Nel ro­man­zo di Ame­deo La Mat­ti­na (edi­to da e/o) un ra­gaz­zo sco­pre Scia­scia. E l’amo­re E il ci­ne­ma tur­bò Par­ti­ni­co Tut­ti paz­zi per Clau­dia Car­di­na­le

Corriere della Sera - - CULTURA - Di Raf­fae­le La Ca­pria

In un gior­no dell’esta­te del 1967 il re­gi­sta Da­mia­no Da­mia­ni ar­ri­va con tut­ta la sua trou­pe, at­to­ri, mae­stran­ze e mac­chi­ne, a Par­ti­ni­co, pae­se no­to in tut­ta l’Ita­lia, tran­ne che per cer­ti si­ci­lia­ni, co­me ma­fio­so, nel sen­so che lì la ma­fia oscu­ra­men­te co­man­da. Da­mia­ni vie­ne per gi­ra­re un film trat­to dal li­bro di Leo­nar­do Scia­scia Il gior­no del­la ci­vet­ta, che pro­prio con­tro la ma­fia è sta­to scrit­to.

L’ar­ri­vo di que­sta trou­pe scon­vol­ge le abi­tu­di­ni e i pen­sie­ri del­la gen­te del luo­go, an­che per­ché tra gli at­to­ri, ol­tre a Fran­co Ne­ro, c’è la bel­lis­si­ma Clau­dia Car­di­na­le, che è vi­sta co­me un’appa­ri­zio­ne, una co­sa dell’al­tro mon­do me­ra­vi­glio­sa e ir­rag­giun­gi­bi­le. Ba­sta la sua so­la pre­sen­za a tur­ba­re gli ani­mi, nes­su­no a Par­ti­ni­co ave­va mai vi­sto da vi­ci­no una ta­le bel­lez­za, che su­sci­ta non so­lo am­mi­ra­zio­ne, ma an­che una sot­ti­le ma­lin­co­nia so­prat­tut­to in un ra­gaz­zi­no di 14 an­ni, Lu­ca, che è ap­pun­to l’au­to­re di que­sto li­bro L’in­can­te­si­mo del­le ci­vet­te ( edi­to da e/o), il gior­na­li­sta Ame­deo La Mat­ti­na, e dal suo pun­to di vi­sta, cin­quant’an­ni do­po, la sto­ria è rac­con­ta­ta.

Una sto­ria ve­ra, au­to­bio­gra­fi­ca, che di­ven­ta la sto­ria di un amo­re im­pos­si­bi­le ol­tre che quel­la di un ro­man­zo di for­ma­zio­ne, per­ché at­tra­ver­so que­sti even­ti il ra­gaz­zo ac­qui­sta una con­sa­pe­vo­lez­za sull’am­bien­te in cui vi­ve e sul­le for­ze oscu­re che lo do­mi­na­no. Que­sta con­sa­pe­vo­lez­za lo spin­ge a leg­ge­re Il gior­no del­la ci­vet­ta di Scia­scia, che gli apre la men­te su una real­tà che fi­no a quel mo­men­to gli era sco­no­sciu­ta. E non sa­rà più il ra­gaz­zo che gio­ca­va a flip­per e com­bat­te­va con la sua ban­da dei Si­gno­ri­ni (del­la bor­ghe­sia) con­tro la ban­da dei Mez­zo­cuo­re, ra­gaz­zi del po­po­lo qua­si sel­vag­gi, per la con­qui­sta di un cam­pet­to di cal­cio, ma uno che get­ta uno sguar­do su un mon­do di­ver­so da quel­lo che co­no­sce­va.

