Corriere della Sera

«Non va». «Serve lealtà» Tra Bersani e Boschi duello a cena sull’Italicum

- AL NOSTRO INVIATO

Lui arriva da solo, le mani in tasca e dice «idea simpatica, non frequente», lei lo raggiunge poco dopo, sorridente: «Alla fine questo partito trova sempre una sua unità». Nel Pd di questi tempi le cose sono un po’ più complicate di una cena di autofinanz­iamento. Ma l’iniziativa della federazion­e di Cremona, nei giorni dello scontro più duro sulla legge elettorale, per certi versi è simbolica: Pier Luigi Bersani, l’ex segretario molto amato da queste parti («abito a un tiro di schioppo, ho solo dovuto attraversa­re il Po») allo stesso tavolo del ministro Maria Elena Boschi, «il volto del governo» come la definisce Luciano Pizzetti, sottosegre­tario alle Riforme insieme a lei, cremonese, che ha avuto l’idea: «All’inizio erano un po’ spiazzati, tutti e due. Ma hanno accettato subito». A cenare con loro oltre duecento persone, non solo militanti ma anche imprendito­ri della zona: si pagano 50 ( « sostenitor­e » ) o 100 euro («super sostenitor­e»). Proprio ieri Matteo Renzi sottolinea­va di preferire «che i partiti siano finanziati da chi va alle Feste dell’Unità e alle cene che non da tutti i cittadini». Mentre, davanti ai commensali di Cremona, l’ex segretario affermava tutt’altra idea: «Qui continuiam­o a mangiare per tirar su i soldi ma in tutto il mondo democratic­o da Atene in poi, la politica è stata finanziata. Altrimenti vincono solo i ricchi».

Nonostante il tintinnio dei bicchieri, le crespelle al radicchio e il clima di festa, Bersani su quello che succederà nei prossimi giorni a proposito della legge elettorale ha l’aria grave: «Qui si tratta di democrazia, del futuro dei nostri figli, mica di noccioline: non sono nelle condizioni di votare un testo così». Poco distante il ministro, sul tema, ribadisce: «Alcune proposte della minoranza sono state accolte: il tempo della discussion­e è finito, ora è il momento della decisione e mi aspetto lealtà rispetto a ciò che decideremo nei gruppi parlamenta­ri».

Entrano insieme nella sala all’interno dei padiglioni della fiera di Cremona, «siamo rivali per modo di dire» dice Bersani per rendere più calda l’atmosfera, i militanti applaudono e a occhio manca l’età di mezzo: tanti sono coetanei di Bersani, parecchi i trentenni come il ministro. Prima che si parta con gli antipasti l’insolita coppia si rivolge per un breve intervento ai commensali che intanto scattano con i telefonini: l’ex segretario parla solo del partito, il ministro esclusivam­ente del governo. «Il Pd ha solo 8 anni, è come un bambino, va curato». Si rivolge ai militanti di più lunga data: «Riconosco a Renzi di aver allargato il campo, ma non perdiamo le radici, per carità». La sala applaude.

Il registro del ministro non potrebbe essere più diverso, elenca i risultati del governo e descrive il partito come se fosse tutt’uno con l’esecutivo «siamo il Pd che riduce le tasse, aiuta i meno abbienti, grazie al quale le persone della mia età ora hanno un contratto a tempo indetermin­ato». Altro applauso, di uguale intensità. «Non è la serata per scannarsi» sorride un militante. E infatti non lo è, anche se la mediazione sull’Italicum pare quasi impossibil­e: «Ma io sono sempre ottimista — risponde Boschi — con i tanti amici del Pd si può trovare una convergenz­a».

Il ministro non dice che Bersani può essere l’ultimo ponte che rimane con la minoranza («Rispetto le sue posizioni»), ma la serata cremonese simbolicam­ente pare questo. Se c’è ancora spazio per la ricomposiz­ione è a lui che si guarda. Ma l’ex segretario ha preoccupaz­ioni più generali. Sostiene che non ci sia la consapevol­ezza del momento: «Qui si parla di argomenti di rilevanza costituzio­nale con una tale leggerezza…mi riferisco a tutti, eh, la politica, la stampa». Ma non è la serata, appunto. Maria Elena Boschi conclude: «Andiamo avanti con il sorriso e con determinaz­ione». E il vecchio segretario sussurra: «Ma sì, la nostra comunità tiene…».

L’autofinanz­iamento I due a un’iniziativa di autofinanz­iamento Renzi: meglio i soldi ai partiti dalle serate che dalle tasche dei cittadini

 ??  ?? A Cremona Pier Luigi Bersani e il ministro Maria Elena Boschi ieri a una cena del Pd per l’autofinanz­iamento
(foto Sessa)
A Cremona Pier Luigi Bersani e il ministro Maria Elena Boschi ieri a una cena del Pd per l’autofinanz­iamento (foto Sessa)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy