po­li­ti­co.

Ma è pro­prio im­pa­ran­do da­gli er­ro­ri dei gio­va­ni di 50 an­ni fa che noi ra­gaz­zi del 2018 po­trem­mo ca­pi­re co­me agi­re.

PER QUE­STO STO FA­CEN­DO

un di­scor­so da vec­chio: per­ché og­gi so­no i vec­chi a do­ver­ci in­se­gna­re co­me es­se­re gio­va­ni. Per­ché sem­bra che in qual­che mo­do ci sia­mo scor­da­ti di es­ser­lo, e guar­dan­do­mi in­tor­no ho ca­pi­to che non ba­sta ave­re 18 an­ni per es­se­re gio­va­ni.

Es­se­re gio­va­ni si­gni­fi­ca so­gna­re, pro­va­re e sba­glia­re, ave­re de­gli idea­li, de­gli eroi. Al­tri­men­ti si è so­lo ra­gaz­zi.

E il no­stro Pae­se ha un bi­so­gno di­spe­ra­to di gio­va­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.