Gio­ca in que­sto mu­ta­men­to an­che l’amo­re per Clau­dia Car­di­na­le, che trat­ta Lu­ca con confidenza e, for­se leg­gen­do nel suo sguar­do quel­lo che lui pro­va per lei, lo chia­ma «Oc­chi­bel­li» e gli di­ce: «Sei un ra­gaz­zo straor­di­na­rio». Co­sa c’è di stra­no se lui si in­na­mo­ra per­du­ta­men­te dell’at­tri­ce e se nel suo cor­po di ado­le­scen­te «i neu­ro­ni fi­bril­la­no»? Si sa che le pas­sio­ni di un ado­le­scen­te han­no la stes­sa in­ten­si­tà e le stes­se com­pli­ca­zio­ni di quel­le de­gli adul­ti. Ma l’in­va­sio­ne de­gli alieni che so­no ar­ri­va­ti col ci­ne­ma crea una rea­zio­ne an­che nel­le abi­tu­di­ni e nel co­stu­me del pae­se, per­ché le ra­gaz­ze so­no più spi­glia­te nel ve­sti­re, i ra­gaz­zi han­no i ca­pel­li più lun­ghi e pet­ti­na­ti, Le ri­pre­se per il film di­ret­to dal re­gi­sta Da­mia­no Da­mia­ni con Fran­co Ne­ro le bot­te­ghe ven­do­no più mer­ce.

Le co­se pe­rò si com­pli­ca­no, per­ché l’oscu­ro po­te­re ma­fio­so si ac­cor­ge che il film di Da­mia­ni è una de­nun­cia che lo met­te in cau­sa, e de­ci­de per­ciò, con la mi­nac­cia di ra­pi­re Fran­co Ne­ro, di da­re un av­ver­ti­men­to. In quel mo­men­to Lu­ca, il ra­gaz­zo che rac­con­ta que­sta sto­ria, en­tra in un gio­co più gran­de di lui, e an­che pe­ri­co­lo­so, per­ché, ve­nu­to a co­no­scen­za del luo­go do­ve avreb­be­ro se­que­stra­to Fran­co Ne­ro, si pro­po­ne di ri­ve­lar­lo per sven­ta­re le in­ten­zio­ni dei ma­fio­si. Ma per sua for­tu­na tut­to si ri­sol­ve pri­ma che lui met­ta in at­to il suo pro­po­si­to, per­ché Da­mia­ni, aven­do gi­ra­to buo­na par­te del film, de­ci­de che è inu­ti­le cor­re­re ri­schi e che è me­glio an­dar­se­ne a Ro­ma. Qui so­pra, Da­mia­no Da­mia­ni (Pa­sia­no di Por­de­no­ne, 1922 – Ro­ma 2013). Nel 1984 ha di­ret­to la se­rie tv La pio­vra. A si­ni­stra, Clau­dia Car­di­na­le sul set de Il gior­no del­la ci­vet­ta del 1968

An­che Clau­dia Car­di­na­le dun­que la­scia il pae­se, e gran­de è il do­lo­re di «Oc­chi­bel­li» che la ve­de an­dar via. La mac­chi­na che por­ta la Car­di­na­le si fer­ma e pro­prio a lui la Car­di­na­le dà un ul­ti­mo sa­lu­to: «Sce­se dal­la Mer­ce­des, io non ave­vo la for­za né di par­la­re né di muo­ver­mi. Clau­dia mi ab­brac­ciò e mi ba­ciò con il ca­lo­re e la sem­pli­ci­tà che ave­va per tut­ti. “Oc­chi­bel­li, per­ché sei co­sì tri­ste?” Ave­va pu­re il co­rag­gio di chie­der­me­lo?».

E qui su que­sto ad­dio fi­ni­sce ve­ra­men­te il rac­con­to, che pe­rò ha tan­te im­pli­ca­zio­ni, per­ché da que­sto mo­men­to l’idea che il ra­gaz­zo Lu­ca ha del­la Si­ci­lia è cam­bia­ta. An­che at­tra­ver­so il li­bro di Scia­scia, let­to una vol­ta, Lu­ca ha ca­pi­to co­me ve­ra­men­te stan­no le co­se nel­la sua Si­ci­lia, e il ruo­lo che ha la ma­fia.

L’in­can­te­si­mo del­le ci­vet­te è un rac­con­to av­vin­cen­te non so­lo per­ché si sen­te che tut­to è ve­ra­men­te ac­ca­du­to, ma an­che per­ché l’uso non com­pia­ciu­to che il nar­ra­to­re fa del dia­let­to, me­glio di qual­sia­si spie­ga­zio­ne, ci av­vi­ci­na al­la real­tà di cui trat­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.