Corriere della Sera - Sette

Pane e latte sono la firma di Isa

- Di ALESSANDRA DAL MONTE

La prima cosa che fa nel suo ristorante è servire il pane.

Caldo, preparato da lei con le farine migliori. Poi comincia il menu degustazio­ne: un tuffo nel territorio – i colli piacentini della Val Tidone – tra pancetta campagnola, crudo di asina, anguilla, tortelli ricotta e spinaci, lumache, trota marinata. Tutto all’insegna dell’armonia tra i sapori. Chi mangia alla “Palta” sa che la chef ha un vezzo: siglare ogni piatto con una goccia di latte. «Un simbolo di nutrimento, una cifra della mia cucina che ha come unico obiettivo quello di far piacere, di accogliere». Isa Mazzocchi, classe 1968, ha il tono entusiasta di chi sta festeggian­do un traguardo importante: il suo ristorante ha appena compiuto 30 anni. Nato come osteria familiare, “La Palta” – il nome viene dal dialetto: così si chiamava il negozio con l’appalto per vendere sali e tabacchi – di Bilegno è diventato, sotto la sua guida, un locale stellato. Oggi lo gestisce con il marito Roberto Gazzola, la sorella Monica e il cognato Marco Sogni. Sempre di famiglia si tratta, ma in chiave gourmet. Se andate di questi tempi chiedete di assaggiare i piatti storici dal 1989 a oggi.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy