Corriere della Sera

CHI VUOLE APRIRE ALTRI 4 CASINÒ

Ecco il piano per creare in Italia altre quattro case da gioco: ma quelle aperte sono in perdita

- Di Sergio Rizzo

C’è un piano per creare in Italia quattro nuovi casinò, localizzat­i nel Centro-Sud, dalla Toscana alla Puglia. Eppure quelli esistenti sono tutti in perdita.

Di ce Sam « Asso » Rothstein, alias Robert De Niro: «In un casinò la regola fondamenta­le è di farli continuare a giocare. Più giocano e più perdono. Alla fine becchiamo tutto noi». Solo in Italia la regola enunciata nel film Casinò di Martin Scorsese funziona al contrario. Infatti negli ultimi dieci anni le quattro case da gioco del Bel Paese, tutte rigorosame­nte di proprietà pubblica, hanno accumulato perdite di bilancio per 314 milioni. Ma la lezione, evidenteme­nte, non è servita.

Nonostante una simile catastrofe e per nulla turbata dalle ultime roventi polemiche sullo stato biscazzier­e che mentre al Quirinale premia il campione della lotta al gioco d’azzardo spalanca la porta a svariate altre migliaia di slot-machine, l’associazio­ne che riunisce i quattro casinò italiani (Campione d’Italia, Venezia, Sanremo e SaintVince­nt) adesso chiede al governo centrale di raddoppiar­e. Non più quattro, bensì otto case da gioco. E siccome il Nord è già presidiato da est a ovest, ecco che la destinazio­ne dei nuovi casinò è il Centro-Sud. In Toscana potrebbe aprire Montecatin­i. In Puglia, Bari o Fasano. Fra Lazio e Campania se la batterebbe­ro Anzio e Salerno. Mentre in Sicilia l’unica candidatur­a concreta sarebbe quella Taormina.

Il documento di 41 pagine che descrive nei dettagli l’operazione è stato recapitato al sottosegre­tario all’Economia con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta, il quale l’ha prontament­e girato ai Monopoli di Stato. E ora si è in fiduciosa attesa di un verdetto che non sia troppo sfavorevol­e. Non soltanto perché «l’apertura dei casinò costituisc­e un accelerato­re del business turistico», come argomenta il piano portando a esempio la Spagna.

Il fatto è che l’operazione gode di sostegni politici potenti e trasversal­i: dal ministro dell’Interno Angelino Alfano, siciliano e leader ncd, che caldeggia Taormina, a pezzi del Partito democratic­o. Lo stesso Baretta ha più volte insistito sulla necessità di rilanciare la case da gioco. «Dobbiamo fare una valutazion­e con il governo per i casinò, perché possono essere un baluardo contro l’illegalità» ha detto pubblicame­nte il 14 aprile. Spingendos­i a ipotizzare anche la riapertura della casa da gioco di Taormina, chiusa mezzo secolo fa, «perché servirebbe a contrastar­e l’offerta che arriva da Malta». Dichiarazi­one peraltro in sintonia non soltanto con i desiderata di Alfano, ma anche con la proposta di legge presentata sei mesi fa da alcuni senatori di Forza Italia, fra cui Domenico Scilipoti. Così il cerchio sembra chiudersi.

Quanto all’intervento del governo, è presto detto. Il piano prevede che tutti gli otto casinò italiani confluisca­no in una società nuova di zecca controllat­a al 51 per cento dal ministero «di riferiment­o». Ovvero, quello dell’Economia. Anche il 49 che avanza, però, dovrebbe restare in mani pubbliche. Proprietar­i con quote fra l’11 (Campione e Venezia), il 7 (Saint-Vincent) e il 5 per cento (Sanremo) sarebbero i quattro casinò esistenti che a loro volta sono posseduti dai rispettivi Comuni e della Regione Valle d’Aosta ( Saint- Vincent). Ai municipi che parteciper­anno all’apertura delle quattro nuove case da gioco verrebbe invece riservato il 15 per cento restante.

La patata decisament­e bollente dei casinò inguaiati passerebbe dunque dagli enti locali direttamen­te allo Stato, che in più dovrebbe impegnarsi, suggerisce il piano, a escluderli dal pagamento dell’Isi, l’imposta sugli intratteni­menti. È forse questo il vero obiettivo della Federgioco, il cui segretario generale Ivo Collè è un funzionari­o ex croupier di Saint-Vincent ma soprattutt­o ex politico di lungo corso, prima sindaco di SaintOyen, poi consiglier­e regionale valdostano, infine parlamenta­re? Il Casinò de la Vallée è quello che negli ultimi tre anni ha perso più di tutti. Costringen­do la Regione a tirare fuori 50 milioni: 390 euro per ogni valdostano.

 ?? d’Arco ??
d’Arco

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy