Chi è

Corriere della Sera - - TEMPI LIBERI -

Pi­no Le­ra­rio, clas­se 1965, è na­to a Mar­ti­na Fran­ca. Ha co­min­cia­to da ap­pren­di­sta nel la­bo­ra­to­rio di sar­to­ria del pa­dre Fran­co, di­plo­man­do­si poi in mo­del­li­sti­ca a Mi­la­no

Nel 2000 ha fon­da­to il mar­chio Ta­glia­to­re, un no­me che ha ori­gi­ne nel­la sto­ria fa­mi­glia­re: co­sì era in­fat­ti chia­ma­to suo non­no, Vi­to, di pro­fes­sio­ne cal­zo­la­io

L’azien­da ha chiu­so il 2015 con un fat­tu­ra­to di 18,5 mi­lio­ni di eu­ro, +15 per cen­to ri­spet­to al 2014 uan­do ve­di che fun­zio­na un cap­pot­to più lun­go ri­spet­to a quel­lo del­le ul­ti­me sta­gio­ni, ti ba­sta per ca­pi­re che sta tor­nan­do vo­glia di clas­si­co. Una li­nea più tra­di­zio­na­le, l’ele­gan­za di que­gli uo­mi­ni an­ni 30 e 40 che in real­tà non è mai inat­tua­le, an­che quan­do sem­bra vi­ve­re un mo­men­to me­no bril­lan­te. È uno sti­le de­sti­na­to a tor­na­re, pe­rio­di­ca­men­te, per­ché l’abc del ve­sti­re ma­schi­le è sta­to pen­sa­to al­lo­ra. Spe­ri­men­ta­re è bel­lo, è in­di­spen­sa­bi­le. Ma è al­tret­tan­to in­di­spen­sa­bi­le il clas­si­co, che al­la fi­ne tor­na sem­pre. E al­lo­ra ec­co i cap­pot­ti più lun­ghi ma sem­pre ben fit­ta­ti, vi­ci­ni al cor­po co­me pia­ce a me, li­nea giu­sta per que­sto mo­men­to».

Per que­sto Pi­no Le­ra­rio di Ta­glia­to­re scom­met­te sul­la mar­tin­ga­la, sul­le ar­ma­tu­re dia­go­na­li per­ché clas­si­co sì ma pur sem­pre di Ta­glia­to­re si trat­ta, cer­can­do an­co­ra una vol­ta di for­mu­la­re un’iden­ti­tà da dan­dy che tra­scen­de le re­gio­ni geo­gra­fi­che — fat­tu­ra mol­to in Ita­lia ma per esem­pio il Giap­po­ne gli dà enor­mi sod­di­sfa­zio­ni, che lui ri­cam­bia or­ga­niz­zan­do fe­ste con pre­li­ba­tez­ze pu­glie­si per i clien­ti di To­kyo — e tra­scen­de le età, per­ché lo­de­vol­men­te Le­ra­rio non fa del gio­va­ni­li­smo ma am­met­ten­do che spes­so i più ele­gan­ti so­no gli uo­mi­ni ma­tu­ri la­vo­ra pen­san­do ai ra­gaz­zi co­me ai lo­ro pa­dri, e nul­la gli fa più pia­ce­re di un ses­san­ten­ne che spo­sa la sua vi­sio­ne dan­dy­sti­ca e sar­to­ria­le.

Mar­ti­na Fran­ca era la «cit­tà dei cap­pot­ta­ri» fin da­gli an­ni 30, Le­ra­rio ama ri­pe­ter­lo per­ché sen­za quell’ere­di­tà di moda pu­glie­se lui ora non sa­reb­be dov’è, con un’azien­da co­me Ta­glia­to­re di cui è pa­tron e di­ret­to­re crea­ti­vo che nel 2015 ha fat­to un +15% «che spe­ria­mo di ri­pe­te­re que­st’an­no».

Le­ra­rio la­vo­ra al­la ta­vo­loz­za dei co­lo­ri del suo mar­chio nel mo­do che sen­te più na­tu­ra­le: co­me un pit­to­re. Per que­sto, an­che se da quan­do è ra­gaz­zi­no, spie­ga, «vi­vo in azien­da», gli ba­sta apri­re la fi­ne­stra, fa­re una pas­seg­gia­ta, per ave­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.