Il mon­do ha bi­so­gno di due mi­lio­ni di scrit­to­ri all’an­no?

Corriere della Sera - Sette - - Passa Parola - Ro­bert Pat­tin­son e Kri­sten Stewart, pro­ta­go­ni­sti del­la sa­ga com­po­sta da cin­que film usci­ti tra il 2008 e il 2012

PA­RE CHE IN ITA­LIA

non leg­ga più qua­si nes­su­no (in­fat­ti mi sen­to un po’ so­lo). Pe­rò quel ri­dot­to ma­ni­po­lo di let­to­ri è du­ro a mo­ri­re. Cre­do che que­sta sia la ra­gio­ne per cui è giun­ta al­la se­con­da edi­zio­ne la Gui­da ta­sca­bi­le per ma­nia­ci dei li­bri, va­ra­ta da un grup­po di fa­na­ti­ci lo scor­so an­no di que­sti tem­pi. Co­me dis­si al­la sua usci­ta, la Gui­da è una spe­cie di Ma­nua­le del­le gio­va­ni mar­mot­te de­gli ap­pas­sio­na­ti di let­te­ra­tu­ra, ma è an­che un Tri­vial Pur­suit che con­tie­ne un nu­me­ro sor­pren­den­te di da­ti, no­ti­zie e cu­rio­si­tà, e ci si per­de den­tro co­me nel gio­co dell’oca. Il per­cor­so che si se­gue è sem­pre di­ver­so. Sta­vol­ta ho co­min­cia­to con un nu­me­ro: due mi­lio­ni e mez­zo. So­no i li­bri che ven­go­no stam­pa­ti ogni an­no, set­te­mi­la al gior­no (sa­ba­to e do­me­ni­ca com­pre­si). Per es­se­re esat­ti, so­no i ti­to­li, non i vo­lu­mi. E ogni ti­to­lo ha una sua ti­ra­tu­ra, si stam­pa in un cer­to nu­me­ro di co­pie. La ci­fra fi­na­le è da ca­po­gi­ro e, for­se, in­cal­co­la­bi­le. Que­sto si­gni­fi­ca che al mon­do ci so­no in que­sto mo­men­to al­me­no due mi­lio­ni di scrit­to­ri (le­via­mo un mez­zo mi­lio­ne per­ché ma­ga­ri qual­cu­no pub­bli­ca più di un ti­to­lo all’an­no). Leg­gen­do que­sta ci­fra mi è tor­na­ta in men­te la bel­lis­si­ma ora­zio­ne fu­ne­bre per Pier Pao­lo Pa­so­li­ni di Al­ber­to Mo­ra­via (lui sì che era uno scrit­to­re ve­ro). Di­ce­va: «Ab­bia­mo per­so pri­ma di tut­to un poe­ta. E poe­ti non ce ne so­no tan­ti nel mon­do, ne na­sco­no tre o quat­tro in un se­co­lo». Ma­ga­ri ro­man­zie­ri ne na­sco­no un po’ di più, pe­rò cer­ta­men­te sia­mo lon­ta­ni dai due mi­lio­ni odier­ni. E al­lo­ra chi so­no que­sti due mi­lio­ni di scrit­to­ri pub­bli­ca­ti? Mi­to­ma­ni? E so­prat­tut­to: ci so­no due mi­lio­ni di let­to­ri per que­sti due mi­lio­ni di scrit­to­ri? For­se sì, da­to che ogni scrit­to­re sa­rà let­to­re di se stes­so. Ma for­se no, lo di­co per espe­rien­za di­ret­ta, per­ché spes­so gli scrit­to­ri non leg­go­no nem­me­no i li­bri che han­no scrit­to.

Twi­light

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.