La lin­ge­rie è co­me le scar­pe De­ve es­se­re di­ver­ten­te

Fir­ma una col­le­zio­ne per Agent Pro­vo­ca­teur e rac­con­ta quan­to è cam­bia­to (e non in me­glio) il no­stro mo­do di sce­glie­re la bian­che­ria

Corriere della Sera - - TEMPI LIBERI - 1 2 3 Ma­ria Te­re­sa Ve­ne­zia­ni

Ida­ti di mer­ca­to di­co­no che le ita­lia­ne pre­fe­ri­sco­no in­ve­sti­re nel­la moda che si ve­de e, se de­vo­no ri­spar­mia­re, lo fan­no sul­la lin­ge­rie, a dif­fe­ren­za del­le ara­be, mol­to at­ten­te al lo­ro in­ti­mo, ma an­che al­le fran­ce­si. «Un er­ro­re. Le don­ne do­vreb­be­ro ve­stir­si be­ne an­che sot­to, so­prat­tut­to per se stes­se. In­dos­sa­re una bel­la bian­che­ria aiu­ta a in­fluen­za­re la per­ce­zio­ne che hai di te, pro­prio co­me un pa­io di tac­chi ti fa ap­pa­ri­re più slan­cia­ta», com­men­ta Char­lot­te Olym­pia Del­lal. La sti­li­sta in­gle­se, che a feb­bra­io al­la Fa­shion Week di Lon­dra fa­rà sfi­la­re per la pri­ma vol­ta i suoi ac­ces­so­ri di lus­so, si­gla una col­la­bo­ra­zio­ne con Sa­rah Shot­ton, di­ret­to­re crea­ti­vo di Agent Pro­vo­ca­teur, brand di in­ti­mo dal­lo spi­ri­to de­ci­sa­men­te se­xy.

Com’è la bian­che­ria del­la don­na 3.0?

«La col­le­zio­ne è ispi­ra­ta al­le pin up e al­le star del ci­ne­ma in bian­co e ne­ro. Gli An­ni 40 e 50 so­no una co­stan­te fon­te di ispi­ra­zio­ne, rap­pre­sen­ta­no la mia epo­ca pre­fe­ri­ta. So­no pre­sen­ti stam­pe leo­par­da­te e ri­ca­mi fran­ce­si che ri­pren­do­no la ra­gna­te­la (sim­bo­lo scel­to dal­la sti­li­sta per il suo mar­chio crea­to nel 2008, ndr), im­pre­zio­si­ti da cri­stal­li Swaro­v­ski». A in­ter­pre­ta­re com­ple­ti, top e cu­lot­te nel­la cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria c’è Julia Restoin Roitfeld, fi­glia di Ca­ri­ne, ex mo­del­la, gior­na­li­sta ed edi­tri­ce.

Per­ché ha de­ci­so di de­di­car­si all’in­ti­mo?

«L’ho sem­pre ama­to. Già quan­do ho ini­zia­to i miei stu­di co­me fa­fa­shion de­si­gner­gn al­la Cord- wai­ners di Lon­dra, ero mol­to in­te­res­sa­ta al­la cor­set­te­ria. E di Agent Pro­vo­ca­teur so­no sta­ta pri­ma di tut­to una fan. Col­le­zio­no i com­ple­ti. Ho qua­si più lin­ge­rie che scar­pe, che pu­re pro­du­co. Cal­za­tu­re e in­ti­mo con­di­vi­do­no gli stes­si va­lo­ri: so­no fem­mi­ni­li, gla­mour e do­vreb­be­ro sem­pre ave­re un aspet­to di­ver­ten­te. Il sen­so of hu­mor è fon­da­men­ta­le, an­che nel­lo sti­le».

Per­ché og­gi l’in­ti­mo è con­si­de­ra­to me­no ri­le­van­te, se non nel­le oc­ca­sio­ni spe­cia­li?

«Non pen­so che la lin­ge­rie ab­bia per­so im­por­tan­za, ma le per­so­ne han­no un at­teg­gia­men­to più ri­las­sa­to quan­do si par­la del­la lo­ro bian­che­ria. Il mio mo­do di es­se­re ri­flet­te il mio mo­do di ve­sti­re gior­no per gior­no, mi ve­sto in­di­pen­den­te­men­te dal fat­to che sia ve­ner­dì se­ra o lu­ne­dì mat­ti­na. Non pen­so che si deb­ba­no te­ne­re ca­pi spe­cia­li per oc­ca­sio­ni spe­cia­li, e lo stes­so va­le per la lin­ge­rie».

Che co­sa vo­glio­no le don­ne?

«L’ap­proc­cio per la rea­liz­za­zio­ne di ca­pi di lin­ge­rie è mol­to tec­ni­co, co­sì co­me per le scar­pe. La for­ma e la fun­zio­na­li­tà so­no mol­to im­por­tan­ti per me; mi pia­ce che le mie scar­pe sia­no bel­le da guar­da­re, ma de­vo­no an­che es­se­re por­ta­bi­li dal mat­ti­no al­la se­ra. Es­se­re una sti­li-

sta don­na mi da il van­tag­gio di po­ter pro­va­re le mie crea­zio­ni e ac­cer­tar­mi che sia­no co­mo­de».

Un sug­ge­ri­men­to per la nuo­va lin­ge­rie?

«Co­lo­ra­ta. Non è una co­sa che pos­so­no ve­de­re tut­ti, quin­di per­ché non di­ver­tir­si?».

Che co­sa non do­vreb­be mai man­ca­re?

«Un com­ple­ti­no. So che la moda pro­po­ne di ab­bi­na­re pez­zi di­ver­si, ma io non ce­do, in­dos­so so­lo coor­di­na­ti bel­li e che mi stia­no be­ne».

Com’è il suo guar­da­ro­ba?

«Co­me si può im­ma­gi­na­re, è pie­no di scar­pe e sul pa­vi­men­to del­la ca­bi­na ar­ma­dio c’è un tap­pe­to leo­par­da­to. Tut­to è al suo po­sto ed or­ga­niz­za­to in mo­do che pos­sa gioi­re del­le mie co­se an­che quan­do non le sto in­dos­san­do. Da un la­to c’è un so­fà a for­ma di lab­bra, men­tre il re­sto del­la de­co­ra­zio­ne pro­vie­ne da ciò che è ap­pe­so o ap­pog­gia­to su­gli scaf­fa­li».

Le cal­ze di­vi­do­no, c’è chi non le in­dos­sa nep­pu­re in in­ver­no. Pre­fe­ri­sce i col­lant o l’au­to­reg­gen­te?

«Amo i col­lant e ne ho tan­tis­si­mi. Cre­do che in­dos­sa­ti nel mo­do giu­sto pos­so­no ag­giun­ge­re qual­co­sa al look. Le décolleté Pa­lo­ma ad esem­pio ven­go­no pro­po­ste con col­lant co­lo­ra­ti ab­bi­na­ti che ti aiu­ta­no a ve­stir­ti dal­la te­sta ai pie­di».

E il reg­gi­cal­ze? Sim­bo­lo se­xy per ol­tre 50 an­ni è su­pe­ra­to?

«Il reg­gi­cal­ze è uno di quei pez­zi che amo di più, tant’è che è pre­sen­te an­che nel­la col­le­zio­ne rea­liz­za­ta in que­sta col­la­bo­ra­zio­ne. Il com­ple­to

Caught In Char­lot­te’s Web, set di slip a vi­ta al­ta e reg­gi­cal­ze ri­mo­vi­bi­li, è un cen­no ad un’epo­ca pas­sa­ta che amo».

Co­me ve­ste Char­lot­te in ca­sa e a let­to?

«Mi sen­to mol­to ispi­ra­ta dal gla­mour del­la vec­chia Hol­ly­wood sia quan­do si trat­ta del la­vo­ro, sia quan­do si trat­ta di me. Mi pia­ce es­se­re ac­cu­ra­ta. I miei ca­pel­li so­no sem­pre pet­ti­na­ti con on­de ispi­ra­te agli An­ni 40 e non esco mai sen­za ros­set­to ros­so e sen­za la ma­ni­cu­re con la mez­za lu­na, ma so­no con­vin­ta che in­dos­sa­re una bel­la lin­ge­rie può tra­sfor­ma­re una gior­na­ta nor­ma­le in un qual­co­sa di spe­cia­le».

I san­da­li So­fia Ver­ga­ra con san­da­li Char­lot­te Olym­pia A si­ni­stra, il sa­bot in col­la­bo­ra­zio­ne con Agent Pro­vo­ca­teur «Kiss my feet»

4 1 La mo­del­la Julia Restoin Roitfeld (fi­glia di Ca­ri­ne Roitfeld), fo­to­gra­fa­ta da Bil­lal Ta­right, è l’in­ter­pre­te del­la col­le­zio­ne che ve­de per la pri­ma vol­ta la col­la­bo­ra­zio­ne di Char­lot­te Olym­pia Del­lal con la grif­fe di in­ti­mo Agent Pro­vo­ca­teur 2...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.