Fe­de­rer nel­la storia Re per l’ot­ta­va vol­ta

Fi­na­le sen­za storia, Ci­lic li­qui­da­to in tre set Lo sviz­ze­ro trion­fa e si com­muo­ve «Gio­ca­re fi­no a 40 an­ni? Ma­ga­ri, se dor­mo nel free­zer...»

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - di Ga­ia Pic­car­di

Geor­ge W. Bu­sh, che il 20 mar­zo or­di­na­va al­le trup­pe ame­ri­ca­ne di in­va­de­re l’Iraq, non è più pre­si­den­te. Pa­trick Ewing smet­te­va di es­se­re la ma­glia n. 33 dei Knicks, Mi­chael Jor­dan di vi­ve­re in so­spen­sio­ne e il Con­cor­de di vo­la­re. An­che il Mi­lan di Ber­lu­sco­ni, che a Old Traf­ford bat­te­va la Ju­ve nel der­by di Cham­pions, og­gi non esi­ste più: è dei ci­ne­si. Due lu­stri e quat­tro an­ni più tar­di, Ro­ger Fe­de­rer c’è an­co­ra. E a 35 pri­ma­ve­re e 342 gior­ni gio­ca il mi­glior ten­nis del­la sua vi­ta.

Nel 2003, pri­mo dei suoi 8 Wim­ble­don e dei suoi 19 Slam (re­cord in pu­rez­za, con la chic­ca di es­se­re di­ven­ta­to il più an­zia­no re di un Ma­jor nell’era open), Rug­ge­ro era un ado­le­scen­te sviz­ze­ro di bel­le spe­ran­ze, con la bar­ba lun­ga, il co­di­no e una cer­ta pro­pen­sio­ne, ra­pi­da­men­te cor­ret­ta, a lan­cia­re per ter­ra la rac­chet­ta quan­do l’er­ba si met­te­va in sa­li­ta: «Che or­ro­re, non ri­cor­da­te­me­lo — scher­za og­gi il so­vra­no di Chur­ch Road —. Quat­tor­di­ci an­ni fa ero un ra­gaz­zi­no che fa­ce­va gran­di so­gni e vin­ce­va il tor­neo che già era sta­to dei suoi eroi, Borg, Sam­pras, Ed­berg, i pre­de­ces­so­ri gra­zie a cui so­no di­ven­ta­to un ten­ni­sta mi­glio­re».

Il mi­glio­re, per la pre­ci­sio­ne. Su que­sto, da La­ver a Ro­sewall, da McEn­roe a Bec­ker, gli an­te­na­ti riu­ni­ti sul cen­tra­le (in­sie­me a Wil­liam e Ka­te, The­re­sa May e An­to­nio Con­te) per pre­sen­zia­re all’en­ne­si­ma osten­sio­ne dell’ido­lo pa­ga­no, non c’è di­scus­sio­ne. Ed è un pec­ca­to che la giu­sta ce­le­bra­zio­ne del cam­pio­ne più gran­de non sia pas­sa­ta at­tra­ver­so una fi­na­le di Wim­ble­don de­gna, ma una ve­sci­ca sot­to il pie­de, in­sie­me a quel com­ples­so di in­fe­rio­ri­tà che tra­sfor­ma (qua­si) tutti in pi­vel­li quan­do si tro­va­no sul cen­tre court al co­spet­to del mae­stro, ha im­pe­di­to al n. 6 del mon­do, Ma­rin Ci­lic, di es­se­re com­pe­ti­ti­vo. En­tra­to in cam­po già ma­di­do, ca­pa­ce ap­pe­na del 60% di pri­me pal­le e, quin­di, de­po­ten­zia­to dell’ar­ma le­ta­le, Ci­lic è sta­to più spar­ring part­ner che ri­va­le, spro­fon­dan­do sot­to l’asciu­ga­ma­no in un pian­to di­rot­to sul 6-3, 3-0, quan­do lo spet­ta­co­lo si è fat­to im­ba­raz­zan­te e il sen­so d’im­po­ten­za in­so­ste­ni­bi­le: «Il gior­no più sfor­tu­na­to del­la mia car­rie­ra».

Phi­lip­pous­sis e Rod­dick, ne­mi­ci di quat­tro Wim­ble­don, si so­no ri­ti­ra­ti da se­co­li. Na­dal e Mur­ray, com­pli­ci di al­tre tre or­da­lie er­bi­vo­re, ben­ché più gio­va­ni as­si­sto­no am­mi­ra­ti al­la se­con­da gio­vi­nez­za di que­sto Fe­de­rer in

trion­fo sen­za per­de­re un set, stu­pe­fa­cen­te an­che per se stes­so («Au­stra­lian Open e Wim­ble­don, che sta­gio­ne in­cre­di­bi­le: al­la mia età cre­de­vo di po­ter gio­ca­re be­ne a spraz­zi, non di con­qui­sta­re due Slam...»), che ha tro­va­to in Ivan Lju­bi­cic lo stra­te­ga di cui non ave­va mai avu­to bi­so­gno, nel ri­po­so pro­lun­ga­to il se­gre­to di Pul­ci­nel­la («Pren­der­mi dei break sa­rà sem­pre più ne­ces­sa­rio, per es­se­re ag­gres­si­vo de­vo es­se­re in for­ma: la sa­lu­te è la chia­ve di que­sti ri­sul­ta­ti»), nel­la fa­mi­glia l’amo­re in­con­di­zio­na­to con cui ri­da­re slan­cio ai bat­ti­ti del vec­chio cuo­re.

Ed è sta­to pro­prio quan­do Mir­ka, la mo­glie ado­ra­ta («Me­ra­vi­glio­sa, la mia pri­ma ti­fo­sa: se da do­ma­ni mi di­ces­se che si è stan­ca­ta di viag­gia­re e re­sta a ca­sa, smet­te­rei su­bi­to»), con un col­po di tea­tro ha fat­to com­pa­ri­re in tri­bu­na i quat­tro bel­lis­si­mi ere­di — le ge­mel­le My­la

Ro­se e Char­le­ne Ri­va, 8 an­ni, e i ge­mel­li Leo e Len­nart det­to Len­ny, 3 — che Ro­ger ha ce­du­to di schian­to, met­ten­do­si a sin­ghioz­za­re col na­so ros­so co­me un pu­po. Guar­da­va quel pre­se­pe fa­mi­glia­re, Leo con le di­ta in boc­ca e Len­ny in brac­cio a non­na Ly­net­te, Char­le­ne se­ria se­ria e My­la se­du­ta sul­la ba­lau­stra del box dei gio­ca­to­ri, e non riu­sci­va a trat­te­ner­si, fi­glio de­gli dei del ten­nis al co­spet­to dei suoi fi­gli.

Tor­ne­rà a Wim­ble­don nel 2018? Cer­to, se God con­ti­nue­rà a sal­va­re the Queen e a te­ner­si stret­ta l’in­car­na­zio­ne ter­re­na che ha scel­to per gio­ca­re a ten­nis, quan­do ha il tem­po di far­lo. «Nel 2003 ho vin­to a Lon­dra con la se­gre­ta spe­ran­za di riu­scir­ci di nuo­vo. A 8 ti­to­li non pen­sa­vo nem­me­no nei miei so­gni proi­bi­ti». Giu­ra che con­ti­nue­rai fi­no a 40 an­ni, sviz­ze­ro fa­ta­to: «Se avrò la sa­lu­te e la vo­glia, se di not­te mi co­ri­che­ran­no a dor­mi­re in un free­zer, per­ché no?». È pu­re sim­pa­ti­co, ac­ci­den­ti a lui. E da og­gi, co­me se nel suo ca­so la clas­si­fi­ca si­gni­fi­cas­se qual­co­sa, ri­tor­na nu­me­ro 3.

Sin­go­la­re m. Fi­na­le Fe­de­rer b. Ci­lic 6-3, 6-1, 6-4 Lo spe­cia­le Og­gi dal­le 6, Sky Sport 2 sa­rà in­te­ra­men­te de­di­ca­to a Fe­de­rer e al­le sue ot­to vit­to­rie a Wim­ble­don

Gli ere­di Pa­pà ha vin­to, in tri­bu­na fe­steg­gia­no le ge­mel­le My­la Ro­se e Char­le­ne Ri­va (8 an­ni), i ge­mel­li Leo e Len­nart (3) e Mir­ka, la si­gno­ra Fe­de­rer (Epa)

Col­le­zio­ni­sta Da si­ni­stra, le vit­to­rie di Fe­de­rer nel 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2009, 2012 e, nel­la fo­to gran­de, quel­la di ie­ri, il suo ot­ta­vo trion­fo sui pra­ti di Wim­ble­don (Afp, Epa)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.