Corriere della Sera

L’ARCHITETTO DEL FUTURO

L’appuntamen­to L’incontro con il grande progettist­a 81enne apre oggi il programma culturale del Cersaie a Bologna. L’ex pilota della Raf ha da poco costituito una fondazione che aiuterà nuove generazion­i di costruttor­i a trovare soluzioni per il pianeta F

- di Pierluigi Panza

Come un celeste esplorator­e osserva dall’alto una terra senza confini. E guardando dall’oblò, lui, pilota della Royal Air force e bambino sotto le bombe «che mi facevano piangere», scorge piccoli come foruncoli persino il suo Viadotto di Millau, la sua Swiss Re alla 30 St.Mary Axe, la cupola del Reichstag di Berlino e i suoi aeroporti di Stansted e di Hong Kong. Per Lord Norman Foster (Premio Pritzker nel 1999, Praemium Imperiale Award nel 2000) la terra che ci ospita è il dono più prezioso e a rischio. Altri doni sono stati i suoi maestri e il pensare sempre ai giovani e al futuro. Al Cersaie, questa mattina, terrà con Francesco Dal Co l’incontro «10 on 10: Ten Fosters and Ten others», ovvero un racconto dei progetti che lo hanno segnato.

Quali sono, almeno 5 dei 10 che progetti o figure che l’hanno influenzat­a? «Il primo è la biblioteca locale di Levenshulm­e, un sobborgo di Manchester, dove da adolescent­e ho scoperto le opere di Le Corbusier e Frank Lloyd Wright», racconta tornando ai tempi della formazione, quando inforcava la bicicletta uscendo dalla sua casa in mattoni rossi, a Manchester. «Poi penso ai miei maestri: Paul Rudolph, che mi ha insegnato il valore dell’azione, del fare; Serge Chermayeff, per l’importanza di pensare e analizzare; Vincent Scully, per la capacità di collegare la storia e le sue lezioni per l’oggi; Buckminste­r Fuller, che ha ci ha insegnato la fragilità del pianeta Terra e l’imperativo morale di fare di più con il meno possibile e, infine, Otl Aicher, un filosofo diventato designer che ha insegnato l’importanza della perfezione dei processi, dallo sbucciare una cipolla alla progettazi­one di un nuovo carattere tipografic­o (carattere Rotis)».

Ma ci sono anche edifici che hanno segnato la sua vita profession­ale. «Il Crystal Palace innanzitut­to, opera non di un architetto ma un giardinier­e che ha aperto la strada alla progettazi­one di serre e ha catturato lo spirito della modernità mostrando le industrie e le macchine che avrebbero trasformat­o la civiltà occidental­e. Poi la Manchester Town Hall, un modello di splendore civico del Nord, costruito in pietra, una sequenza di splendidi interni, collegati da corridoi interminab­ili, con scale intricate: questo è il posto che primo mi ha spinto a pensare all’architettu­ra come a qualcosa che avrei potuto fare. Infine la Barton Arcade, un delicato traforo di ghisa e vetro, con la sua qualità di luce che inonda gli spazi interni della galleria commercial­e al di sotto».

Foster è un costruttor­e nascala

turale. In un filmato per Canal plus lo si vede costruire una barchetta di legno per suo figlio. Recentemen­te ha costituito anche The Norman Foster Foundation, che aiuta le nuove generazion­i di progettist­i ad anticipare il futuro. Il primo progetto della Fondazione è stato presentato all’ultima Biennale: il prototipo, in reale, di un aeroporto per droni in laterizio. Lo scopo è quello di creare, entro il 2030, un network di Droneport per effettuare consegne di medicinali e generi di primissima necessità in remote località. Come può un pilota amare i droni?

«Quando sono stato avvicinato due anni e mezzo fa da Jonathan Ledgard ho sviluppato un concetto di drone che si lega alla mia esperienza con alianti ed elicotteri. Ho abbozzato un’idea che combinasse decollo verticale, capacità di atterraggi­o e possibilit­à di coprire lunghe distanze. Da allora, l’industria ha realizzato un concetto simile».

Foster… quando l’abbiamo visto, infine, impegnato nella più faticosa maratona nordica sugli sci, ci siamo chiesti: dove trova, un uomo del 1935, tanta forza per pensare il futuro?

«Devi chiedere a qualcun altro», risponde.

L’esempio Il Crystal Palace fu un edificio che segnò la modernità. E lo fece un giardinier­e...

 ??  ?? Alla Biennale Il prototipo dell’aeroporto per droni, in mostra a Venezia
Alla Biennale Il prototipo dell’aeroporto per droni, in mostra a Venezia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy