L’ul­ti­ma vol­ta che ave­va par­te­ci­pa­to al­le ele­zio­ni fu nel ’52 e ave­va scel­to Ei­se­n­ho­wer Suor Ce­ci­lia, 106 an­ni: il mio vo­to per Ba­rack

Corriere della Sera - - ESTERI - Fa­bri­zio Cac­cia

Sun­day Ti­mes,

RO­MA — Han­no pen­sa­to a un er­ro­re, qual­che gior­no fa, gli im­pie­ga­ti dell’uf­fi­cio elet­to­ra­le di Man­che­ster, nel New Hamp­shi­re, quan­do è ar­ri­va­ta da Ro­ma la bu­sta col suo vo­to. C’era scrit­to: Ma­ria Jo­se­phi­ne Cla­ris­se Gau­det­te, na­ta il 25 mar­zo 1902. Ma non era uno sba­glio, Ma­ria Jo­se­phi­ne a 106 an­ni è an­co­ra qui tra noi, an­zi è la suo­ra più vi­spa (sen­za of­fe­sa per le al­tre so­rel­le) del Con­ven­to di Ge­sù e Ma­ria, in via No­men­ta­na 325. E sul pros­si­mo pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti d’Ame­ri­ca, Ma­dre Ce­ci­lia (è que­sto il no­me che ha pre­so da re­li­gio­sa) ha le idee mol­to chia­re: «Ho vo­ta­to per i de­mo­cra­ti­ci, ho vo­ta­to per Oba­ma — ha det­to ie­ri in­ter­vi­sta­ta dal­la Bbc — per­ché è one­sto e ha una bel­la fa­mi­glia...».

Un au­ten­ti­co ri­bal­to­ne per la suo­ra ul­tra­cen­te­na­ria: nel 1952 in­fat­ti, l’ul­ti­ma vol­ta che lo fe­ce, vo­tò per Ei­se­n­ho­wer, re­pub­bli­ca­no. «Ike vin­se gra­zie al mio vo­to— ri­ven­di­ca og­gi si­cu­ra di sé —. E lo stes­so sa­rà per Ba­rack...». Il fat­to è che Sa­rah Pa­lin, la vi­ce di McCain, pro­prio non pia­ce a que­sta suo­ra pic­ci­na pic­ci­na, che or­mai non ci sen­te più da un orec­chio, qua­si ran­nic­chia­ta nel suo abi­to ne­ro: «La po­li­ti­ca non m’in­te­res­sa ma pen­so che le don­ne deb­ba­no sta­re a ca­sa— af­fer­ma con­vin­ta —. De­vo­no oc­cu­par­si dei fi­gli, del­la fa­mi­glia, non de­vo­no pen­sa­re al­la Ca­sa Bian­ca. Per que­sto mi pia­ce Oba­ma, per­ché sua mo­glie Mi­chel­le è una ca­sa­lin­ga e pen­sa so­lo a cre­sce­re le sue due bel­le fi­glie». La pri­ma co­sa che do­vrà fa­re Ba­rack, se vin­ce­rà? «Rin­gra­zia­re il Si­gno­re— ri­spon­de lei sen­za ten­ten­na­men­ti —. E poi far ces­sa­re la guer­ra in Iraq...».

Ma­dre Ce­ci­lia si tie­ne in­for­ma­ta: leg­ge i gior­na­li ita­lia­ni, scri­ve let­te­re a mac­chi­na con la sua Royal di se­con­da ma­no ap­pe­na un po’ più gio­va­ne di lei (ha una ses­san­ti­na d’an­ni) e ri­spon­de al­le e-mail che le man­da da Rho­de Island il suo ami­co Pa­dre Mur­phy, pre­te dio­ce­sa­no ma so­prat­tut­to gran­de av­ver­sa­rio di Skip-Bo, un gio­co di car­te a cui Ma­dre Ce­ci­lia, quan­do lui vie­ne a tro­var­la, vuo­le vin­ce­re a tut­ti i costi.

È sta­ta una vi­ta pie­na, la sua. Fa­ti­co­sa ma bel­la («So­no sem­pre sta­ta fe­li­ce», ag­giun­ge con un sor­ri­so). Ge­ni­to­ri ca­na­de­si, pa­pà Oscar ave­va una ne­go­zio di ali­men­ta­ri, sua mam­ma Leo­ca­dia era ca­sa­lin­ga. Quat­tro so­rel­le e un fra­tel­lo. En­trò in con­ven­to a 21 an­ni, scam­pò ai na­zi­sti in Fran­cia du­ran­te la guer­ra, quin­di nel 1958 il viag­gio in Ita­lia. Pa­ne, bur­ro e mar­mel­la­ta a co­la­zio­ne, la re­ci­ta del ro­sa­rio tra le ro­se e gli aran­ci del con­ven­to, pre­ghie­re e me­di­ta­zio­ni fi­no a og­gi che ha 106 an­ni e pri­ma di ad­dor­men­tar­si tut­te le se­re si gu­sta un cioc­co­la­ti­no («So­no go­lo­sis­si­ma»). Ma­dre Ce­ci­lia non vi­ve di fret­ta: «La pros­si­ma vol­ta che an­drò a vo­ta­re avrò 110 an­ni», con­clu­de. Oba­ma è av­vi­sa­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.