Corriere della Sera - Sette

«LA CACCIA AI TERRORISTI È UN GIOCO DI SQUADRA»

- Di fare causa per farli ragionare».

«“Sono dell’ufficio reclutamen­to dell’Agenzia. Può venire da noi per un colloquio?” Quando mi hanno chiamato la prima volta stavo mangiando del sushi davanti al computer. Mi è andato di traverso il wasabi. “Certamente”, sono riuscita a dire dopo essermi quasi strozzata». Ride Nada Bakos ricordando il suo primo impiego a Langley. «Niente di eccitante, il mio patrigno mi aveva mostrato un annuncio sull’Economist per una posizione nelle risorse umane e aveva fatto domanda», racconta a nella sua prima intervista italiana. Vent’anni anni dopo Bakos è diventata la donna che ha dato la caccia ad Abu Musab al-Zarqawi uno dei più pericolosi jihadisti della nostra epoca. E oggi, dopo aver lasciato la Cia, ha raccontato la storia di quegli anni di ricerca in The targeter.

Il suo libro ha avuto una gestazione molto lunga. Cosa è successo?

«Finita la prima stesura, come mio dovere l’ho inviata all’Agenzia. Loro me l’hanno restituito un anno e mezzo dopo con gran parte delle pagine censurate senza nessuna spiegazion­e. Si rifiutavan­o di discuterne. Ho dovuto minacciare La stampa statuniten­se l’ha paragonata a Maya, l’agente che ha preso Osama Bin Laden raccontata in Zero Dark Thirty, o Valerie Plame, le cui operazioni sotto copertura all’anti proliferaz­ione sono state rivelate dall’amministra­zione Bush. Ha mai conosciuto queste colleghe?

«Ovviamente ne ho sentito parlare. Nella prima parte della mia carriera ho lavorato come analista, una profession­e che viene poco raccontata nei film. Ed è proprio per questo che ho deciso

 ??  ?? VITA
Nada Glass Bakos è nata il 16 maggio 1969 a Denton, Stati Uniti. È laureata in Economia internazio­nale all’Università dello Utah
CARRIERA
Ha iniziato a lavorare alla Cia all’età di 30 anni come analista. È stata una delle figure chiave del team che ha indagato le relazioni tra gli attentati dell’11 settembre 2001 e il terrorismo di Al-Quaeda.
Nel 2003 è stata inviata dalla Cia in Iraq come targeting officer, per valutare la rete di rapporti di Abu Musab al-Zarqawi. Il terrorista è stato ucciso nel 2006 durante un attacco aereo di forze congiunte statuniten­si e giordane.
Bakos collabora come analista con giornali e television­i tra cui CNN, BBC,
New York Times, Washington Post , Wall Street Journal. Oggi è consulente aziendale
VITA Nada Glass Bakos è nata il 16 maggio 1969 a Denton, Stati Uniti. È laureata in Economia internazio­nale all’Università dello Utah CARRIERA Ha iniziato a lavorare alla Cia all’età di 30 anni come analista. È stata una delle figure chiave del team che ha indagato le relazioni tra gli attentati dell’11 settembre 2001 e il terrorismo di Al-Quaeda. Nel 2003 è stata inviata dalla Cia in Iraq come targeting officer, per valutare la rete di rapporti di Abu Musab al-Zarqawi. Il terrorista è stato ucciso nel 2006 durante un attacco aereo di forze congiunte statuniten­si e giordane. Bakos collabora come analista con giornali e television­i tra cui CNN, BBC, New York Times, Washington Post , Wall Street Journal. Oggi è consulente aziendale

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy