Tra Bag­gio e la Pan­te­ra, dia­rio del­la ge­ne­ra­zio­ne per­du­ta

Corriere della Sera - Sette - - Inclin Azioni -

OGNI VOL­TA CHE SEN­TO PAR­LA­RE

di “pat­to in­ter­ge­ne­ra­zio­na­le” pro­vo un mi­sto di spe­ran­za e dif­fi­den­za. Il più del­le vol­te è una stra­te­gia di mar­ke­ting. Co­me lo spot te­le­vi­si­vo di San­re­mo gio­va­ni, che cer­ca di cat­tu­ra­re sia il pub­bli­co gio­va­ne dei na­ti­vi di­gi­ta­li sia quel­lo se­nior dei ba­by boo­mers, mo­stran­do as­sie­me Fa­bio Ro­vaz­zi e Pip­po Bau­do che scher­za­no sul­le lo­ro età. Mol­te vol­te il mar­ke­ting è elet­to­ra­le, co­me nel ca­so del­le pro­mes­se di ri­cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le e di ac­ces­so al la­vo­ro, nel pub­bli­co im­pie­go ma non so­lo, sban­die­ra­te dall’at­tua­le go­ver­no e poi di­lui­te se non am­mai­na­te nel­la ma­no­vra fi­nan­zia­ria.

IL PRO­BLE­MA È ANTICO,

di pro­spet­ti­va, di dif­fe­ren­za or­mai cro­ni­ca tra po­li­ti­co e sta­ti­sta: «Il pri­mo guar­da al­le pros­si­me ele­zio­ni e il se­con­do al­la pros­si­ma ge­ne­ra­zio­ne», di­ce­va Al­ci­de De Ga­spe­ri ci­tan­do il teo­lo­go sta­tu­ni­ten­se Ja­mes Free­man Clar­ke. Chis­sà co­me avreb­be de­fi­ni­to chi og­gi, in vi­sta del­le ele­zio­ni, guar­da ai son­dag­gi o ad­di­rit­tu­ra agli al­go­rit­mi di so­cial net­work per in­di­riz­za­re la pro­pria azio­ne… E in­tan­to con­ti­nua la de­ri­va di quel­la che è sta­ta de­fi­ni­ta da Ma­rio Mon­ti, su­ben­do at­tac­chi so­prat­tut­to da chi ave­va la co­scien­za spor­ca, la ge­ne­ra­zio­ne per­du­ta: i 30/40en­ni di og­gi. I pri­mi che in Ita­lia stan­no peg­gio dei coe­ta­nei che li han­no pre­ce­du­ti.

IL LIBRO I RASSEGNATI

(Riz­zo­li) di Tom­ma­so La­ba­te (col­le­ga del Cor­rie­re del­la Se­ra )èu­na cro­ni­sto­ria pun­tua­le e pun­tu­ta di que­sto fal­li­men­to: do­vu­to sì a fat­to­ri ter­zi (l’egoi­smo mio­pe di cer­ti pa­dri) e im­pon­de­ra­bi­li (la cri­si glo­ba­le), ma pu­re a er­ro­ri com­mes­si in pri­ma per­so­na (plu­ra­le): ci so­no spun­ti pro­po­si­ti­vi, ma l’acu­me di chi è in­tel­let­tual­men­te one­sto si esal­ta nel­le (au­to)cri­ti­che. È sba­glia­to rim­pro­ve­ra­re al­la ge­ne­ra­zio­ne di La­ba­te (clas­se ’79), che è pu­re la mia e dei na­ti tra la fi­ne de­gli An­ni 70 e i pri­mi 80, di aver mi­ra­to trop­po in al­to, co­me Ro­ber­to Bag­gio a USA 94 (nel­la fo­to). Il ve­ro er­ro­re è sta­to il ri­bas­so, scen­de­re a com­pro­mes­si scam­bia­ti per ri­vo­lu­zio­ni, co­me quan­do nel 1990 il mo­vi­men­to stu­den­te­sco del­la Pan­te­ra aiu­tò i vec­chi ba­ro­ni a bloc­ca­re la ri­for­ma uni­ver­si­ta­ria che avreb­be inau­gu­ra­to un dia­lo­go tra si­ste­ma for­ma­ti­vo e mer­ca­to del la­vo­ro che og­gi avreb­be pro­dot­to i suoi frut­ti.

CO­SA PARTORÌ

la Pan­te­ra? Esa­mi fa­ci­li e fu­tu­ro in­cer­to. An­zi, per­du­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.