Ros­sel­la Nap­pi

Corriere della Sera - - SALUTE - An­to­nel­la Spar­vo­li

Re­spon­sa­bi­le Am­bu­la­to­rio di en­do­cri­no­lo­gia gi­ne­co­lo­gi­ca e della me­no­pau­sa Irccs Fon­da­zio­ne San Mat­teo, Uni­ver­si­tà degli Stu­di di Pa­via e non sie­te in dol­ce at­te­sa e pre­su­mi­bil­men­te nean­che in me­no­pau­sa, ma il vo­stro ci­clo è assente da qual­che mese non fa­te fin­ta di niente. In gran par­te dei casi qual­che con­trol­lo e op­por­tu­ni provvedimenti con­sen­to­no di re­cu­pe­ra­re la re­go­la­ri­tà me­strua­le.

«L’ame­nor­rea, ov­ve­ro l’as­sen­za del ci­clo me­strua­le, è più co­mu­ne di quan­to si pen­si. In­te­res­sa infatti fino al 15% delle don­ne in età fer­ti­le tra i 18 e i 35 anni — fa no­ta­re Ros­sel­la Nap­pi, re­spon­sa­bi­le del Centro di pro­crea­zio­ne me­di­cal­men­te as­si­sti­ta e dell’Am­bu­la­to­rio di en­do­cri­no­lo­gia gi­ne­co­lo­gi­ca e della me­no­pau­sa presso l’Irccs Fon­da­zio­ne San Mat­teo, Uni­ver­si­tà degli Stu­di di Pa­via —. Può essere pri­ma­ria, quan­do la prima me­strua­zio­ne in as­so­lu­to non si ve­ri­fi­ca entro i 14-16 anni, e se­con­da­ria, in tut­ti gli al­tri casi».

A che co­sa può essere do­vu­ta l’as­sen­za del ci­clo me­strua­le?

«Le me­strua­zio­ni sono il ri­sul­ta­to di un com­ples­so pro­ces­so che coinvolge nu­me­ro­si or­ga­ni: ipo­ta­la­mo, ipo­fi­si, ova­ie e ute­ro. L’ame­nor­rea può quindi avere ori­gi­ne da ano­ma­lie fun­zio­na­li od or­ga­ni­che a ca­ri­co di cia­scu­no di que­sti di­stret­ti. L’ame­nor­rea pri­ma­ria può essere do­vu­ta a un sem­pli­ce ritardo pu­be­ra­le, ad al­cu­ne mal­for­ma­zio­ne dell’ap­pa­ra­to ge­ni­ta­le op­pu­re ad altre con­di­zio­ni, tal­vol­ta ge­ne­ti­che. In ogni ca­so quan­do il ci­clo non si pre­sen­ta entro i 14 anni, vale la pe­na fa­re un con­trol­lo. Anche le cau­se di ame­nor­rea se­con­da­ria sono nu­me­ro­se. Può in­sor­ge­re, per esem­pio, in se­gui­to a danni all’en­do­me­trio, dopo un ra­schia­men­to per un abor­to spon­ta­neo op­pu­re all’aspor­ta­zio­ne di una pic­co­la por­zio­ne del col­lo dell’ute­ro per le pre­sen­za di le­sio­ni pre­tu­mo­ra­li».

Anche lo stress può cau­sa­re ame­nor­rea?

«Molto più spes­so di quan­to si pen­si il bloc­co delle me­strua­zio­ni può essere pro­vo­ca­to pro­prio da un for­te stress psi­co­fi­si­co, come ac­ca­de in quella che viene de­fi­ni­ta ame­nor­rea fun­zio­na­le ipo­ta­la­mi­ca. Questa con­di­zio­ne col­pi­sce soprattutto le don­ne che si stres­sa­no con fa­ci­li­tà, più spes­so esi­li e de­di­te a un’at­ti­vi­tà fi­si­ca in­ten­sa e con una die­ta molto strut­tu­ra­ta, che può portare ad avere de­fi­cit di ener­gia e nu­trien­ti. In ge­ne­re si tratta di don­ne che hanno anche al­cu­ne pe­cu­lia­ri­tà ca­rat­te­ria­li come scar­sa fles­si­bi­li­tà, dif­fi­col­tà nella ge­stio­ne delle emo­zio­ni, molto esi­gen­ti con se stes­se e con gli al­tri. In que­ste cir­co­stan­ze l’or­ga­ni­smo femminile per­ce­pi­sce un pe­ri­co­lo cor­re­la­to a un ca­ri­co fi­si­co, me­ta­bo­li­co e/o psi­co­lo­gi­co che giu­di­ca ec­ces­si­vo e non ido­neo alla riproduzione e quindi fa in modo che l’ova­io, sep­pu­re fun­zio­nan­te, non venga rag­giun­to dai se­gna­li or­mo­na­li ne­ces­sa­ri per in­dur­re l’ovu­la­zio­ne e, di con­se­guen­za, la me­strua­zio­ne».

C’en­tra qualcosa la sin­dro­me dell’ova­io po­li­ci­sti­co con que­sto problema?

«Sì, la sin­dro­me dell’ova­io po­li­ci­sti­co è un’al­tra ti­pi­ca cau­sa di ame­nor­rea. Si tratta di una con­di­zio­ne che in­te­res­sa le giovani don­ne, dall’ado­le­scen­za fino ai 30 anni. Si tratta di uno squi­li­brio or­mo­na­le do­vu­to a un cat­ti­vo fun­zio­na­men­to delle ova­ie, spes­so as­so­cia­to a so­vrap­pe­so. In particolare, si ve­ri­fi­ca un’ec­ces­si­va pro­du­zio­ne di an­dro­ge­ni (gli or­mo­ni ma­schi­li), ri­spet­to agli estro­ge­ni (gli or­mo­ni fem­mi­ni­li). Le con­se­guen­ze pos­so­no essere diverse. Oltre all’as­sen­za delle me­strua­zio­ni o co­mun­que a ir­re­go­la­ri­tà del ci­clo, ci pos­so­no essere di­ver­si di­stur­bi con­co­mi­tan­ti come, per esem­pio, ac­ne, se­bor­rea, ir­su­ti­smo, per­di­ta di ca­pel­li».

L'as­sen­za delle me­strua­zio­ni è in ge­ne­re accompagnata da al­tri di­stur­bi, tra cui Il primo pas­sag­gio è un'ac­cu­ra­ta raccolta di informazioni sulla paziente, com­pre­se le abi­tu­di­ni alimentari e lo stile di vita in ge­ne­ra­le

Il passo suc­ces­si­vo è nel san­gue, in relazione alla cau­sa so­spet­ta­ta. Tra que­sti

le l'estra­dio­lo la il i l'in­su­li­na, gli ecc.

Agli esa­mi in ge­ne­re si as­so­cia l'ese­cu­zio­ne di un'eco­gra­fia uti­le soprattutto se si so­spet­ta l'ova­io po­li­ci­sti­co Il trattamento dell'ame­nor­rea di­pen­de dalla cau­sa sot­to­stan­te Quan­do l'as­sen­za di me­strua­zio­ni è se­con­da­ria alla in ge­ne­re si pre­scri­ve una pil­lo­la a ba­se di estro­pro­ge­sti­ni­ci con azio­ne an­ti­an­dro­ge­ni­ca, che re­go­la­riz­za il ci­clo me­strua­le e, allo stesso tempo, mi­glio­ra le con­di­zio­ni della pel­le e ri­du­ce la crescita dei pe­li. È inoltre importante un at­ten­to studio del me­ta­bo­li­smo per valutare come in­ter­ve­ni­re sulla die­ta e l'op­por­tu­ni­tà di som­mi­ni­stra­re far­ma­ci mi­ra­ti

In ca­so di gli ap­proc­ci te­ra­peu­ti­ci sono mol­te­pli­ci e van­no dalla con­trac­ce­zio­ne alla te­ra­pia or­mo­na­le so­sti­tu­ti­va. Al­tret­tan­to importante, per cer­ca­re di risolvere il problema alla ra­di­ce, è ri­vol­ger­si, oltre che al gi­ne­co­lo­go, anche a un nu­tri­zio­ni­sta e avere il sup­por­to di uno psi­co­lo­go

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.