Corriere della Sera - Sette

Son tor­na­te le luc­cio­le. Mi man­ca Pa­so­li­ni

- Pier Paolo Pasolini · Pier Paolo Pasolini · Italy · Cicero · Ennio Morricone · Civitavecchia

Era una bel­la se­ra di fi­ne giu­gno e, nel buio, le ho vi­ste. A cen­ti­na­ia. Non un in­te­ro cam­po, co­me mi ac­ca­de­va nel­la mia in­fan­zia, quan­do riu­sci­vo perfino a pren­der­ne un pa­io tra le ma­ni chiu­se a coppa per sbir­ciar­le poi tra le di­ta ac­cen­der­si a in­ter­mit­ten­za. Ma co­mun­que un’emo­zio­ne.

I miei com­pa­gni di pas­seg­gia­ta era­no me­no sor­pre­si. Vi­vo­no più a con­tat­to con la na­tu­ra, so­no abi­tua­ti al buio, e di­co­no che con il loc­k­do­wn in cam­pa­gna so­no tor­na­ti an­che gli uc­cel­li. Ma a me è man­ca­to il fia­to. Per quel­li del­la mia età, in­fat­ti, le luc­cio­le han­no as­sun­to un si­gni­fi­ca­to sim­bo­li­co, cul­tu­ra­le e po­li­ti­co, che va ben ol­tre la sen­si­bi­li­tà eco­lo­gi­ca, e che si de­ve a un ce­le­bre ar­ti­co­lo sul Cor­rie­re di Pier Pao­lo Pa­so­li­ni. Cor­re­va l’an­no 1975, io en­tra­vo nei miei vent’an­ni e l’Ita­lia in un’epo­ca di ta­le cam­bia­men­to che il più scan­da­lo­so e an­ti­con­for­mi­sta de­gli scrit­to­ri ita­lia­ni era sbar­ca­to sul­la pri­ma pa­gi­na del più mo­de­ra­to e bor­ghe­se dei quo­ti­dia­ni. In quell’ar­ti­co­lo, ti­to­la­to un po’ bu­ro­cra­ti­ca­men­te “Il vuo­to del po­te­re”, Pa­so­li­ni ave­va in­fat­ti usa­to la scom­par­sa del­le luc­cio­le co­me me­ta­fo­ra di uno spar­tiac­que che di­vi­de­va in due la sto­ria del­la Re­pub­bli­ca. “Nei pri­mi an­ni ses­san­ta - scri­ve­va a cau­sa dell’in­qui­na­men­to dell’aria, e, so­prat­tut­to, in cam­pa­gna, a cau­sa dell’in­qui­na­men­to dell’ac­qua (gli az­zur­ri fiu­mi e le rog­ge tra­spa­ren­ti) so­no co­min­cia­te a scom­pa­ri­re le luc­cio­le. Il fe­no­me­no è sta­to ful­mi­neo e fol­go­ran­te. Do­po po­chi an­ni le luc­cio­le non c’era­no più. (So­no ora un ri­cor­do, ab­ba­stan­za stra­zian­te, del pas­sa­to: e un uo­mo an­zia­no che ab­bia un ta­le ri­cor­do, non può ri­co­no­sce­re nei nuo­vi gio­va­ni se stes­so gio­va­ne, e dun­que non può più ave­re i bei rim­pian­ti di una vol­ta). Quel qual­co­sa che è ac­ca­du­to una de­ci­na di an­ni fa lo chia­me­rò dun­que ‘scom­par­sa del­le luc­cio­le’”. E poi ag­giun­ge­va: an­che “il re­gi­me de­mo­cri­stia­no ha avu­to due fa­si as­so­lu­ta­men­te di­stin­te... di­ven­ta­te ad­di­rit­tu­ra sto­ri­ca­men­te in­com­men­su­ra­bi­li. La pri­ma fa­se... è quel­la che va dalla fi­ne del­la guer­ra al­la scom­par­sa del­le luc­cio­le, la se­con­da fa­se è quel­la che va dalla scom­par­sa del­le luc­cio­le a og­gi”.

A lui pia­ce­va ov­via­men­te più la pri­ma, pri­ma che la “mu­ta­zio­ne” dell’in­du­stria­li­smo uc­ci­des­se i va­lo­ri di quel “po­po­lo” che ama­va fi­no al­la mi­me­si. E io mi do­man­do ades­so se que­sta ri­com­par­sa, for­se in­dot­ta da una nuova “mu­ta­zio­ne” an­tro­po­lo­gi­ca, non an­nun­ci in­ve­ce l’ini­zio di una ter­za e ine­vi­ta­bil­men­te mi­glio­re fa­se per l’Ita­lia. Mi pia­ce­reb­be che fos­se co­sì. Ma ne du­bi­to. Per­ché le luc­cio­le sa­ran­no an­che tor­na­te, ma un Pa­so­li­ni che sap­pia spie­gar­ce­ne il si­gni­fi­ca­to non c’è più. Lui con­dan­na­va il “vuo­to di po­te­re”. Il “vuo­to di sen­so” di og­gi è for­se peg­gio­re.

Ve lo de­vo pro­prio di­re: qual­che se­ra fa ho vi­sto le luc­cio­le. Giu­ro. Ero ad Ar­pi­no, un po­sto un po’ ma­gi­co a di­re il ve­ro, vi­sto che ha da­to i na­ta­li a Ci­ce­ro­ne e al pa­pà di En­nio Mor­ri­co­ne, ol­tre che a Ca­io Ma­rio e al Ca­va­lier d’Ar­pi­no. Mi han­no por­ta­to a cena nel­la Acro­po­li di Ci­vi­ta­vec­chia, ac­can­to al­la mu­ra ci­clo­pi­che che do­mi­na­no la città.

 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy